Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Alla conferenza di Yalta i capi politici dei tre principali paesi alleati presero alcune decisioni importanti sul proseguimento del conflitto, sull'assetto futuro della Polonia, e sull'istituzione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

 

 

La conferenza di Yalta fu un vertice tenutosi dal 4 all'11 febbraio 1945 presso Livadija (3 km a ovest di Yalta), in Crimea, durante la Seconda guerra mondiale, nel quale i capi politici dei tre principali paesi alleati presero alcune decisioni importanti sul proseguimento del conflitto, sull'assetto futuro della Polonia, e sull'istituzione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

La conferenza era identificata nei documenti segreti con il nome in codice "Argonaut".

 

I capi delle potenze alleate arrivarono a Yalta il 3 febbraio 1945. In questo giorno, il cielo sopra la Crimea era sorvegliato da 160 aerei sovietici.

La penisola di Crimea era stata sotto l’occupazione tedesca per 865 giorni. I nazisti avevano distrutto l'intera industria della Crimea, abbatterono vecchi vigneti, saccheggiarono e bruciarono la maggior parte dei musei, delle biblioteche e dei palazzi, fecero saltare in aria il più antico osservatorio astronomico di Simeiz in Russia. Durante l'occupazione, i tedeschi avevano sterminato oltre 200 mila civili.


Alla conferenza di pace a Yalta erano presenti solo pochi cameraman militari. Joseph Stalin, insieme alla delegazione sovietica, arrivò in Crimea in treno tre giorni prima dell'arrivo degli Alleati. Il 4 febbraio incontrò per la prima volta i leader delle Potenze Alleate.

La conferenza ebbe inizio il 5 febbraio e si concluse l’11 febbreio. All’apertura dei negoziati Stalin, inaspettatamente, chiese a Roosevelt di aprire la conferenza e di essere il suo presidente. I negoziati a Yalta divennero l'unico caso nella storia del mondo: il futuro dell'Europa e dell'intero pianeta dipendevano interamente da soli tre stati  (l'URSS, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna).

 

All'ordine del giorno c'era la questione di dividere la Germania in zone di occupazione. Il paese avrebbe dovuto distinguere tre zone, i cui confini dovrebbero corrispondere alla posizione degli eserciti alleati. Era una soluzione temporanea per ripristinare l'ordine.

Il 10 febbraio, i capi delle potenze alleate si radunarono nel cortile del palazzo Livadia. Davanti agli obiettivi delle foto e delle videocamere, sorrisero e si strinsero la mano. Stalin era riuscito a difendere gli interessi dell'URSS in Europa orientale. Roosevelt voleva una fine precoce della guerra e l'inizio di una nuova era di relazioni internazionali. Churchill non era riuscito a raggiungere tutti i suoi obiettivi. Era già impossibile limitare l'influenza degli Stati Uniti e dell'Unione Sovietica sulla politica mondiale.

 

Nel mondo sconvolto dalla guerra il desiderio di pace era enorme e, di fatto, i  “Tre Grandi” si stavano accordando per far finire la guerra, affrontando e risolvendo alcune grandi questioni del dopoguerra.

 

Il significato storico dell’unità realizzata alla Conferenza di Crimea trascende di gran lunga i limiti della fase attuale della guerra. Essa trascende probabilmente la guerra stessa e la vittoria militare sulla bestia nazista, per assurgere a presagio dell'immancabile vittoria dell'umanità sulle forze retrogade e reazionarie... Il fatto che In Crimea si sia potuto dare una soluzione a problemi estremamente spinosi, come le questióni polacca e jugoslava, che questa soluzione sia stata trovata in uno spirito di mutua comprensione e con grande saggezza, spalanca una grande porta sull'avvenire: la umanità resterà unita nella pace e nella ricostruzione, come è stata unita nella guerra.

 

Queste parole, comparse su “l'Unìtà” del 15 febbraio 1945, danno la misura delle attese sollevate dalla Conferenza.

Due giorni prima il New York Times scrisse: “Una pietra miliare sulla strada verso la vittoria e la pace.

 

Purtroppo, le speranze di un mondo pacificato attraverso l'unità delle potenze antifasciste durò ben poco.

 

Il 9 aprile 1945, appena due mesi dopo Yalta, il presidente Roosevelt morì improvvisamente. Il suo successore fu il senatore Harry Truman, un politico duro e sicuro di sé. Quasi immediatamente, Truman annullò tutte le iniziative del suo predecessore, dirigendosi verso il contenimento dell'Unione Sovietica. Churchill appoggiò calorosamente il nuovo collega americano.

 

Il 6 agosto 1945, gli americani lanciarono una bomba atomica su Hiroshima. Alcuni mesi dopo, nelle direttive segrete dei servizi speciali americani, furono indicate 20 città sovietiche per un possibile attacco nucleare. Lo sviluppo di armi nucleari fu effettuato negli Stati Uniti durante la guerra, ma ciò fu accuratamente nascosto all'URSS.

 

Nel marzo del 1946 Winston Churchill denunciò la spaccatura dell'Europa da parte di una “Cortina di ferro” e, un anno dopo,-Truman proclamava la propria dottrina. L'unità antifascista lasciava il passo alla “guerra fredda”

 

Operazione Argonaut

L’Unità, 2 febbraio 1985

 


Torna all'indice