Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il CATS della NASA dalla Stazione Spaziale

CATS per studiare gli strati e la composizione delle nuvole e le minuscole particelle sospese nell'aria come polvere, fumo e altri aerosol atmosferici.

 

 

Gli aerosol sono particelle o gocce dissolte nell’aria. L’uomo ne è sempre stato circondato sotto forma di nuvole, nebbia, fumo dal fuoco, fumi di scarico delle auto, starnuti ed anche emissioni delle piante. Gli aerosol esistono in varie forme, dimensioni , concentrazione, ecc.

Il Cloud-Aerosol Transport System (CATS) usa un laser per fornire dati sulla posizione, composizione e distribuzione dei componenti atmosferici che hanno impatto sul clima su scala globale. Avere una migliore conoscenza della copertura e delle proprietà delle nubi e degli aerosol è fondamentale per la comprensione e la modellazione del sistema Terra e  dei processi climatici associati.

“Osservando gli aerosol, l’inquinamento, le nuvole e le informazioni in tempo reale dei modelli climatici globali, stiamo rendendo operativo un nuovo modo di studiare la Terra” dice Matthew McGill, ricercatore principale del Cloud-Aerosol Transport System (CATS)

Il CATS usa un laser ad alta velocità che opera a tre lunghezze d’onda (1064, 532, and 355 nm) per ottenere le proprietà degli strati di nuvole e aerosol che comprendono: altezza dello strato, spessore dello strato, profondità ottica, estinzione e discriminazione del tipo di particella basata sulla depolarizzazione.

Lo strumento Cloud-Aerosol Transport System (CATS), è stato lanciato il 10 gennaio a bordo di una navicella spaziale SpaceX Dragon ed è stato installato sulla Stazione Spaziale Internazionale il 22 gennaio Dalla sua postazione, CATS invia impulsi laser verso la Terra, rilevando i fotoni che rimbalzano dalle particelle presenti nell’atmosfera per misurare le nuvole, la cenere vulcanica, gli inquinanti, le polveri e gli altri aerosol.

 

La prima immagine di CATS è il profilo dell’atmosfera sopra l’Africa.

Nel Nord Africa, le particelle di polvere raggiungono altezze di 4 a 5 chilometri. Come la stazione spaziale si avvicinava all'equatore, lo strumento rrivela particelle atmosferiche sottili,  nuvole di ghiaccio ad elevate altitudini (16 km). A Sud dei tropici sono presenti aerosol vicini al suolo, probabilmente fumo dalla combustione della biomassa.

 

 

Questa sezione dell'atmosfera sopra Africa mostra le nubi, polvere e fumo degli incendi, così come la topografia restituiti dal Cloud-Aerosol Transport System (CATS) strumento a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (credit NASA).

I dati CATS aiuteranno gli scienziati a studiare e modellare le polveri e le altre caratteristiche atmosferiche, che possono viaggiare per grandi distanze ed avere un impatto sulla qualità dell'aria. Gli scienziati del clima potranno inoltre utilizzare i dati CATS, insieme ai dati provenienti da altri strumenti di osservazione della Terra, per analizzare le interazioni delle nubi con l’aerosol nel corso del tempo.

CATS non è solo uno strumento di scienza, ma una dimostrazione di come i ricercatori possono utilizzare la stazione spaziale come base per gli studi di osservazione della Terra.

Lo strumento è stato progettato per funzionare per almeno sei mesi, con l'obiettivo di tre anni.

 

(fonte NASA)


Leggi anche:

La Torre Eiffel: ora con l'energia eolica

Jellyfish Barge, la serra agricola 

Architettura innovativa: la biosfera di Renzo Piano

Joomla templates by a4joomla