Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il fracking arriva in Slovenia

 La Slovenia si sta preparando all’estrazione del gas naturale con il fracking. 

 

 

La fratturazione idraulica, spesso denominata con i termini inglesi fracking o hydrofracking, è lo sfruttamento della pressione di un fluido, in genere acqua, per creare e poi propagare una frattura in uno strato roccioso. La fratturazione viene eseguita dopo una trivellazione entro una formazione di roccia contenente idrocarburi, per aumentarne la permeabilità al fine di migliorare la produzione del petrolio o dello “shale gas” (gas metano) contenuti in giacimenti non convenzionali.

 

Le fratture idrauliche possono essere sia naturali che create dall'uomo; esse vengono create e allargate dalla pressione del fluido contenuto nella frattura. Le fratture idrauliche naturali più comuni sono i dicchi (corpi rocciosi) e i filoni-strato, oltre alle fessurazioni causate dal ghiaccio nei climi freddi. Quelle create dall'uomo vengono indotte in profondità in ben precisi strati di roccia all'interno dei giacimenti di petrolio e gas, estese pompando fluido sotto pressione e poi mantenute aperte introducendo sabbia, ghiaia, granuli di ceramica come riempitivo permeabile; in questo modo le rocce non possono richiudersi quando la pressione dell'acqua viene meno.

Ogni pozzo necessita dai 2-4 milioni di galloni di acqua per poter operare, che si traducono, secondo stime convenzionali, in 7-14 milioni di litri di acqua satura di sostanze chimiche. Nonostante la propaganda dei petrolieri secondo cui le cementificazioni e le impermeabilizzazioni dei pozzi sono perfetti, nessuna attività dell’uomo è esente dal logorio, dall’uso, da difetti, ed evidente che continuando a pompare miscele inquinanti nel terreno, prima o poi qualcosa deve pure cedere. E migrare.

 

Le conseguenze del fracking sono la contaminazione delle acque sotterranee e della acqua potabile con sostanze tossiche, il degrado ambientale e scosse sismiche. Questa è anche la ragione per cui molte iniziative della società civile di tutto il mondo resistono a questo tipo di estrazione non convenzionale. L’estrazione di gas con questa tecnica è vietata nei Paesi Bassi, Francia, Lussemburgo, Germania e Bulgaria, ed in alcune regioni in Irlanda, Spagna e Svizzera. Grandi proteste contro questo tipo di estrazione di gas naturale si sono avute in Irlanda, Polonia, Romania e Regno Unito.

La Slovenia ha permesso il fracking anche se la normativa non è preparata ad affrontare questi rischi ambientali. Attualmente c’è la procedura per la concessione di autorizzazione per la costruzione di una raffineria a Petiłovci.

Geoenergo, ventennale concessionaria in esclusiva per l'esplorazione del gas nella zona della depressione Mura, ha concluso un contratto di joint venture con la società Ascent UK Limited, una società registrata nelle Isole Vergini Britanniche. 

La raffineria sarà costruita su terreni agricoli e in una regione che ha l’ambizione di sviluppare un turismo termale. I residenti locali sono giustamente indignati perché tutto indica che la politica è "già troppo tardi per fermarlo", a prescindere dalle conseguenze.

 

(fonte Pravapeticija)

 


Leggi anche:

Fracking: l’Europa scopre lo shale gas, gli ambientalisti si mobilitano

Fracking: la Polonia tira dritto nonostante le perplessità europee

Fracking: l'estrazione prolungata causa terremoti

Joomla templates by a4joomla