Dal 1979 i satelliti stanno misurando la temperatura terrestre dallo spazio.

 Esplorare il clima con i satelliti

I satelliti in orbita polare circondano la Terra circa ogni 90 minuti. Ad ogni passaggio intorno alla Terra, i satelliti seguono un’orbita leggermente diversa fornendo una copertura quasi completa dell'intera superficie terrestre.

I satelliti registrando le radiazioni emesse della Terra, gli scienziati possono misurare la temperatura del nostro pianeta dallo spazio.

Lo strumento che viene utilizzato sulla maggior parte dei satelliti meteorologici è chiamato microonde sounding unit (MSU). L'MSU registra il calore irradiato dalla Terra sotto forma di onde infrarosse invisibili, che vengono quindi interpretate come temperatura.

Uno dei principali vantaggi dei satelliti è che monitorano quasi l'intera superficie terrestre ogni giorno, fornendo il più grande database statistico e la più grande risoluzione di variazione da un luogo a un altro sulla Terra.


Vedere i dati in tempo reale dal sito della NASA


 

I satelliti, tuttavia, sono limitati nella loro capacità di separare le temperature dei diversi strati atmosferici, sebbene alcune informazioni di altitudine possano essere estratte dai dati. I satelliti, trasportando 13 diversi strumenti,  sono in grado di fornire anche un profilo della temperatura dalla superficie terrestre attraverso la troposfera (dalla superficie a circa 10 km) e la stratosfera (da circa 10-30 km).

Gli scienziati che lavorano con i dati MSU hanno incontrato alcuni problemi iniziali nell'interpretazione dei dati della temperatura attraverso gli strati dell'atmosfera. Queste discrepanze sono state corrette e i dati dei satelliti sono ora in accordo con le misurazioni ottenute con i palloni metereologici e termometri superficiali. Le osservazioni fin qui analizzate confermano che: