La Biosfera, progettata da Renzo Piano, è stata realizzata nell'ambito del restyling urbanistico dell'area di Genova del 2001. E’ una struttura sospesa sul mare, realizzata in vetro e acciaio.

 

Al suo interno è conservato un delicatissimo ecosistema che ospita 150 specie di piante e molte specie animali della foresta pluviale, tra cui anfibi, rettili, insetti, uccelli. 

L'emozione che produce l'ingresso nella foresta della Biosfera permette di cogliere la straordinaria unicità degli ambienti tropicali e la gravità del loro rapido processo di distruzione.

Esistono due sistemi di condizionamento dell'aria: uno artificiale, utilizzato nella stagione invernale, costituito da macchine termiche poste sotto la sfera, che sfruttano il calore dell'acqua del mare per alimentare mediante una pompa di calore una serie di radiatori ed un altro naturale costituito da un sistema di vele mobili che in base alla posizione del sole variano l'incidenza delle radiazioni solari (schermandolo più o meno).

La struttura ideata dal celebre architetto genovese venne inaugurata ufficialmente il 19 gennaio 2002 dall'allora sindaco di Genova Giuseppe Pericu e da Paolo Messina, amministratore delegato della Ignazio Messina & C., che ne aveva finanziato la costruzione, costata all'epoca 4 miliardi di lire, ma una serie di difficoltà tecniche che causarono rischi per la sopravvivenza delle specie animali e vegetali ne comportarono la chiusura nel febbraio del 2003. Dopo i necessari lavori di adeguamento fu riaperta il 1 ottobre 2003. La Biosfera è gestita dalla "Società Pavese di Ornitologia", che gestisce anche l'Oasi di Sant'Alessio, in provincia di Pavia.