sostenibilità_banner

Ai livelli attuali, le emissioni di gas serra derivanti dal ciclo di vita della plastica minacciano la capacità della comunità globale di mantenere l'aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5 ° C.

La crisi dell'inquinamento da plastica che travolge i nostri oceani è anche una minaccia significativa e crescente per il clima della Terra. Ai livelli attuali, le emissioni di gas serra derivanti dal ciclo di vita della plastica minacciano la capacità della comunità globale di mantenere l'aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5 ° C.

Con le industrie petrolchimiche e della plastica che pianificano una massiccia espansione della produzione, il problema è sulla buona strada per peggiorare molto.

Se la produzione e l'uso di plastica crescono come attualmente pianificato, entro il 2030 queste emissioni potrebbero raggiungere 1,34 gigatonnellate all'anno, equivalenti alle emissioni rilasciate da oltre 295 nuove centrali a carbone da 500 megawatt.

Entro il 2050, il cumulo di queste emissioni di gas serra dalla plastica potrebbe raggiungere oltre 56 gigatonnellate, il 10-13% dell'intero budget di carbonio rimanente.

Quasi ogni pezzo di plastica inizia come un combustibile fossile e i gas serra vengono emessi in ciascuna fase del ciclo di vita della plastica: 1) estrazione e trasporto di combustibili fossili, 2) raffinazione e produzione della plastica, 3) gestione dei rifiuti di plastica e 4) il suo impatto costante sui nostri oceani, corsi d'acqua e paesaggio.

Le attuali emissioni di gas serra dal ciclo di vita della plastica minacciano la nostra capacità di soddisfare gli obiettivi climatici globali

Estrazione e trasporto

L'estrazione e il trasporto di combustibili fossili per la produzione di plastica produce importanti gas serra. Le fonti includono le emissioni dirette, come la fuoriuscita di metano e il flaring, le emissioni dalla combustione di carburante e il consumo di energia nel processo di perforazione di petrolio o gas e le emissioni causate dal disturbo del suolo quando foreste e campi vengono ripuliti per pozzi e condutture.

Raffinazione e produzione

La raffinazione della plastica è tra le industrie che emettono maggiori quantità di gas serra ed è quella in più rapida crescita. La produzione di plastica di per sé grossi quantitativi di energia e ha, allo stesso tempo,  elevate emissioni. Si hanno significative emissioni nel processo di  cracking di alcani in olefine, la polimerizzazione e la plastificazione di olefine in resine plastiche e altri processi di raffinazione chimica.

Gestione dei rifiuti

La plastica viene principalmente collocata in discarica, riciclata o incenerita, ognuno dei quali produce quantità variabili di emissioni di gas serra. Il collocamento in discarica emette il minor numero di gas serra a livello assoluto, sebbene presenti altri rischi significativi. Il riciclaggio ha un profilo di emissioni moderato ma sostituisce la nuova plastica vergine sul mercato, rendendolo vantaggioso dal punto di vista delle emissioni. L'incenerimento porta a emissioni estremamente elevate ed è il motore principale delle emissioni derivanti dalla gestione dei rifiuti di plastica.

A livello globale, l'uso dell'incenerimento nella gestione dei rifiuti di plastica è destinato a crescere notevolmente nei prossimi decenni.

La plastica nell'ambiente

La plastica non gestita finisce nell'ambiente, dove continua ad avere impatti climatici man mano che si degrada. Gli sforzi per quantificare queste emissioni sono ancora nelle fasi iniziali, ma uno studio dimostra che la plastica sulla superficie dell'oceano rilascia continuamente metano e altri gas a effetto serra e che queste emissioni aumentano, mentre la plastica si rompe ulteriormente. Le stime attuali riguardano solo l'1% di plastica sulla superficie dell'oceano. Le emissioni del 99% di plastica che si trova sotto la superficie dell'oceano non possono ancora essere stimate con precisione. Lo studio ha dimostrato che la plastica presente sulle coste, sulle rive dei fiumi e sui paesaggi rilascia gas a effetto serra a una velocità ancora più elevata.

La microplastica negli oceani può anche interferire con la capacità dell'oceano di assorbire e sequestrare l'anidride carbonica.

Gli oceani della Terra hanno assorbito il 20-40% di tutto il carbonio antropogenico emesso dagli albori dell'era industriale. Piante microscopiche (fitoplancton) e animali (zooplancton) svolgono un ruolo fondamentale nella pompa biologica del carbonio che cattura il carbonio sulla superficie dell'oceano e lo trasporta negli oceani profondi, impedendogli di rientrare nell'atmosfera. In tutto il mondo, questi plancton vengono contaminati dalla microplastica. Esperimenti di laboratorio suggeriscono che questo inquinamento plastico può ridurre la capacità del fitoplancton di fissare il carbonio attraverso la fotosintesi. Suggeriscono anche che l'inquinamento da plastica può ridurre i tassi metabolici, il successo riproduttivo e la sopravvivenza dello zooplancton che trasferisce il carbonio nell'oceano profondo.

La ricerca su questi impatti è ancora agli inizi, ma le prime indicazioni che l'inquinamento da plastica possa interferire con il più grande serbatoio di carbonio naturale del pianeta dovrebbero essere motivo di immediata attenzione e seria preoccupazione.

Espansione ed emissioni della produzione di plastica La crescita aggraverà la crisi climatica

I piani delle industrie della plastica e petrolchimica per espandere la produzione di plastica minacciano di esacerbare gli impatti climatici della plastica e potrebbero rendere impossibile limitare l'aumento della temperatura globale a 1,5 ° C.

Se la produzione, lo smaltimento e l'incenerimento della plastica continueranno nella loro attuale traiettoria di crescita, entro il 2030 queste emissioni globali potrebbero raggiungere 1,34 gigatonnellate all'anno, equivalenti a più di 295 centrali a carbone da cinquecento megawatt. Entro il 2050, la produzione di plastica e l'incenerimento potrebbero emettere 2,8 gigatonnellate di CO2 all'anno, rilasciando così le emissioni di 615 centrali a carbone da cinquecento megawatt.

È necessaria un'azione urgente e ambiziosa per fermare gli impatti climatici della plastica

ci sono azioni ad alta priorità che ridurrebbero in modo significativo le emissioni di gas a effetto serra dal ciclo di vita della plastica e avrebbero anche benefici positivi per obiettivi sociali o ambientali.

Questi includono:

  • porre fine alla produzione e all'uso di plastica monouso e usa e getta;
  • arresto dello sviluppo di nuove infrastrutture petrolifere, del gas e petrolchimiche;
  • favorire la transizione verso comunità a rifiuti zero;
  • implementare la responsabilità estesa del produttore come componente fondamentale delle economie circolari;
  • l'adozione e l'applicazione di obiettivi ambiziosi per ridurre le emissioni di gas serra da tutti i settori, compresa la produzione di plastica.

Interventi complementari possono ridurre le emissioni di serra legate alla plastica e ridurre gli impatti ambientali e / o sulla salute della plastica, ma non sono all'altezza delle riduzioni delle emissioni necessarie per raggiungere gli obiettivi climatici.

Ad esempio, l'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili può ridurre le emissioni energetiche associate alla plastica, ma non affronterà le significative emissioni di processo dalla produzione di plastica, né fermerà le emissioni dei rifiuti di plastica e dell'inquinamento. Strategie peggiori, a bassa ambizione e false soluzioni (come la plastica a base biologica e biodegradabile) non riescono ad affrontare, o potenzialmente peggiorano, gli impatti dei gas serra del ciclo di vita della plastica e possono esacerbare altri impatti sull'ambiente e sulla salute.

In definitiva, qualsiasi soluzione che riduca la produzione e l'uso della plastica è una strategia forte per affrontare gli impatti climatici del ciclo di vita della plastica.

 

CIEL, Report: Plastic & Climate, 2019