Ripercussioni politiche del fracking (parte 1)

NEWS/TECNOLOGIA/FRACKING

Gli Stati Uniti hanno enormi riserve di gas (e di petrolio) contenuto in questo tipo di rocce. E sono i più avanzati dal punto di vista tecnologico. Cosicché stanno dominando il mercato e contano di poterlo dominare nei prossimi anni, superando sia la Russia sia i paesi del Medio Oriente. Con vantaggi economici e geopolitici evidenti. In realtà, sostiene Obama, il metano è, tra gli idrocarburi, quello che a parità di energia liberata produce meno gas serra.

 

Cosicché, in attesa delle fonti rinnovabili, lo shale gas sta già consentendo e consentirà in futuro di diminuire le emissioni di carbonio, sostituendo il petrolio e il carbone. Poiché anche la Cina ha notevoli riserve di gas naturale non convenzionale, molti sperano che anche la grande potenza asiatica inizi a utilizzarlo.

Il prossimo futuro sarà, dunque, dello shale gas e di quel suo cugino, il tight oil, il petrolio estratto dagli scisti bituminosi, ovvero da rocce intriso di idrocarburi liquidi?

Non tutti ne sono convinti.

 


 

Se sei interessato a questo argomento, leggi anche:

Vantaggi del francking

Cos’è il fracking?

Fracking

Joomla templates by a4joomla