SuberSkin

La consapevolezza dei potenziali impatti ambientali connessi alla produzione, l'uso e lo smaltimento dei materiali da costruzione è aumentata. Non solo la legislazione internazionale ma anche molti progettisti, proprietari di immobili e altri professionisti dell'edilizia stanno cercando adottare un approccio più rispettoso dell'ambiente rendendosi responsabili per la selezione e le specifiche dei materiali.

Almeno il 40% dei gas serra nel mondo è causato dall’industria delle costruzioni e dal consumo energetico degli edifici. É fondamentale quindi realizzare edifici che abbiano un minor impatto ambientale possibile durante tutto il loro ciclo di vita.

Questo progetto propone un prodotto indirizzato soprattutto al settore delle case in legno e dell’isolamento termoacustico sostenibile:

  • SuberSkin è un prodotto naturale: la farina di sughero è abbondantemente disponibile e facilmente rinnovabili, proviene da fonti gestite in modo sostenibile; la pellicola del caffè proviene dalla lavorazione dei chicchi
  • Processo di produzione efficiente: il processo di produzione richiede un ridotto consumo energetico, è minima la produzione di scorie e rifiuti (a loro volta riciclabili)
  • Disponibilità delle materie prime a livello locale e nazionale: materiali da costruzione, componenti e sistemi acquistabili a livello locale o regionale, in modo da risparmiare energia e risorse durante il trasporto verso il cantiere
  • Materie prime recuperate, ristrutturate, o ritrasformate: utilizza e valorizza materiali secondari derivanti da processi di produzione del granulato di sughero e della tostatura del caffè.
  • SubeSkin è un prodotto riutilizzabile o riciclabile: i materiali possono essere riutilizzati o riciclati alla fine della loro vita utile
  • SuberSkin è u prodotto durevole: il prodotto hanno una durata simile agli equivalenti prodotti in sughero commerciali 

 

Le caratteristiche di SuberSkin

Le materie prime:

  • Sia la farina di sughero che il “silverskin” sono prodotti secondari dalla lavorazione delle plance di sughero e della torrefazione del caffè.
  • Attualmente il 50% del sughero macinato viene ridotto in farina la cui destinazione principale è la combustione sprecando tutto il credito di CO2 forestale.
  • La pellicola del caffè è un materiale di scarto proveniente dal processo di torrefazione. Una azienda di medie dimensioni produce circa 500 kg/giorno che viene sostanzialmente smaltito e bruciato.
  • Entrambi i settori sono radicati nella realtà produttiva italiana.

Prestazioni:

  • Le prestazioni dei pannelli isolanti sono apprezzabili (0,037 – 0,039 W/mK) confrontabile ai migliori isolanti di origine naturale.

Ambienti confortevoli e sani:

  • SuberSkin è anche un buonissimo isolante acustico.
  • SuberSkin permette di realizzare ambienti confortevoli in quanto non emette sostanze inquinanti e nocive ed è traspirante al vapore acqueo. Questo consenteun ricambio d’aria naturale ed una equilibrata regolazione dell’umidità impedendo la creazione di condense e muffe.

 

Dati Tecnici

Proprietà intellettuale

Il progetto può avvalersi di un brevetto e di una domanda di brevetto:

  • R. Di Monte, “Materiali compositi a base di ossidi/idrossidi inorganici e farine di origine vegetale per pannelli isolanti e loro processo di produzione” , IT0001412854 del 24/07/2012
  • R. Di Monte, “Utilizzo della pellicola del caffè, coffee silverskin, come materia prima di prodotti isolanti e loro metodo di produzione. “ TS2013A000001, 1 agosto 2013.

SuberSkin e marketing

Il progetto SuberSkin di BIOSOST è sicuramente vincente dal punto di vista dell’opportunità imprenditoriale, in quanto utilizza scarti della lavorazione del caffè e del sughero per ottenere un materiale termicamente ed acusticamente isolante con ottime prestazioni e costi di lavorazione molto bassi, nel totale rispetto dell’ambiente.

 

 

Leggi tutto: SuberSkin e marketing

Joomla templates by a4joomla