La nuova stazione spaziale cinese di Tiangong. 

La stazione spaziale di Tiangong, o "Palazzo Celeste", è la nuova stazione spaziale permanente della Cina. 

La China National Space Agency (CNSA) è diventata un importante attore spaziale nell'ultimo decennio e la stazione spaziale Tiangong (letteralmente "Palazzo Celeste") è una stazione spaziale modulare cinese in fase di costruzione, parte del quarto programma di stazioni permanenti nello spazio della storia (dopo le Saljut, Skylab, la Mir e la ISS). La stazione svolgerà per lo più missioni scientifiche e la sua costruzione è stata spinta dal governo cinese anche per l’impossibilità di partecipare al progetto ISS.

Il primo modulo è stato lanciato il 29 aprile 2021 e si prevede il suo completamento nel 2023.

Tiangong orbita tra 340 e 450 km sopra la superficie terrestre, collocandola intorno alla stessa altezza orbitale della ISS a 400 km di altitudine. È circa un quinto della massa della ISS e una volta completata sarà di dimensioni paragonabili alla stazione spaziale Mir più piccola e ora dismessa. 

Inoltre la Cina sta sviluppando un veicolo spaziale di nuova generazione per il volo spaziale umano che consentirebbe agli astronauti di viaggiare sulla Luna e su altre destinazioni dello spazio profondo. 

Composizione della stazione spaziale Tiangong

Tianhe – il modulo centrale della stazione spaziale Tiangong è stato lanciato il 29 aprile 2021. Questo modulo è composto da tre sezioni: un quartiere abitativo dove possono vivere i taikonauti (astronauti cinesi), una sezione di servizio non abitabile e un hub di attracco. Un equipaggio di tre "taikonauti" è già a bordo del modulo.

Wentian – questo modulo aggiuntivo è stato lanciato il 24 luglio 2022. Il primo di due moduli di laboratorio – fungerà anche da backup del modulo principale di Tianhe per controllare e gestire la stazione spaziale. La sua camera di equilibrio fungerà da uscita principale per le future passeggiate spaziali e ha un braccio meccanico che verrà utilizzato per aiutare il veicolo spaziale ad attraccare.

Mentian - l'ultimo modulo dovrebbe essere lanciato nell'ottobre 2022. Questo secondo modulo di laboratorio avrà una propria camera di equilibrio per il trasporto delle apparecchiature. 

Telescopio Xuntian – lancio previsto nel 2024, il telescopio a specchio di due metri dovrebbe riprendere fino al 40% dell'intero cielo in dieci anni. Orbiterà con la stazione spaziale in una posizione leggermente diversa, consentendole di attraccare periodicamente con Tiangong per il rifornimento e la riparazione. 

Xuntian

Xuntian (noto anche come Chinese Space Station Telescope o CSST ) è un telescopio spaziale cinese attualmente in fase di sviluppo

 

L'obiettivo della stazione è fornire alla CNSA il know-how per inviare per lunghi periodi equipaggi nello spazio e Tiangong è una componente chiave delle ambizioni della Cina di inviare umani sulla Luna e su Marte.

Perché la Cina ha costruito la propria stazione spaziale?

Nel 2011, la Cina è stata esclusa dalla ISS quando gli Stati Uniti hanno vietato alla NASA di impegnarsi con la Cina in base all'emendamento Wolf (una legge approvata dal Congresso degli Stati Uniti), a seguito delle preoccupazioni sollevate nel Rapporto Cox.  

Questo rapporto, reso pubblico nel 1999, ha sollevato preoccupazioni sulla natura del programma spaziale cinese, delineando come le informazioni tecniche sui lanci di satelliti condivisi dai produttori di satelliti commerciali americani con la Cina potrebbero essere state utilizzate per migliorare la tecnologia del paese sui missili balistici intercontinentali. 

Nonostante ciò, Cina, Russia ed Europa hanno promesso di mantenere aperta la loro cooperazione nello spazio. Quindi, mentre la Cina non prevede di utilizzare Tiangong come un progetto cooperativo globale come la ISS, hanno affermato che la collaborazione straniera non è fuori discussione e hanno garantito la partecipazione degli astronauti stranieri dopo il completamento di Tiangong. 

Il programma spaziale cinese

Il China Manned Space Program (CMS) iniziato nel 1992 è stato progettato per sviluppare e migliorare le capacità del Paese nel volo spaziale umano. Il programma è stato suddiviso in tre fasi: 

Lancio e ritorno di un'astronave con equipaggio: nel 2003, il taikonauta Yang Liwei si è lanciato su Shenzhou 5 diventando il primo cinese ad orbitare attorno alla Terra.

Laboratorio spaziale con capacità di attività extraveicolari, rendez-vous spaziali e procedure di attracco dei veicoli spaziali: proseguimento del volo spaziale insieme al dispiegamento e test di successo con le stazioni spaziali prototipo Tiangong-1 (2011-2018) e Tiangong 2 (2016-2019).

Stazione spaziale a lungo termine: la costruzione di Tiangong è ancora in corso. 

Con il CMS quasi completo, la Cina cercherà di utilizzare la sua stazione spaziale per aiutare l'esplorazione spaziale su larga scala e a lungo termine. 

Oltre al volo spaziale con equipaggio, la Cina ha investito molto nell'esplorazione lunare con il suo programma Chang'e che ha visto Chang'e 5 tornare con campioni dalla Luna nel 2020, il primo riportato dall'era Apollo. Il programma della stazione spaziale di Tiangong aiuterà in modo significativo i loro piani per inviare i primi taikonauti sulla Luna entro il 2030, entrando in competizione per il programma Artemis della NASA.  

La Cina ha recentemente annunciato i suoi piani per portare sulla Terra campioni da Marte entro il 2031 (due anni prima della missione congiunta NASA/ESA) e mira anche a inviare la sua prima missione con equipaggio sul pianeta rosso nel 2033. 

 

Spacecentre, Tiangong Space Station