Si prevede che il 2050 sarà un anno tetro per l’oceano

Entro il 2050 nei mari ci sarà più plastica che pesce. I 10 obiettivi per salvare il mare

Si prevede che il 2050 sarà un anno tetro per l’oceano

 Gli esperti dicono che entro il 2050 potrebbe esserci più plastica che pesce nel mare , o forse rimarrà solo la plastica. Altri dicono che il 90% delle nostre barriere coralline potrebbero essere morte, che potrebbero scatenarsi delle ondate di estinzione marina di massa e che i nostri mari potrebbero essere surriscaldati, acidificati e privi di ossigeno.

Un tale futuro, tuttavia, non è ancora scritto sulla pietra. Un oceano futuro più sano, più completo e forse anche più redditizio potrebbe essere ancora a portata di mano, almeno per un po '.

Ecco 10 passaggi che potrebbero portarci verso un futuro oceanico più desiderabile.

Fermare il cambiamento climatico è il passo più difficile ma più importante che possiamo compiere per la salute degli oceani. È una buona notizia riavere gli Stati Uniti nell'accordo di Parigi. Tuttavia, ora abbiamo bisogno di impegni nazionali ambiziosi per raggiungere la neutralità del carbonio da parte di tutti i firmatari dell'accordo. 

Dobbiamo rendere reali gli impegni in materia di neutralità del carbonio

Ciò richiederà nuovi e massicci investimenti nelle fonti di energia rinnovabile, comprese alcune soluzioni più sperimentali (come la fusione nucleare), oltre a cercare di rendere più sicure e più praticabili le vecchie soluzioni energetiche a basse emissioni di carbonio (come il nucleare tradizionale). Dobbiamo accelerare lo sviluppo di batterie sostenibili di nuova generazione per immagazzinare questa energia in modo intelligente attraverso le nostre reti. Ciò include le principali esigenze di infrastrutture energetiche marine. Un futuro, ad esempio, con porti elettrificati e navi a basse emissioni contribuirebbe ad eliminare l'epidemia di rumori oceanici assordanti, ad affrontare le ingiustizie ambientali associate all'inquinamento nei porti, rendere le fuoriuscite di petrolio un ricordo del passato e ridurre significativamente le emissioni globali.

Rivoluzione blu.  Di recente, l'agricoltura oceanica, o acquacoltura, è aumentata di oltre il 1.000% negli oceani.  L'agricoltura nei posti giusti, con le specie giuste e le pratiche giuste potrebbe rendere l'acquacoltura una vittoria per la salute umana e ambientale. Ricerca alimentare oceanica  potrebbe anche aiutarci a soddisfare la crescente domanda di prodotti ittici in modo sostenibile.

30 x 30. I parchi proteggono alcuni dei nostri pezzi più importanti della natura sulla terraferma. Siamo ampiamente in ritardo  nella creazione di parchi in mare. Dobbiamo seguire le chiamate per proteggere il 30% del nostro oceano entro il 2030. Questo deve riguardare tanto la qualità quanto la quantità. Dobbiamo utilizzare algoritmi di pianificazione intelligenti e l'intelligenza delle popolazioni locali e indigene per selezionare il 30% del mare da proteggere.  Dobbiamo sviluppare e implementare nuove tecnologie per monitorare e proteggere le risorse viventi che ci sono negli oceani.

L'altro 70%. Una rivoluzione industriale oceanica  sta iniziando. L'industria umana nel mare sta crescendo a tassi esponenziali . Anche se riusciamo a proteggere il 30% dell'oceano, dobbiamo comunque suddividere e gestire in modo intelligente questa crescita antropica accelerata nella maggior parte del nostro oceano non protetto.  I passi per sostenere in modo sostenibile una rivoluzione industriale oceanica includono la gestione responsabile della pesca, l' eliminazione dei sussidi alla pesca dannosi e il fare i conti con il fatto che alcune nuove industrie marine , come l'estrazione mineraria oceanica, sono semplicemente troppo pericolosi per poter entrare nell'oceano.

Un nuovo Trattato delle Nazioni Unite per la biodiversità. La maggior parte dell'oceano appartiene a tutti noi. Ciò include i due terzi dell'oceano in alto mare che si trova oltre i confini oceanici di tutte le nazioni e le regioni marine che circondano l'Antartide. La protezione della biodiversità e l'equa condivisione delle risorse è scivolata attraverso antiquate lacune di governance in questi spazi oceanici internazionali. Ma una proposta di nuovo Trattato delle Nazioni Unite per la biodiversità in alto mare e negoziati per gestire e proteggere in modo sostenibile le acque antartiche potrebbero aiutare.

Porre fine all'inquinamento da plastica. L'inquinamento da plastica è il nuovo cancro dell'oceano. Dobbiamo vietare le plastiche non necessarie e tassare altre plastiche monouso, rendendole finalmente materiali preziosi che vogliamo recuperare e aiutandoci a pagare l'intero costo del loro impatto ambientale. Abbiamo bisogno di ricerca e tecnologia per evitare che la plastica fuoriesca in mare, per revisionare i nostri sistemi di riciclaggio e per progettare alternative economicamente valide alla plastica. Questo progresso può essere accelerato da un "Accordo di Parigi" internazionale proposto per l'inquinamento da plastica .

Terra. Possiamo aiutare l'oceano impostando prima alcune cose sulla terraferma. Dobbiamo aumentare in modo massiccio la nostra ambizione di salvare le nostre foreste, bloccando così un'enorme fetta di anidride carbonica. Dobbiamo smetterla di versare in modo dispendioso megatoni di costosi fertilizzanti nei fiumi che stanno creando centinaia di zone morte marine . L'agricoltura di precisione che ottimizza l'uso dei fertilizzanti, insieme ad altre pratiche di riforma agricola, può aiutare.

Oceano cablato. Abbiamo bisogno di più dati sull'oceano. Ciò include una nuova tecnologia per rilevare la pesca illegale e connettere i pescatori sostenibili ai consumatori. Abbiamo bisogno della tecnologia per aiutare la fauna marina a rischio di estinzione a coesistere con l'industria oceanica e le flotte di sensori ambientali sopra e sotto l'acqua per studiare meglio il nostro oceano in rapida evoluzione.

Equità oceanica. Per costruire un oceano sano, dobbiamo garantire che tutte le persone abbiano un interesse equo nel suo successo e che non siano più danneggiate in modo diseguale dai rischi per la salute degli oceani. Il destino dell'oceano influenzerà le persone in tutte le comunità. 

 

Realizzare le previsioni apocalittiche per un oceano 2050 sarà fin troppo facile. Modificare quel futuro oceanico potrebbe essere una delle cose più difficili che dobbiamo raggiungere collettivamente. 

 

World Economic Forum, A 10-step plan to save our seas