Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

ARCHITETTURA INNOVATIVA: A Vienna il primo grattacielo certificato passivo

NEWS/TECNOLOGIA/ARCHITETTURA INNOVATIVA

 

La casa passiva è un'abitazione che assicura il benessere termico senza o con una minima fonte energetica di riscaldamento interna all'edificio ovvero senza alcun impianto di riscaldamento "convenzionale", ossia caldaia e termosifoni o sistemi analoghi.

 

 

La casa è detta passiva perché la somma degli apporti passivi di calore dell'irraggiamento solare trasmessi dalle finestre e il calore generato internamente all'edificio da elettrodomestici e dagli occupanti stessi sono quasi sufficienti a compensare le perdite dell'involucro durante la stagione fredda.

Nate in Svezia, le case passive sono diffuse principalmente in Germania, Austria e Olanda e altri paesi nord-europei. Anche in Italia sono ormai tante le esperienze su tutta l'area nazionale. In Austria, a partire dal 2015, la casa passiva sarà lo standard prescritto per tutti gli edifici.

A Vienna l'ultimo progetto green sviluppato in altezza è un grattacielo certificato come passivo. Si tratta della torre RHW.2, un multipiano ad uso ufficio ed ha preso il certificato di PassivHaus.

 

In base allo standard Passivehaus una casa passiva ha le seguenti caratteristiche:    

-          Elevatissimo isolamento termico    

-          Finestre isolate a triplo vetro di alta qualità    

-          Sistema di ventilazione meccanica con recupero di calore ad alta efficienza    

-          Tenuta all’aria e assenza di ponti termici    

-          Apparecchi domestici e illuminazione ad alta efficienza    

L'edificio - che vanta la massima qualità dell'aria interna e un consumo energetico minimo - "dimostra che lo standard di casa passiva e di buona architettura si integrano perfettamente", come ha dichiarato il professore Wolfgang Feist, direttore del Passivhaus Institut.

In quanto Passivhaus, il grattacielo RHW.2 ha dovuto dimostrare l'alta tenuta termica e di isolamento, l'uso di materiali riciclabili e a basso impatto ambientale, l'attento studio del posizionamento delle finestre e dei sistemi di ombreggiatura.

L'energia è fornita da un impianto fotovoltaico posizionato in copertura, combinato con un impianto geotermico e da un impianto di trigenerazione di energia elettrica, termica e frigorifera.

Il fattore decisivo per il raggiungimento dello standard di casa passiva, però, spiega il Passivhaus Institut, è stato livello di efficienza della facciata, gli impianti meccanici e la scelta di elettrodomestici e componenti a risparmio energetico.

 


 

Se sei interessato all'argomento, leggi anche:

ARCHITETTURA INNOVATIVA: Il NuOffice in Germania

 

ARCHITETTURA INNOVATIVA: Pyramidenkogel il grattacielo in legno più alto del mondo

Joomla templates by a4joomla