Limitare il riscaldamento a 1,5 ° C "dimezzerebbe" il contributo del ghiaccio terrestre all'innalzamento del livello del mare entro il 2100

aumento del livello del mare

Secondo una nuova ricerca, mantenere l'aumento della temperatura globale a non più di 1,5°C, piuttosto che seguire gli attuali impegni sulle emissioni, potrebbe dimezzare l'innalzamento del livello del mare dovuto allo scioglimento del ghiaccio terrestre entro il 2100.

Uno studio della rivista Nature , stima che, se gli attuali impegni a ridurre le emissioni verranno rispettati, la perdita di ghiaccio terrestre determinerà un aumento di circa 25 cm del livello del mare entro il 2100. Tuttavia, questo scende a 13 cm se il riscaldamento è limitato a 1,5°C sopra i livelli preindustriali .

Secondo gli autori, i ghiacciai montani e le calotte glaciali della Groenlandia e dell'Antartide risponderanno ai livelli di riscaldamento inferiori in modi diversi. La perdita di massa della calotta glaciale della Groenlandia si ridurrebbe del 70%, mentre il contributo dell'Antartide è relativamente consistente a tutti i livelli di riscaldamento a causa dei "processi concorrenti" dello scioglimento dei ghiacci e dell'aumento delle nevicate.

Gli autori indagano anche su uno scenario "pessimistico, ma plausibile" di scioglimento dall'Antartide, scoprendo che - se si ipotizza il comportamento più estremo della calotta glaciale - la perdita di ghiaccio in Antartide potrebbe essere cinque volte superiore. Ciò spingerebbe l'innalzamento del livello del mare causato dal ghiaccio terrestre nel 2100 da 25 cm a 42 cm in base agli attuali impegni sulle emissioni.

Tuttavia, un secondo studio avverte che la perdita di ghiaccio dall'Antartide potrebbe essere ancora maggiore. Gli autori suggeriscono che un processo chiamato "instabilità della scogliera di ghiaccio marino" potrebbe entrare in gioco se il riscaldamento globale non fosse limitato a 2°C, determinando potenzialmente un "brusco salto" nel tasso di perdita di ghiaccio in Antartide.

Il nuovo studio si concentra sul "ghiaccio terrestre", che include i ghiacciai montani e le colossali calotte glaciali che ricoprono la Groenlandia e l' Antartide. Secondo il rapporto speciale del 2019 sull'oceano e la criosfera in un clima che cambia dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), lo scioglimento dei ghiacci terrestri ha causato l'innalzamento della metà del livello del mare dal 1993.

Gli autori hanno studiato il potenziale scioglimento del ghiaccio terrestre in sei scenari futuri di riscaldamento e sviluppo socioeconomico . Gli scenari vanno dallo scenario SSP1-19 a basse emissioni e alta uguaglianza - coerente con il mantenimento del riscaldamento al di sotto di 1,5°C nel 2100 - allo scenario SSP5-85 ad alte emissioni e bassa uguaglianza . Gli autori includono anche uno "scenario NDC" in cui tutti i paesi soddisfano i loro " contributi determinati a livello nazionale " - impegni a ridurre le emissioni ai sensi dell'accordo di Parigi .

Il grafico sottostante mostra l'innalzamento previsto del livello del mare dalle diverse componenti del ghiaccio terrestre entro l'anno 2100. Lo scenario di riscaldamento futuro più basso è a sinistra e lo scenario di riscaldamento più alto è a destra. Il contributo dei ghiacciai è mostrato in blu scuro, la calotta glaciale della Groenlandia in blu medio e la calotta antartica in azzurro.

Previsione dell’innalzamento del livello del mare

Previsione dell’innalzamento del livello del mare dai ghiacciai (blu scuro), dalla calotta glaciale della Groenlandia (blu medio) e dalla calotta antartica (azzurro) in sei futuri scenari di riscaldamento, entro il 2100. Clicca sull'immagine per ingrandire.

Il grafico mostra che il passaggio dagli attuali impegni sulle emissioni (NDC) a uno scenario di riscaldamento di 1,5°C (SSP1-19) dovrebbe ridurre la perdita di massa dalla calotta glaciale della Groenlandia del 70% e dimezzare la perdita di massa dai ghiacciai.

Tuttavia, secondo lo studio, la risposta della calotta glaciale antartica al riscaldamento è più "complessa". Temperature più calde consentono all'atmosfera di trattenere più umidità , portando a un aumento delle nevicate e consentendo alla calotta glaciale di guadagnare massa.

Per l'Antartide orientale, le sue dimensioni - contiene abbastanza ghiaccio da innalzare il livello del mare di 53,3 metri, rispetto ai 4,3 metri dell'Antartide occidentale - significa che i guadagni di nevicate superano l'aumento della perdita di massa dallo scioglimento ai suoi bordi.

A causa di questi "processi concorrenti" di scioglimento e nevicate, lo studio conclude che il contributo dell'Antartide all'innalzamento del livello del mare è abbastanza coerente nei diversi scenari - a circa 4 cm entro il 2100.

Oltre alle proiezioni standard, gli autori hanno fatto una serie di proiezioni "pessimistiche, ma fisicamente plausibili" per l'Antartide che includono il "collasso della piattaforma di ghiaccio". Questo processo ha luogo quando si formano pozze d'acqua sulla superficie delle piattaforme di ghiaccio - lastre di ghiaccio galleggianti che sono permanentemente attaccate alla massa terrestre. Se le vasche diventano abbastanza grandi, possono causare il "collasso" dei ripiani, consentendo a grandi sezioni di ghiaccio di staccarsi dalla lastra di ghiaccio principale.

Con queste previsioni pessimistiche, l'innalzamento del livello del mare passerebbe da 4 cm a 21 cm entro il 2100 in tutti gli scenari.

 

Edwards, T.L., Nowicki, S., Marzeion, B. et al. Projected land ice contributions to twenty-first-century sea level rise. Nature 593, 74–82 (2021)

DeConto, R.M., Pollard, D., Alley, R.B. et al. The Paris Climate Agreement and future sea-level rise from Antarctica. Nature 593, 83–89 (2021)

Limiting warming to 1.5°C would ‘halve’ land-ice contribution to sea level rise by 2100