Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il 14 gennaio 1918 — sei anni prima di iniziare gli esperimenti con i razzi a combustibile liquido — Robert H. Goddard scrisse un saggio intitolato "The ultimate migration".

 

 

Il 14 gennaio 1918 — sei anni prima di iniziare gli esperimenti con i razzi a combustibile liquido — Robert H. Goddard scrisse un saggio intitolato "The ultimate migration".

Lo scritto rimase nascosto per molto tempo, infatti incaricò  un amico di tenerlo al sicuro, nascosto in una busta sigillata con l'etichetta "Schema di alcune note sulla ricerca in alta quota". Altre fonti riportano che sulla busta c’era scritto “Materiale per un’autobiografia”.

 

In questo documento segreto, Goddard ipotizzava l'ultima migrazione della razza umana che consisteva in una serie di spedizioni inviate nelle regioni dove le stelle erano più densamente distribuite.

La migrazione doveva includere, in forma condensata, tutta la conoscenza della razza. La navicella avrebbe utilizzato energia atomica o idrogeno, ossigeno ed energia solare.

 

Il manoscritto è apparso nel novembre 1972. In quattro pagine di manoscritto, Goddard considerò l'eventuale abbandono del sistema solare da parte dell'umanità "quando il sole e la terra si fossero raffreddati a tal punto che la vita non fosse più possibile. "

 

 

Goddard sperava che la scoperta dell’ "energia intra-atomica" sarebbe stata la chiave. E se ciò si fosse rivelato impossibile, pensò che "sarebbe possibile ridurre il protoplasma del corpo umano allo stato granulare, in modo che possa resistere al freddo intenso dello spazio interstellare". I corpi dovrebbero prima essere liofilizzati e poi un successivo risveglio molto lento. Goddard suggerì che una razza speciale di umani potesse essere creata appositamente per questo scopo.

Se non è possibile ridurre gli umani in polvere, Goddard pensava che il "protoplasma granulare" potesse essere lanciato nello spazio interstellare. "Questo protoplasma ha una natura tale da poter produrre mediante l'evoluzione gli esseri umani".

 

Se "l'energia intra-atomica" potesse essere sfruttata, il "trasporto interstellare può essere una questione relativamente semplice ". Se si raggiunge la velocità della luce sarebbe possibile fare "un viaggio ragionevolmente breve". Per l'astronave, Goddard pensava che "un asteroide o una piccola luna" potesse essere adatto (la serie televisiva "Spazio 1999" ?).

Ma dopo un viaggio durato generazioni, l’evoluzione potrebbe portare ad una specie umana che non è più completamente umana.

 

 

 

E se l'energia nucleare si rivelasse impossibile, l'umanità dovrebbe ricorrere ai combustibili chimici o all’energia solare.

I voli per stelle lontane, tuttavia, potrebbero richiedere migliaia o addirittura milioni di anni.  Il pilota di una tale nave, suggerì Goddard, "dovrebbe essere risvegliato o animato ad intervalli, forse di 10.000 anni per un passaggio verso le stelle più vicine e 1.000.000 di anni per grandi distanze, o per altri sistemi stellari". A tale scopo verrebbe utilizzata una sveglia al radio.

E dove sarebbero andati i coloni di Goddard? “La destinazione più desiderabile sarebbe vicino a un grande sole o due soli gemelli", pensò, "su un pianeta come la Terra".  Verrà selezionato un pianeta in un ambiente il più stabile possibile, in modo che la razza umana possa continuare la sua evoluzione. (il film "Interstellar"?)

"Con ogni spedizione", scrisse, "dovrebbero essere prese tutte le conoscenze, la letteratura, l'arte (in una forma condensata) e la descrizione di strumenti, apparecchi e processi, in una forma quanto più condensata, leggera e indistruttibile possibile, così che una nuova civiltà potesse iniziare dove finiva la vecchia ".

 

Questo accadrà mai?  Goddard pensava che  "L'unica barriera allo sviluppo umano è l'ignoranza, e questo non è insormontabile".

 

 

 


Torna all'indice