Green building: la certificazione BREEAM

NEWS/TECNOLOGIA/GREEN BUILDING

Sviluppato nel 1990 dal BRE Global Limited, BREEAM è un sistema britannico di valutazione ambientale che, a oggi, ha già certificato circa 3650 edifici in tutto il Regno Unito. Ma esiste una versione del BREEAM anche in Italia.

 

 

 

 

BREEAM è l’acronimo di Building Research Establishment Environment Assessment Method e fornisce un sistema di qualità indipendente, valutato da professionisti, che è conforme ai sistemi ISO 9001 e 14001 per la revisione e valutazione delle prestazioni.

I crediti attraverso i quali un edificio è valutato sono raggruppati nel seguente numero di categorie:

• Gestione

• Salute e benessere

• Energia

• Trasporti

• Sistemi idrici

• Materiali

• Rifi uti

• Utilizzo del suolo ed ecologia

• Inquinamento

• Innovazione

La categoria gestionale riguarda sia come il progresso di progettazione e costruzione viene gestito, sia come l’edificio è stato progettato tenendo conto anche della sua funzione futura. Durante la progettazione, i crediti vengono forniti se si consulta la comunità locale (cioè coloro che utilizzeranno l’edificio), se si considera la manutenzione e tematiche di sicurezza e se si guarda al costo di vita utile delle diverse opzioni.

La salute e il benessere degli occupanti di un edificio è un elemento che, come spesso dimostrato da varie prove, ha un impatto sulla produttività futura. Fornire un piacevole ambiente di lavoro è una caratteristica fondamentale di un edificio sostenibile.

Queste caratteristiche si concentrano nelle seguenti aree:

• Buoni livelli di illuminazione naturale e di accesso ad aperture verso l’esterno

• Buona qualità di illuminazione artificiale

• Buona qualità dell’aria e possibilità di ventilazionenaturale

• Controllo da parte degli utenti della temperatura e dell’illuminazione naturale

• Buoni livelli di acustica interna

Altri crediti sono guadagnati se si valuta che l’edificio ha bassi livelli di emissione di biossido di carbonio, o per l’inclusione di tecnologie a basso o zero emissione di anidride carbonica come i boiler a biomassa o i pannelli fotovoltaici.

La posizione di un edificio ha un impatto sulle sue prestazioni ambientali. Ciò influisce su altre due categorie: trasporti e utilizzo del suolo ed ecologia. Gli edifici che hanno un facile accesso a sistemi di trasporto pubblico o che incoraggiano sistemi di circolazione sostenibile come l’utilizzo di biciclette o camminare, e che nel contempo scoraggiano l’utilizzo individuale della macchina, ottengono un punteggio molto alto in questa categoria.

BRE Global Limited non solo ha sviluppato il sistema BREEAM, ma anche la “Green Guide to Specification”. Questa guida valuta i materiali da costruzione comuni usati nei pavimenti e nelle loro finiture, nelle pareti, nelle finestre, nei tetti, nell’isolamento, nella protezione di confine e nelle opere esterne per capire la loro prestazione ambientale. La Green Guide usa un approccio basato sul ciclo di vita utile e valuta i materiali dalla loro estrazione alla loro lavorazione, fino al loro utilizzo e smaltimento. I materiali hanno un punteggio da A+ fino a E, dove A+ simbolizza il minore impatto.

Gli edifici vengono valutati in due fasi, alla fine della progettazione e alla fi ne della costruzione, ma sempre con i medesimi criteri. I crediti sono poi attribuiti e viene assegnato un punteggio finale. Le classificazioni raggiungibili sono: sufficiente (pass), buono, molto buono, eccellente ed eccezionale. L’esame è condotto da un valutatore abilitato e il certificato è dato dallo stesso BRE.

 


 

Se sei interessato, leggi anche:

Green building: la certificazione LEED

Green building: la certificazione ITACA e ESIt

Green building: la certificazione CasaClima

 

Joomla templates by a4joomla