Stampa
Categoria: Cambiamenti climatici
Visite: 218

I nuovi obiettivi a lungo termine della Cina, per raggiungere il picco delle emissioni prima del 2030 e raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060

Il presidente Xi ha annunciato il nuovo obiettivo della Cina di raggiungere il picco delle emissioni di CO2 prima del 2030 e raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060. L’annuncio è stato ampiamente accolto con favore.

Emissioni dei gas clima alteranti dei singoli paesi, dati 2018. Clicca sull’immagine per ingrandire

Xi ha delineato gli elementi preliminari del nuovo contributo determinato a livello nazionale che la Cina dovrebbe presentare - come tutti gli altri firmatari dell'accordo di Parigi - prima della COP26 alla fine del 2021. Xi ha affermato che la Cina mirerà entro il 2030 a ridurre l'intensità di carbonio per unità di PIL di oltre il 65% rispetto ai livelli del 2005 (rispetto all'attuale obiettivo del 60% -65% entro il 2030) e aumenterebbe la quota di combustibili non fossili nel consumo di energia al 25% entro il 2030 (rispetto all'attuale obiettivo del 20% ).

Questi obiettivi preliminari hanno sollevato dubbi sulla fattibilità della Cina di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060. I continui investimenti della Cina nel carbone, componente primaria mix energetico della contea, hanno rafforzato questi dubbi.

Produzione di energia in Cina, dati 2018. Clicca sull’immagine per ingrandire.

 

Le stime attuali indicano che le emissioni della Cina continueranno ad aumentare ogni anno, a un tasso  compreso tra l'1% e l'1,7% fino al 2025.

 

 

 

García-Herrero, A. e S. Tagliapietra (2021) `` Il grande obiettivo della neutralità del carbonio della Cina non convince '', Bruegel Blog , 14 aprile