Il criceto comune (Cricetus Cricetus) è una specie di criceto in via d’estinzione.

Animali in pericolo critico: criceto comune

Il criceto comune (Cricetus Cricetus) è una specie di criceto in via d’estinzione.

#Animaliinpericolocritico, #criceto, #cricetocomune, #europa, #europacentrale, #Russia, #Kazakistan, #letargo, #PaesiBassi, #Belgio, #Francia, #Germania, #Ungheria, #RepubblicaCeca, #Slovacchia, #Romania, #cricetus

Il criceto comune è originario dell’Europa centrale e orientale dove venne studiato per la prima volta nel 1774.

Il criceto comune occupa un areale piuttosto vasto, che dall'Europa occidentale, attraverso le regioni centrali e orientali del continente, la Russia e il Kazakistan, raggiunge a est il fiume Yenisei (Russia asiatica). In Europa si incontra in una fascia di territorio che va da Belgio, Paesi Bassi e Francia settentrionale a ovest alla Russia a est, e da Germania settentrionale, Polonia e Russia a nord alla Bulgaria a sud. 

Il criceto comune occupa un areale piuttosto vasto.

Il criceto comune occupa un areale piuttosto vasto. Clicca sull'immagine per ingrandire.

Il criceto comune è lungo circa 30 centimetri per un peso che va dai 400 ai 650 grammi; i colori classici del mantello sono nero, bianco e crema, oppure testa marrone, dorso rossastro e ventre nero con le zampe chiare. Oltre a esemplari dalla colorazione usuale, la specie comprende anche forme dalle tinte molto diverse, che vanno dagli albini con occhi rossi agli animali dal mantello più o meno sbiadito fino ai criceti completamente neri.

I criceti spesso vanno in letargo nelle loro tane durante l'inverno; l'ibernazione di solito dura da settembre/ottobre ad aprile ma i periodi di ibernazione possono alternarsi a fasi di veglia durante le quali il si nutre di animali nelle sue scorte invernali.

Il suo habitat originale era la steppa fertile e le praterie, ma si è diffuso con successo in una varietà di habitat antropogenici tra cui prati, terreni coltivati ​​(in particolare cereali) e bordi dei campi, bordi stradali e aree incolte nelle fattorie. Nelle parti orientali del suo areale si trova abbastanza spesso in giardini e frutteti, in prossimità di insediamenti umani. È più abbondante in questi habitat artificiali che nei prati naturali. La dieta del criceto consiste in grano e altri cereali, trifoglio, erba medica, fagioli, colza, barbabietola, tuberi di patata .... Invertebrati e piccoli vertebrati costituiscono il 10-15% della dieta.

Il criceto ha ora una popolazione molto bassa e una distribuzione altamente frammentata in paesi come i Paesi Bassi, Belgio, Francia e Germania. Più a est, in Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania.

La specie è ancora relativamente diffusa ma ha anche sofferto di un grave declino e potrebbe essere sull'orlo del collasso.

Le minacce quindi variano di intensità da est a ovest, le più critiche includono:

  • Cambiamenti nelle colture agricole: i criceti preferiscono due tipi di colture (grano, segale, orzo e avena) e legumi perenni (erba medica, trifoglio, misto erba-legumi). L'aumento della coltivazione del mais a scapito di queste colture è dannoso per la specie.
  • Semplificazione delle rotazioni: la raccolta o l'aratura che interessano contemporaneamente grandi aree non lascia un habitat per la specie.
  • Tecniche di raccolta migliorate: i macchinari moderni lasciano meno cibo sul terreno. Criceti, soprattutto i giovani, sono quindi più inclini alla fame.
  • Aratura profonda: le tane sono solitamente 50 cm - 2 m sotto la superficie. L'aratura profonda può distruggere le tane e qualsiasi animale che si trova al loro interno. In particolare i giovani che iniziano con tane poco profonde.
  • Persecuzione: fino a poco tempo fa il criceto era relativamente comune e in alcuni paesi era considerato un parassita agricolo. Di conseguenza un gran numero di soggetti sono stati intrappolati, avvelenati o uccisi per prevenire danni ai raccolti e ai depositi di grano. Questa uccisione deliberata ha avuto un impatto molto significativo sulla specie ed è a causa principale del suo declino.

 

Iucn red list

Common Hamster Cricetus cricetus, EU Wildlife and Sustainable Farming project 2009