Il fuoco è una parte importante degli ecosistemi forestali boreali, che si verifica naturalmente a livello di terreno, guidando le dinamiche fisiche ed ecologiche della composizione, della struttura, della produttività e del ciclo del carbonio e dello stoccaggio delle foreste

 

 

Il fuoco è una parte importante degli ecosistemi forestali boreali, che si verifica naturalmente a livello di terreno, guidando le dinamiche fisiche ed ecologiche della composizione, della struttura, della produttività e del ciclo del carbonio e dello stoccaggio delle foreste . 

Gli incendi si verificano su intervalli da 20 a 500 anni e possono essere naturali oppure causati dall’uomo.

Ogni anno bruciano dai 5 ai 20 milioni di ettari di foresta boreale, emettendo circa 182  Tg  di carbonio (circa il 9,1% delle emissioni globali dovute agli incendi). 

Si ritiene che gli incendi siano importanti per la produttività delle foreste nella zona boreale, poiché la combustione dello strato di lettiera organica delle foglie rilascia sostanze nutritive, che poi diventano sempre più limitate a causa dei bassi tassi di decomposizione man mano che lo strato di lettiera si accumula di nuovo negli anni successivi. 

Esistono anche delle relazioni tra la composizione delle specie delle foreste boreali e i tipi di incendi che si verificano in esse. I regimi di incendio nel boreale nordamericano e boreale euroasiatico sono noti per essere diversi, così come lo sono le composizioni delle specie di quelle foreste

Le foreste nel boreale nordamericano sono più dominanti nelle specie che "abbracciano il fuoco" che vengono sia diffuse che uccise dagli incendi. Gli abeti rossi ( Picea ), che hanno aghi infiammabili e rami di basso livello facilitano il movimento del fuoco dal livello del suolo agli incendi a baldacchino ad alta intensità. 

Le foreste boreali eurasiatiche hanno un numero maggiore di specie resistenti al fuoco, come quelle con corteccia spessa, il larice ( Larix ), che ha un contenuto di umidità più elevato nei suoi aghi, e il pino ( Pinus), che si auto-pota impedendo, per quanto possibile, la propagazione delle fiamme nella parte aerea. Di conseguenza, gli incendi nel boreale euroasiatico sono prevalentemente incendi di superficie, che si verificano con maggiore frequenza, su aree più piccole e bruciano materiale secco e morto sul suolo della foresta. Ciò è in contrasto con gli intensi incendi caratteristici del boreale nordamericano, che si verificano in media ogni 180 anni e coinvolgono vaste aree. 

 Quando le fiamme ad alta intensità nel boreale nordamericano espongono la neve sottostante, viene riflessa più luce solare, generando più raffreddamento durante i mesi primaverili, rispetto all'effetto sulle foreste intatte in Eurasia, che hanno maggiori probabilità di assorbire le radiazioni del sole. 

Tuttavia, prendere in considerazione il pieno impatto degli incendi nel boreale implica osservare l'anidride carbonica e altri gas rilasciati dalla biomassa bruciata, il deposito di fuliggine sulla neve (che diminuirebbe l'albedo delle aree innevate) e l'impatto delle particelle di aerosol che vengono rilasciate nell'aria. 

Determinare l'impatto preciso degli incendi boreali sul cambiamento climatico è un processo complesso. A causa della mancanza di dati storici sugli incendi in alcune regioni, come la Russia, è impossibile sapere se gli eventi attuali siano rappresentativi delle tendenze a lungo termine. Sebbene vi sia un'elevata incertezza nei modelli di feedback climatico, gli studiosi ritengono che l'effetto complessivo degli incendi nella zona boreale sul clima sia neutro.

Molti tipi di foresta, comprese le foreste boreali, sono inclini al fuoco e adattati al fuoco, il che significa che il fuoco è parte integrante e prevedibile del loro funzionamento ecologico. La quantità e la velocità di rilascio di carbonio da un incendio sono direttamente correlate alla combustione del carburante, che dipende dall'entità e dalla gravità dell'incendio, nonché dalle condizioni del sito e dalla produttività precedenti al disturbo . Negli ecosistemi adattati al fuoco e in assenza di importanti cambiamenti climatici e perturbazioni, le perdite di carbonio dovute al fuoco sono bilanciate dall'accumulo di carbonio nella vegetazione e nei suoli vivi e morti.

 

Global forest atlas

Nature