ARCHITETTURA INNOVATIVA: Certificazione Leed Gold per il Muse di Renzo Piano

 

NEWS/TECNOLOGIA/ARCHITETTURA INNOVATIVA

 

 Efficienza energetica, risparmio idrico, sostenibilità dei materiali.

 

 

 

Il MUSE, Museo delle Scienza di Trento, ha ottenuto lo scorso giugno “la certificazione Leed Gold” della sostenibilità rilasciata, per la prima volta a un museo italiano, dall'ente certificatore GBCI (Green Building Certification Institute) di Washington. 

 

 Il progetto di  Renzo Piano sorge all’interno del nuovo quartiere Le Albere, riqualificazione dell’ex area Michelin a Trento. 

 

L'approccio globale e la valorizzazione del percorso della certificazione di sostenibilità ambientale LEED è derivato da una composizione integrata di strategie in diversi ambiti di prestazioni dell’edificio e del suo rapporto con l'intorno. Dalla scelta dei materiali e le modalità di gestione delle attività di costruzione, alla relazione con  il contesto insediativo e dei servizi, dalla relazione degli utenti dell'edificio con la rete dei percorsi pedonali e dei servizi di trasporto collettivo fino alle strategie estremamente efficaci di riduzioni dei consumi energetici ed idrici.

 

La strategia energetica ha consideratola riduzione dei consumi dell'edificio concepito come sistema con la fornitura di energia “verde”, il ricorso intensivo alle rinnovabili, fotovoltaico e  geotermia, nel contesto di un intero comparto servito dalla nuova centrale di trigenerazione.

 

Anche l’approccio al "sistema acqua" è integrato, con risparmio dell’uso di acqua potabile quintuplicato rispetto ai migliori benchmark di riferimento grazie all’adozione incrociata di sistemi di riduzione e il riutilizzo dell’ acqua piovana.

 

Importanti sono state anche le prestazioni degli spazi interni, dove la relazione con le viste sul paesaggio e la luce naturale e l’uso di materiali basso emissivi hanno puntato ad alte prestazioni in termini di  comfort e salubrità. Per i crediti del segmento costruzioni vanno rilevati i punti di “performance esemplari”, ottenuti grazie all'interramento totale dei parcheggi e quelli inerenti alla gestione dei rifiuti delle attività di costruzione  la cui  quasi totalità  è andato riciclato.

 

Il Muse  tra 3.300 metri quadri di esposizioni permanenti e di 500 metri quadri di mostre temporanee, ospiterà anche una sezione espositiva dove i visitatori potranno conoscere le strategie per rendere gli edifici più sostenibili ed efficienti, divenendo dunque uno strumento educativo.

La LEED Gold è una certificazione che viene rilasciata dal GBCI (Green Building Certification Institute), ovvero l’organismo statunitense per l’edilizia verde, coadiuvato dal USGBC (United States Green Building Council); questa certificazione nasce per classificare l’impatto sull’ambiente determinato dalla realizzazione di una qualunque struttura edile.

 

Viene valutata in  maniera molto severa una lista di 6 parametri, ad ognuno dei quali viene assegnato un punteggio; la somma dei singoli punteggi fornirà un valore complessivo che corrisponde alla categoria di appartenenza della costruzione.

 

I parametri misurati sono i seguenti:

 

1)         siti sostenibili: per ottenere la certificazione LEED gli edifici devono lasciare il sito di costruzione sostenibile, ovvero devono essere costruiti con materiali riciclabili o a km 0, cioè prodotti localmente;

 

2)         progettazione ed innovazione: la costruzione deve essere progettata secondo le più evolute tecnologie edilizie, e deve essere da subito previsto un piano di smaltimento dei rifiuti per la demolizione;

 

3)         materiali e risorse: l’utilizzo di materiali e risorse provenienti da materiali riciclati o rinnovabili da diritto ad un punteggio più elevato.

 

4)         ottimizzazione delle risorse idriche: devono essere installati sui punti di prelievo dell’acqua appositi regolatori di flusso e rompi getto, nonché adeguati sistemi di recupero dell’acqua piovana, in modo da limitare se non eliminare sprechi di acqua;

 

5)         comfort degli ambienti interni: la progettazione degli ambienti interni deve garantire un idoneo livello di qualità per l’utente, bilanciando consumi ed apporti energetici;

 

6)         energia: l’installazione di sistemi di produzione di energia da fonte rinnovabile determina una drastico crollo delle emissioni di CO2 in atmosfera.

 

 


 

Se sei interessato a questo argomento, leggi anche:

ARCHITETTURA INNOVATIVA: A Vienna il primo grattacielo certificato passivo

ARCHITETTURA INNOVATIVA: Il NuOffice in Germania

TECNOLOGIA INNOVATIVA: Batterie in legno

 

Joomla templates by a4joomla