Le operazioni segrete  americane alla ricerca dei segreti della Germania nazista

Ci furono molte operazioni segrete di squadre scientifiche con l’obiettivo di portare negli Stati Uniti i segreti della Germania nazista.

Quando gli americani incontrarono i russi a Berlino il 25 aprile, entrambe le parti avevano in Germania dei gruppi scientifici che avevano lo scopo di scoprire i grandi segreti della Germania nazista.

Il gruppo russo arrivò in Germania il 23 aprile 1945.

Le squadre scientifiche americane erano composte da squadre dell'esercito, della marina e dell'aeronautica militare e da agenti dell'intelligence dell'Ufficio dei servizi strategici (OSS) collegati a unità militari speciali chiamate T-force.

Al loro apice le squadre comprendevano più di diecimila uomini sparsi nel Regno Unito (dove aveva sede il loro gruppo di comando, il Combined Intelligence Objectives Subcommittee [CIOS]), Francia, Belgio, Olanda, Lussemburgo e Germania nazista. La missione delle squadre era catturare e interrogare gli scienziati di Hitler, individuare e microfilmare documenti e confiscare tutte le attrezzature utili trovate nei laboratori e nelle fabbriche.

Secondo un diario tenuto dallo scienziato civile John Harris, nel maggio 1945 una di quelle squadre localizzò un impianto chimico della I.G. Farben accuratamente camuffato alla periferia della città tedesca di Gendorf.  Il bottino che Harris e i suoi colleghi scoprirono includevano alcune delle più grandi menti scientifiche nell'industria della guerra chimica di Hitler: Walter Reppe e Otto Ambros. Successivamente si scoprì che Ambros era responsabile di una fabbrica che produceva il gas velenoso usato per uccidere milioni di ebrei nei campi.

In questa fase gli ufficiali militari avevano deciso di ignorare il fatto che sfruttare la conoscenza scientifica tedesca implicava nascondere il fatto che la maggior parte degli scienziati tedeschi erano anche criminali di guerra.

Anche se un braccio dell'esercito americano stava lavorando per consegnare alla giustizia i criminali di guerra nazisti dopo la guerra, un altro braccio stava usando tutti i mezzi necessari per proteggere gli scienziati nazisti e dare loro un rifugio sicuro in America.

Durante la fase di pianificazione per l'invasione della Normandia (6 giugno 1944) era diventato chiaro che la vittoria finale dipendeva dalla rottura della struttura scientifica, economica e industriale del Terzo Reich, nonché dalla sconfitta delle truppe di Hitler sul campo.

Gli scienziati tedeschi avevano scatenato una guerra tecnologica mai vista prima. Buzz bomb (V-1) e razzi V-2 piovvero sulla Gran Bretagna, e in America il Dipartimento della Guerra era terrorizzato al pensiero che Hitler fosse vicino allo sviluppo di una bomba atomica.

L'obiettivo principale degli americani era quello di utilizzare l'intelligenza scientifica raccolta per vincere la guerra contro la Germania nazista e il Giappone. Un obiettivo secondario era quello di aiutare a far progredire la tecnologia dell'esercito americano una volta terminata la guerra.

Una fase dell’operazione, nome in codice "Safehaven", fu progettata per impedire ai tedeschi di fuggire in altri paesi, principalmente in America Latina.

L'operazione Safehaven ( 1944-1948 ) fu un programma di intelligence sviluppato dagli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale come forma di guerra economica contro la Germania e i suoi partner dell'Asse .  Il programma fu ideato e realizzato dagli Stati Uniti in collaborazione con Gran Bretagna e Francia .  Il programma iniziò nel 1944 con la sconfitta nazista incombente e la prova che la Germania stava trasferendo segretamente fonti di capitale a paesi neutrali per sfuggire dalla guerra e potenzialmente aiutare una rinascita del regime nel dopoguerra. 

Inizialmente, l’operazione non prevedeva di portare scienziati tedeschi in America. Il presidente Franklin Roosevelt avrebbe respinto l'idea se gli fosse stata presentata in quel momento.

Roosevelt non ebbe modo di vedere gli scienziati tedeschi entrare negli Stati Uniti, in quanto morì il 12 aprile 1945, ma alcune sue parole esprimevano chiaramente il suo pensiero:

Non credo che dovremmo offrire alcuna garanzia di protezione nel periodo successivo alle ostilità ai tedeschi che lavorano per la vostra organizzazione. Penso che l'attuazione di tali garanzie sarebbe difficile e probabilmente ampiamente fraintesa sia in questo paese che all'estero. Possiamo aspettarci che il numero di tedeschi che sono ansiosi di salvare la pelle e le proprietà aumenterà rapidamente. Tra loro potrebbero esserci alcuni che dovrebbero essere adeguatamente processati per crimini di guerra o almeno arrestati per partecipazione attiva alle attività naziste. Anche con i necessari controlli di cui parli non sono disposto ad autorizzare la concessione di garanzie. Presidente Franklin Roosevelt, "Memorandum for General Donovan," ricevuto dall’ufficio di Donovan il 18 dicembre 1944

Eppure, anche prima della fine della guerra con la Germania nazista, e molto prima che venissero stabilite le politiche ufficiali di Paperclip, i membri delle squadre scientifiche facevano promesse non autorizzate e stringevano accordi con scienziati tedeschi i cui nomi erano apparsi nelle liste dei "ricercati" per crimini di guerra.

La squadra, la cui missione era scoprire se gli scienziati di Hitler avessero sviluppato una bomba atomica, era già in Europa alla ricerca di fisici nucleari chiave quando le altre unità scientifiche arrivarono nel 1944. Nome in codice "Alsos", la squadra della bomba atomica era guidata dal tenente colonnello dell'esercito americano Boris Pash. Nel novembre 1944 la squadra trovò le carte che provavano che il progetto nucleare tedesco era indietro di almeno due anni. 

Boris Theodore Pash, all'anagrafe Boris Fedorovich Pashkovsky, è stato un ufficiale dell'intelligence militare dell'esercito degli Stati Uniti. Ha comandato la missione di Alsos durante la seconda guerra mondiale. Pash è stato anche capo della sicurezza per il Progetto Manhattan durante lo sviluppo della bomba atomica negli Stati Uniti

Mentre il progetto della bomba atomica di Hitler era indietro rispetto a quello americano, non era il caso delle armi chimiche. Le squadre americane del Chemical Warfare Service rimasero scioccate nello scoprire che i tedeschi avevano inventato tre nuovi gas nervini - Tabun, Sarin e Soman - che erano molto più mortali dei gas a disposizione degli alleati a quel tempo. I gas tedeschi erano così superiori che dopo la guerra il Sarin divenne il gas nervino standard dell'America, mentre l'URSS scelse Tabun.

In un'altra parte della Germania nazista, le squadre dell'aeronautica militare degli Stati Uniti stavano rintracciando gli scienziati che progettavano gli aerei a reazione altamente avanzati della Germania, i rifugi sotterranei a prova di bomba, i paracadute e qualsiasi altra cosa avesse a che fare con il combattimento aereo.

Il colonnello Donald Putt ha diretto l'operazione Paperclip che ha portato negli Stati Uniti attrezzature scientifiche, documenti e scienziati aeronautici tedeschi molto significativi

Il colonnello Donald Putt pensava di sapere tutto sugli aerei, ma rimase sbalordito da ciò che trovò a Brunswick. "C'era questo aereo con incredibili ali spiegate", ha ricordato quarant'anni dopo. "Non avevo mai visto niente del genere." Quello che Putt aveva trovato era l'aereo ad ala a freccia di Adolf Busemann, che negli anni successivi divenne un prototipo per gli aerei ad ala a freccia dell'aeronautica americana.

L'istituto di Brunswick era uno dei più grandi complessi scientifici della Germania, con milleduecento specialisti, cinque gallerie del vento e numerosi laboratori. Putt radunò i tedeschi e, senza l'approvazione delle autorità superiori del Dipartimento della Guerra, promise loro posti di lavoro a Wright Field (centro di ricerche e sviluppo all'avanguardia nell’Ohio) se fossero andati con lui in un centro di detenzione per personale catturato a Bad Kissingen. Promise anche di inviare le loro famiglie negli Stati Uniti.

Nel frattempo, il colonnello dell'esercito americano Holger Toftoy era a capo di cinque squadre di intelligence tecnica di Army Ordnance che perlustravano i campi di battaglia alla ricerca di armi, equipaggiamento e della squadra missilistica di Hitler. Come il colonnello Putt, Toftoy era stato a lungo incuriosito dalle questioni tecniche. Prima di diplomarsi al liceo aveva costruito un'automobile partendo da un vecchio motore a benzina e da parti di bicicletta. Ora il laureato di West Point stava cercando il cervello dietro i razzi che hanno colpito Londra.

Holger Nelson Toftoy (31 Ottobre 1902 - 19 Aprile 1967) è stato un ufficiale dell’esercito degli Stati Uniti legato allo sviluppo della missilistica americana.   Durante la seconda guerra mondiale, Toftoy ricevette una richiesta dal colonnello Gervais Trichel, capo del ramo missilistico del dipartimento di ordigni al Pentagono , di acquisire e spedire 100 razzi V-2 operativi al White Sands Missile Range nel New Mexico per i test.

 

Nel frattempo, il colonnello dell'esercito americano Holger Toftoy era a capo di cinque squadre di intelligence tecnica di Army Ordnance che perlustravano i campi di battaglia alla ricerca di armi, equipaggiamento e della squadra missilistica di Hitler.

I membri chiave del gruppo che era stato alla base missilistica di Peenemünde si arresero all'esercito degli Stati Uniti. Il più brillante tra loro era il capo scienziato e progettista, che aveva solo trentadue anni: Wernher von Braun. Von Braun e altri quattrocento esperti di missili furono portati a Garmisch per essere interrogati da Toftoy e altri membri della squadra d'artiglieria.

Quando la Germania nazista si arrese nel maggio 1945, Army Ordnance, CIOS e altre squadre scientifiche avevano valutato quasi tutti i principali obiettivi tecnici e scientifici. Ma scoppiarono gelose rivalità tra le squadre e tra le quattro nazioni alleate, che si contendevano lo stesso bottino di guerra. Quella concorrenza, in particolare con i sovietici, si sarebbe intensificata quando la Germania sarebbe stata divisa in quattro zone occupate

 

Linda Hunt, Secret Agenda