Stampa
Categoria: Una breve introduzione alla società attuale
Visite: 258

I giovani di tutto il mondo stanno vivendo la loro seconda grande crisi globale in un decennio: la crisi finanziaria ed ora la pandemia.

I giovani (di età compresa tra i 15 ei 24 anni) di tutto il mondo stanno vivendo la loro seconda grande crisi globale in un decennio: la crisi finanziaria ed ora la pandemia.

Dovranno affrontare gravi sfide per la loro istruzione, le prospettive economiche e la salute mentale.

Le prospettive per questa generazione erano già state ridotte dal degrado ambientale, dall'aumento della disuguaglianza (di molti tipi: di genere, intergenerazionale, economica ed etnica), dai vari gradi di violenza e dal disagio sociale. Il balzo in avanti del digitale ha sbloccato delle opportunità per alcuni giovani ma molti diventeranno forza lavoro in un'era glaciale del lavoro.

Secondo il Global Risks Perception Survey (GRPS), la "disillusione giovanile" è uno dei principali rischi trascurati che diventerà una minaccia critica per il mondo nei prossimi due anni

Crescenti disparità

Le politiche fiscali globali a seguito della Grande Recessione hanno portato a guadagni di prosperità disuguali tra le società e le generazioni.

I pacchetti di stimolo finanziario su larga scala non sono stati sufficienti e le misure di austerità hanno ostacolato gli investimenti nell'istruzione. Di conseguenza, molti giovani hanno continuato a svolgere lavori precari. In Pre-COVID, i bambini e i giovani rappresentavano i due terzi dei poveri del mondo. Il COVID-19 ha gravemente peggiorato questa situazione.

La privazione dei diritti civili dei giovani è stata amplificata dalla delusione per la lenta ripresa economica dalla crisi finanziaria del 2008-2009, dalla frustrazione per una élite apparentemente corrotta e inefficace.

Questo malcontento è stato evidenziato dal numero crescente di movimenti guidati dai giovani che sono scoppiati nell'ultimo decennio, tra cui la Primavera Araba, gli scioperi globali per il clima ei movimenti per i diritti civili che cercano una maggiore uguaglianza sociale e razziale.

Sistemi educativi fragili

L'anno 2020 ha visto sfide senza precedenti per il sistema educativo globale.

Durante la prima ondata dei blocchi pandemici, l'80% degli studenti di tutto il mondo non andava a scuola, poiché l'insegnamento tradizionale in classe era disattivato. Nonostante l'adattamento a livello mondiale per l'insegnamento a distanza tramite televisione, radio e Internet, c'erano forti differenze regionali nella capacità.

Gli studenti delle famiglie ad alto reddito hanno potenzialmente beneficiato di modalità di apprendimento più mirate e individualizzate, ma i giovani a corto di risorse hanno faticato a partecipare alle opportunità educative in assenza di connettività digitale, sostegno agli adulti o spazio adeguato per studiare a casa.

La scuola e il lavoro a domicilio hanno aumentato lo stress familiare. Nelle aree in cui la scuola fornisce anche l’accesso al cibo e a uno spazio sicuro, la chiusura delle scuole espone gli studenti a un rischio maggiore di lavoro minorile, reclutamento da parte della criminalità organizzata, tratta di esseri umani  e violenza armata.

La chiusura delle scuole ha avuto conseguenze devastanti sulle giovani donne.

La violenza di genere è aumentata a livello globale durante la pandemia, e gli stupri sono aumentati sia nei paesi avanzati che in quelli in via di sviluppo.

Turbolenze occupazionali

Sebbene molte economie si siano riprese dalla crisi finanziaria del 2008-2009, quelle più colpite dalla Grande Recessione non l'hanno mai fatto completamente. Di conseguenza, la disoccupazione giovanile è aumentata a livello globale dal 2008.

L'aumento dei programmi di lavoro non vincolati, i tirocini non retribuiti o poco pagati hanno spinto i giovani lavoratori a saltare tra lavori a breve termine a bassa retribuzione.

Le distorsioni del mercato del lavoro hanno ridotto le opportunità di lavoro per i giovani: una carenza di opportunità di lavoro per i giovani altamente istruiti in alcuni settori e una "crisi delle competenze" in altri.

Le risposte politiche al COVID-19 hanno ulteriormente esacerbato l'emarginazione dei giovani lavoratori.

Complessivamente, si prevede che il numero di giovani che non lavorano e non studiano, già al 21% all'inizio del 2020, dovrebbero aumentare nel 2021.

La mancanza di opportunità per la futura partecipazione economica, sociale e politica potrebbe avere conseguenze globali di lunga durata.

A causa del lockdown è stato perso circa un semestre di istruzione che, con l'assenteismo, potrebbe influire sul rendimento scolastico futuro.

Gli studenti  della scuola secondaria e università avranno più difficoltà ad acquisire le competenze necessarie per proseguire l'istruzione o la formazione professionale, o anche per assicurarsi posti di lavoro di livello iniziale.

L’ istruzione o formazione è ancora più importante per i "lavori del futuro" .

Per i giovani lavoratori, un mese di disoccupazione all'età di 18-20 anni può causare una perdita di reddito permanente del 2% in futuro.

Nelle economie in cui il lavoro informale è predominante, soprattutto a causa dell'elevata quota di professioni dell'industria agricola e dei servizi, la mancanza di protezione sociale aumenta il rischio dei lavoratori di scivolare rapidamente nella povertà.

La moltitudine di proteste giovanili incarnano un accresciuto sentimento di tradimento da parte della generazione al potere per un'azione insufficiente in materia di giustizia sociale e climatica, cambiamento politico e corruzione.

Il COVID-19 ha aggiunto una nuova criticità alla disillusione giovanile con le loro terribili prospettive economiche, mancata istruzione e disapprovazione della risposta di emergenza del governo.

Il malcontento giovanile potrebbe ingolosire la criminalità organizzata, i gruppi estremisti, a deviare i soggetti più deboli.

Solitudine causata dal lockdown, stress da perdita del lavoro, ansia, depressione, disturbo da stress post-traumatico sono tutti fattori che possono rendere i giovani più suscettibili a idee divisive. Movimenti giovanili più radicali potrebbero portare ad un aumento delle tensioni intergenerazionali.

I sistemi politici ed economici dovranno adattarsi a livello globale per rispondere direttamente alle esigenze dei giovani e ridurre al minimo il rischio di una generazione persa.

E’ necessario migliorare i settori dell'istruzione e della riqualificazione.

Coloro che sono al potere devono guidare uno sforzo globale per aprire percorsi affinché i giovani acquisiscano gli strumenti, le competenze e i diritti necessari per un mondo post-pandemia più SOSTENIBILE.

 

Global Risks Report 2021