Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L’articolo di George Orwell che per la prima volta parlò di “Guerra Fredda”

 

Articolo pubblicato per la prima volta dal Tribune il 19 ottobre 1945

 

Considerando quanto probabilmente tutti noi saremo fatti a pezzi da essa entro i prossimi cinque anni, la bomba atomica non ha suscitato così tante discussioni come ci si poteva aspettare. I giornali hanno pubblicato numerosi diagrammi, non molto utili all'uomo medio, di protoni e neutroni che fanno le loro cose, e c'è stata molta reiterazione dell'inutile affermazione che la bomba "dovrebbe essere messa sotto controllo internazionale". Ma curiosamente poco è stato detto, in ogni caso, sulla domanda che è di interesse più urgente per tutti noi, vale a dire: "Quanto sono difficili da produrre queste cose?"

 

Le informazioni che noi - cioè il grande pubblico - possediamo su questo argomento ci sono arrivate in modo piuttosto indiretto, a proposito della decisione del presidente Truman di non consegnare alcuni segreti all'URSS. Alcuni mesi fa, quando la bomba era ancora solo una voce, c'era una diffusa convinzione che dividere l'atomo fosse solo un problema per i fisici e che quando l'avessero risolta un'arma nuova e devastante sarebbe stata alla portata di quasi tutti. (In qualsiasi momento, così dicevano le voci, alcuni pazzi solitari in un laboratorio potevano far esplodere la civiltà in mille pezzi, con la stessa facilità con cui si spegnevano i fuochi d'artificio.)

 

Se fosse stato vero, l'intera tendenza della storia sarebbe stata bruscamente modificata. La distinzione tra grandi stati e piccoli stati sarebbe stata spazzata via e il potere dello Stato sull'individuo sarebbe stato notevolmente indebolito. Tuttavia, dalle osservazioni del presidente Truman e da vari commenti che sono stati fatti su di loro, risulta che la bomba è incredibilmente costosa e che la sua fabbricazione richiede un enorme sforzo industriale, come solo tre o quattro paesi al mondo sono in grado di fare. Questo punto è di importanza cardinale, perché può significare che la scoperta della bomba atomica, così lontano dal rovesciare la storia, semplicemente intensificherà le tendenze che sono state evidenti per una dozzina di anni fa.

 

È un luogo comune che la storia della civiltà è in gran parte la storia delle armi. In particolare, la connessione tra la scoperta della polvere da sparo e il rovesciamento del feudalesimo da parte della borghesia è stata ribadita più volte. E anche se non ho dubbi che possano essere avanzate eccezioni, penso che la seguente regola sarebbe generalmente vera: quelle epoche in cui l'arma dominante è costosa o difficile da fare tenderanno ad essere epoche di dispotismo, mentre quando l'arma dominante è economico e semplice, le persone comuni hanno una possibilità. Quindi, ad esempio, carri armati, navi da guerra e aerei da bombardamento sono intrinsecamente armi tiranniche, mentre fucili, moschetti, archi lunghi e bombe a mano sono armi intrinsecamente democratiche. Un'arma complessa rende il forte più forte.

 

La grande era della democrazia e dell'autodeterminazione nazionale fu l'era del moschetto e del fucile. Dopo l'invenzione della pietra focaia e prima dell'invenzione del cappuccio di percussione, il moschetto era un'arma abbastanza efficiente e allo stesso tempo così semplice da poter essere prodotto quasi ovunque. La sua qualità ha reso possibile il successo delle rivoluzioni americana e francese e ha reso un'insurrezione popolare un affare più serio di quanto potrebbe essere ai nostri giorni. Dopo il moschetto arrivò il fucile a carica podalica. Era una cosa relativamente complessa, ma poteva ancora essere prodotta in decine di paesi, ed era economica, facilmente contrabbandata ed economica di munizioni. Perfino la nazione più arretrata potrebbe sempre procurarsi fucili da una fonte o dall'altra, in modo che Boeri, Bulgari, Abissini, I marocchini - persino i tibetani - potrebbero combattere per la loro indipendenza, a volte con successo. Ma da allora in poi ogni sviluppo della tecnica militare ha favorito lo Stato contro l'individuo e il paese industrializzato rispetto a quello arretrato. Ci sono sempre meno focolai di potere. Già, nel 1939, c'erano solo cinque stati in grado di condurre una guerra su larga scala, e ora ce ne sono solo tre - in definitiva, forse, solo due. Questa tendenza è stata evidente per anni, ed è stata segnalata da alcuni osservatori anche prima del 1914. L'unica cosa che potrebbe invertirla è la scoperta di un'arma - o, per dirla in senso più ampio, di un metodo di combattimento - non dipendente su enormi concentrazioni di impianti industriali.  

 

Da vari sintomi si può dedurre che i russi non possiedono ancora il segreto per costruire la bomba atomica; d'altra parte, il consenso dell'opinione sembra essere che lo possederanno entro pochi anni. Quindi abbiamo davanti a noi la prospettiva di due o tre mostruosi super-stati, ciascuno in possesso di un'arma con cui milioni di persone possono essere spazzate via in pochi secondi, dividendo il mondo tra di loro. È stato ipotizzato piuttosto frettolosamente che ciò significhi guerre più grandi e sanguinarie, e forse una fine effettiva alla civiltà delle macchine. Ma supponiamo - e davvero questo lo sviluppo più probabile - che le grandi nazioni sopravvissute facciano un tacito accordo di non usare mai la bomba atomica l'una contro l'altra? Supponiamo che lo usino o la minaccia solo contro persone che non sono in grado di vendicarsi? In quel caso siamo tornati dove eravamo prima.

 

Quando James Burnham scrisse "The Managerial Revolution", nel 1941, a molti americani sembrava probabile che i tedeschi avrebbero vinto la guerra, ed era quindi naturale presumere che la Germania e non la Russia avrebbe dominato la massa terrestre eurasiatica, mentre il Giappone sarebbe rimasto padrone dell'Asia orientale. Questo è stato un errore di calcolo, ma non influisce sull'argomento principale. Perché il quadro geografico di Burnham del nuovo mondo si è rivelato corretto. Sempre più ovviamente la superficie della terra viene suddivisa in tre grandi imperi, ognuno autonomo e tagliato fuori dal contatto con il mondo esterno, e ciascuno governato, sotto una maschera o un altro, da un'oligarchia eletta. La contrattazione su dove tracciare le frontiere continua ancora, e continuerà per alcuni anni, e il terzo dei tre super-stati - Asia orientale, dominato dalla Cina - è ancora potenziale piuttosto che reale. Ma la deriva generale è inconfondibile e ogni scoperta scientifica degli ultimi anni l'ha accelerata.

 

Una volta ci fu detto che l'aereo aveva " abolito le frontiere "; in realtà è solo da quando l'aereo è diventato un'arma seria che le frontiere sono diventate decisamente impraticabili. Una volta la radio avrebbe dovuto promuovere la comprensione e la cooperazione internazionale; si è rivelato essere un mezzo per isolare una nazione da un'altra. La bomba atomica può completare il processo derubando le classi e i popoli sfruttati di ogni potere per ribellarsi, e allo stesso tempo ponendo i possessori della bomba su una base di uguaglianza militare. Incapaci di conquistarsi l'un l'altro, è probabile che continuino a dominare il mondo tra di loro, ed è difficile vedere come l'equilibrio possa essere sconvolto se non con cambiamenti demografici lenti e imprevedibili.

Per quaranta o cinquant'anni, il signor HG Wells e altri ci hanno avvertito che l'uomo è in pericolo di distruggersi con le sue stesse armi, lasciando che le formiche o altre specie gregarie prendano il controllo. Chiunque abbia visto le città in rovina della Germania troverà questa idea almeno pensabile. Tuttavia, guardando al mondo nel suo insieme, la deriva per molti decenni non è stata verso l'anarchia ma verso la reimposizione della schiavitù. Forse non ci stiamo dirigendo verso un crollo generale, ma verso un'epoca terribilmente stabile come gli imperi schiavi dell'antichità. La teoria di James Burnham è stata molto discussa, ma poche persone hanno ancora preso in considerazione le sue implicazioni ideologiche - vale a dire, il tipo di visione del mondo, il tipo di credenze e la struttura sociale che probabilmente prevarrebbero in uno stato al tempo stesso invincibile e in uno stato permanente di "guerra fredda" con i suoi vicini.

Se la bomba atomica si fosse rivelata qualcosa di economico e facilmente fabbricabile come una bicicletta o una sveglia, avrebbe potuto ricondurci alla barbarie, ma avrebbe potuto significare la fine della sovranità nazionale e dello stato di polizia altamente centralizzato. Se, come sembra, è un oggetto raro e costoso difficile da produrre come una corazzata, è più probabile porre fine alle guerre su larga scala al costo di prolungare indefinitamente una " pace che non è pace".

 

Questo pezzo di George Orwell fu originariamente pubblicato dalla Tribune il 19 ottobre 1945 entro due mesi dopo che furono lanciate bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, in Giappone, dall'unico paese in assoluto ad averle usate per uccidere persone e distruggere città, vale a dire gli Stati Uniti

Questo particolare pezzo era eccezionale per le intuizioni che condivideva sulla dispensa mondiale che si prospettava nell'era delle armi atomiche. 

 

 

George Orwell, "You and the Atomic Bomb

 

 

 

 


Torna all'indice