Stampa
Categoria: Possibili rischi futuri
Visite: 221

La nostra salute, i mezzi di sussistenza e le economie dipendono dalla natura. 

La crisi finanziaria globale del 2008 ha avuto effetti catastrofici su tutti gli elementi della società con pochissime economie rimaste intatte. 

Ha provocato una recessione globale che è stata la più grave dalla Grande Depressione degli anni '30. Ciò è stato causato da un'eccessiva assunzione di rischi in un'economia apparentemente fiorente; attingere troppe risorse per estendere affari e profitti con guadagni a breve termine; e politiche, meccanismi di regolamentazione e istituzioni che erano semplicemente troppo lassisti e inefficaci. Milioni di persone hanno perso il lavoro, la casa e i mezzi di sussistenza e grandi quantità della loro ricchezza sono scomparse dall'oggi al domani.

Dalle ceneri di questa crisi è sorta una nuova alba per la finanza globale, dove un maggiore controllo e controllo delle banche e di altre istituzioni finanziarie è diventato la norma. 

I governi hanno allentato la politica fiscale in modo più strategico per stimolare e sostenere le economie, ma non a scapito della società. Sono state istituite entità internazionali, come il Financial Stability Board (FSB), istituito dal G20 per monitorare e formulare raccomandazioni sul sistema finanziario globale ed evitare il ripetersi di un crollo economico globale a cascata.

Per decenni non siamo riusciti a gestire il nostro portafoglio globale di attività in modo sostenibile poiché abbiamo impoverito in modo significativo il nostro capitale naturale. 

Le stime mostrano che dall'inizio degli anni '90 il capitale prodotto pro capite è raddoppiato e il capitale umano pro capite è aumentato di circa il 13% a livello globale, mentre lo stock di capitale naturale pro capite è diminuito di quasi il 40%.



clicca sulla figura per ingrandire

Attingendo a tal punto il nostro capitale naturale, ci assumiamo rischi enormi e sproporzionati, senza che i meccanismi di regolamentazione siano universalmente applicati. 

Non stiamo investendo in queste risorse anche se sono alla base degli elementi fondamentali di ogni aspetto della nostra vita.

La nostra salute, i mezzi di sussistenza e le economie dipendono dalla natura. 

Più della metà del PIL mondiale è fortemente o moderatamente dipendente dalla natura . 

Ci stiamo avvicinando a punti di svolta irreversibili e pagheremo tutti un prezzo alto per non agire ora. 

La pandemia COVID-19 ha messo a fuoco il nostro rapporto disfunzionale con la natura e ha dimostrato in modo devastante che ignoriamo la natura - e la sua biodiversità associata - a nostro rischio e pericolo. Sebbene l'umanità abbia prosperato immensamente negli ultimi decenni, ciò ha comportato un costo elevato per il mondo naturale, con una pesca eccessiva dilagante, una deforestazione senza sosta e tassi di estinzione della biodiversità 1.000 volte superiori rispetto a qualsiasi momento nella storia umana.

È tempo di investire sulla natura.

L’umanità ha fallito collettivamente nello sfruttare la natura in modo sostenibile. Eppure continuiamo a consentire e ad esacerbare questo declino della natura sovvenzionando attività dannose per la natura.

Porre fine al declino della natura e quindi invertire la perdita di biodiversità richiederà a tutti noi di agire. 

Il nostro sistema finanziario globale deve essere quello in cui misurare e gestire le dipendenze, gli impatti e i rischi legati alla natura diventa la norma e non l'eccezione. Una vera comprensione degli impatti ecologici e delle conseguenze dei nostri modelli di consumo e produzione incoraggerà il cambiamento del comportamento, come optare per diete più sostenibili e ridurre gli sprechi.

D'ora in poi dobbiamo includere l'ambiente naturale nei programmi di studio dei nostri figli. L'introduzione di una nuova qualifica in storia naturale nelle scuole del Regno Unito a partire dal prossimo anno è un passo promettente che dovrebbe essere emulato da altri paesi.

Ognuno di noi è un amministratore della natura e ha la responsabilità di investire e proteggere questo bene più prezioso da cui tutti dipendiamo. 

I leader di governo hanno un'opportunità storica per salvaguardare la natura attraverso politiche intelligenti, e anche coloro che lavorano nel mondo della finanza devono lasciarsi alle spalle il disprezzo prevalente per la natura e investire invece in un pianeta fiorente. 

Investire in un'economia positiva per la natura in settori chiave potrebbe creare fino a 10.000 miliardi di dollari di entrate annuali aggiuntive e risparmi sui costi e 395 milioni di posti di lavoro entro il 2030 .

Possiamo ritirarci negli affari come al solito, con tutta la distruzione che ciò continuerà a comportare. 

Oppure possiamo usare questo momento per fare un balzo in avanti e riunirci per uno scopo comune e cercare un mondo migliore, dove rigeneriamo la natura per costruire resilienza e salute.

 

 

World Economic Forum, Nature is our most precious asset – we must all act now to save it