Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il Friuli sotto i barbari e Odoacre

Nel 476, dopo circa sette secoli di dominazione romana, il Friuli passò sotto il governo di Odoacre.

 

La posizione istituzionale di Odoacre non era ben chiara. Il suo potere era fondato sulla forza dei soldati, il cui appoggio era stato ottenuto con la promessa della hospitalitas negata da Flavio Oreste.

Per hospitalitas si intende un istituto giuridico attivo nell'Impero Romano giunto alla sua ultima fase, per cui, nel caso i soldati non avessero un luogo dove alloggiare, i cittadini erano tenuti dalle leggi dell'impero ad ospitarli in casa loro, cedendo loro un terzo della casa; erano però esentati da questo gravoso obbligo il clero, i medici, gli insegnanti, gli armigeri e i pittori.

Il comportamento della corte orientale nei confronti di Odoacre fu ambiguo: alla richiesta del titolo di "patrizio" fatta da Odoacre, Zenone rispose che la concessione era competenza di Giulio Nepote, ma in una lettera privata a Odoacre lo stesso Zenone gli si rivolgeva chiamandolo proprio "patrizio" perché probabilmente gli era stato concesso dal Senato romano.

L'invio delle insegne imperiali a Costantinopoli era tuttavia un messaggio chiaro: l'Occidente non aveva più bisogno di un imperatore separato, poiché "un monarca era sufficiente per governare il mondo". In risposta, Zenone accettò i doni osservando che "...i Romani d'Occidente hanno ricevuto due uomini dall'Impero d'Oriente, cacciandone uno e uccidendo l'altro, Antemio". Zenone quindi riconobbe a Odoacre l'autorità legale per governare in Italia in qualità di magister militum: gli suggerì però di riaccogliere Giulio Nepote come imperatore dell'Occidente Odoacre. Tuttavia non invitò mai Giulio Nepote a rientrare in Italia, e questi rimase in Dalmazia fino alla morte.

 

Odoacre non cambiò il tipo di governo precedente. Mantenne a Roma i consoli ed il senato mentre nelle città mantenne i governi municipali e le curie. Odoacre fece una sola grande modifica: distribuì un terzo delle terre ai suoi  Barbari.

I governi municipali erano semplicemente delle amministrazioni civili. I barbari non distrussero i governi comunali ma, sotto una brutale dominazione, i municipi dovevano autotassarsi per mantenere le proprie strade e ponti, dovevano eleggere colui che aveva il compito di riscuotere le tasse imposte da Odoacre, riunirsi per nominare i parroci e i vescovi.

I governi municipali erano formati: dalle adunanze popolari; in un consiglio più ristretto chiamato Ordo dei decuriones; in due o più magistrati esecutivi a carica annuale; parecchi tribuni ed ufficiali inferiori. Venne anche mantenuta la Curia che avevano il compito di conservare le cose sacre, fare pubblici affari e le adunanze pubbliche. Si intendeva anche un luogo di giustizia.

 

Il monastero di Belligna

Nel 485 fu eletto vescovo Marcelliano che fece costruire, poco distante da Aquileia, il monastero di Belligna  con i resti di un antico tempio dedicato al dio Beleno e lo arricchì di reliquie di Santi. Quattrocento anni dopo, il patriarca Massenzio lo fece restaurare e lo diede a dei monaci.

Recentemente sono stati fatti degli studi nella zona ove sorgeva il monastero. La basilica del fondo Tullio alla Beligna venne scoperta casualmente sullo scorcio del XIX secolo.

La basilica sorgeva ai margini della via per Grado, nell'area dove viene localizzato un importante centro di culto pagano sacro a Beleno e dove è attestata la più importante necropoli di Aquileia. Il luogo era attivo dal I secolo a.C., con una continuità d'uso che, con una flessione nel III secolo, giunge almeno fino al V secolo. La piu recente delle epigrafi datate è del 423, ma questo non significa che l'uso funerario de! sito non si sia protratto anche oltre questa data. In base allo studio dei mosaici rinvenuti, la datazione della struttura è compatibile con il V secolo.

 

 

L’inizio della fine di Odoacre

 

Re Odoacre governò per quattordici anni e ci fu un periodo tranquillo e di pace. Si ipotizza che in questi tempi tutta l’Italia godeva di vera pace. Le cronache non riportano nessun avvenimento importante: né fatti di guerra, né di mal governo, né di lagnanze da parte della Chiesa. Le forze di Odoacre erano tali che nussuno osava ribellarsi o dichiarargli guerra.

 

La sede principale di Odoacre fu Ravenna, la stessa sede che era degli imperatori fin dall’inizio secolo. Odoacre, anche se ariano, non perseguitò i cattolici. Nel 483 morì papa Simplicio. Quando venne nominato papa Felice dal popolo romano si presentò Basilio, prefetto e patrizio, in rappresentanza del re.

 

Odoacre ebbe una grande venerazione per sant’Epifanio di Pavia al punto tale che concesse di riedificare la cattedrale in suo onore a Pavia e gli condonò i tributi per cinque anni per ricostruire le case.

 

Nel 487 Odoacre fece guerra contro i Rugi. Quest’ultimi era un popolo di cui una parte feceva parte dell’esercito di Odoacre quando qualche anno prima entrò in Italia, la seconda parte si fermò nel Norico lungo il Danubio, denominata Rugiland (corrisponde grossomodo all’attuale Bassa Austria). Il loro re Feleteo si scontrò con Odoacre il 15 novembre 487. Si narra che Feleteo e sua moglie Gisa furono catturati e portati in trionfo a Ravenna e poi uccisi. Odoacre nominò Onulfo, suo fratello, re dei Rugi.

 

Onulfo fu attaccato da Federigo, figlio di Feleteo. Nella battaglia vinse Odoacre. Federigo prese la fuga e si rifugiò da Teodorico re dei Goti (Ostrogoti) nella Mesia (attuale Serbia e Bulgaria). Un evento molto importante in quanto fu il pretesto di Teodorico per muovere guerra contro Odoacre.

 

Nello stesso tempo, inspiegabilmente, Odoacre fece ritirare dalla terra dei Rugi non solo suo fratello ma anche tutti i romani che vi abitavano. Una delle ipotesi probabili è che ebbero inizio delle scaramucce contro i Longobardi.

 

 

  1. Francesco di Manzano. Annali del Friuli. Volume 1. 1858
  2. Cesare Balbo. Storia d’Italia sotto i barbari. 1856
  3. Gisella Cantino Wataghin . LE BASILICHE DI MONASTERO E DI BELIGNA: FORME E FUNZIONI

 

 


 Vai all'INDICE


 

 

Joomla templates by a4joomla