I Romani conquistano Trieste: la leggenda di Monte Muliano

La conquista di Trieste da parte romana è descritta da una leggenda.

 

 

Stando a questa leggenda, Trieste si chiamava Monte Muliano. I suoi abitanti erano rispettati e temuti ovunque perché erano uomini saggi, fieri e valorosi.

Si racconta che i Romani avessero chiesto agli uomini di Monte Muliano di riconoscere l’impero romano.

Gli uomini, riunitisi in Consiglio, commentarono che loro erano di origine troiana, popolazione di grande potenza e che godevano, sin da tempi antichi, della libertà. Altri affermarono che era meglio morire che piegarsi al potere romano.

Al termine risposero: non è lecito ed onesto che il padre si umilii al figlio (intendendo che il padre era il popolo di Monte Muliano, più vecchio del popolo romano). La risposta fu inviata ai Romani, i quali decisero che la gente di Monte Muliano era feroce ed era necessario dominarli.

 

 

I Romani riunirono un grosso esercito. La gente di Monte Muliano, quando venne a sapere che si stava avvicinando l’esercito romano, ne formò uno di 15000 soldati che si nascose nelle foreste presenti nella zona di Sistiana attendendo l’arrivo dei Romani. L’esercito romano fu colto alla sprovvista e fu disperso.

Quando a Roma si venne a sapere della disfatta, il Senato ordinò di mandare un nuovo esercito.

La gente di Monte Muliano, sapendo che sarebbero stati attaccati da un esercito ancora più numeroso, decisero di abbandonare il loro paese ed emigrare verso l’attuale Germania. In realtà raggiunsero un fiume detto Lubianiza, dove si accamparono e ritrovarono la forza. In questo luogo iniziarono a costruire le proprie abitazioni.

Nel frattempo, l’esercito romano arrivò a Monte Muliano trovando le case chiuse e disabitate. Il comandante romano si meravigliò del comportamento di questo popolo, in quanto si era rivelato popolo di onore e di valore. In nome del Senato, il capitano decise di inviare tre cavalieri a cercare questa gente  per consegnare la patente di libertà e franchigia con il sigillo romano.  

Ritrovata la popolazione, l’impero romano chiese loro di tornare nelle proprie case abbandonate promettendogli libertà a loro e ai loro figli, nipoti e a quanti verranno dopo di loro. Grazie a queste promesse quasi tutti ritornarono a Monte Muliano ma alcuni di loro decisero di rimanere nella terra appena conquistata: Lubiana.

Nel 178 a.C. Trieste diventa romana. Sotto i Romani, Monte Muliano cambiò nome e divenne Tergeste. Dopo 33 anni fu eretto un presidio romano per contrastare le incursioni dei popoli della Schiavonia e per tenere sotto controllo l’Istria.

 

Pietro Kandler, Storia Cronografica di Trieste, 1863

 

 

 

Torna all'indice

Joomla templates by a4joomla