Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Ripercussioni politiche del fracking (parte 1)

NEWS/TECNOLOGIA/FRACKING

Gli Stati Uniti hanno enormi riserve di gas (e di petrolio) contenuto in questo tipo di rocce. E sono i più avanzati dal punto di vista tecnologico. Cosicché stanno dominando il mercato e contano di poterlo dominare nei prossimi anni, superando sia la Russia sia i paesi del Medio Oriente. Con vantaggi economici e geopolitici evidenti. In realtà, sostiene Obama, il metano è, tra gli idrocarburi, quello che a parità di energia liberata produce meno gas serra.

 

Cosicché, in attesa delle fonti rinnovabili, lo shale gas sta già consentendo e consentirà in futuro di diminuire le emissioni di carbonio, sostituendo il petrolio e il carbone. Poiché anche la Cina ha notevoli riserve di gas naturale non convenzionale, molti sperano che anche la grande potenza asiatica inizi a utilizzarlo.

Il prossimo futuro sarà, dunque, dello shale gas e di quel suo cugino, il tight oil, il petrolio estratto dagli scisti bituminosi, ovvero da rocce intriso di idrocarburi liquidi?

Non tutti ne sono convinti.

 


 

Se sei interessato a questo argomento, leggi anche:

Vantaggi del francking

Cos’è il fracking?

Fracking

Joomla templates by a4joomla