Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Agenda per lo sviluppo sostenibile 2015-2030 (4)

NEWS/SVILUPPO SOSTENIBILE

 

Parte IV: Disuguaglianza ed esclusione sociale

 

 

La disuguaglianza e l'esclusione sociale si stanno ampliando in gran parte dei paesi con alcune importanti eccezioni (come il Brasile e la Turchia).

Il diffuso aumento delle disuguaglianze nei paesi ricchi e poveri suggerisce è in parte guidato dai rapidi cambiamenti tecnologici in tutto il mondo e dalle forze della globalizzazione.

I modelli di crescita attuali non stanno fornendo abbastanza lavoro dignitoso e stanno portando una diffusa disoccupazione, in particolare tra coloro che non hanno le competenze e la formazione necessarie. Questo include molti giovani, i disabili, e gli individui senza adeguati livelli di scolarizzazione.

Inoltre le comunità più povere e più vulnerabili vengono lasciate indietro. La disuguaglianza crescente sta alimentando il risentimento e aggravando l'esclusione sociale, il che può portare a ingiustizie e violenze. Come sostenuto in questo rapporto, le politiche nazionali possono e devono svolgere un ruolo importante nel mitigare l'aumento delle disuguaglianze. Le politiche nazionali devono promuovere la parità di genere, i diritti umani, il lavoro dignitoso per tutti, e l'inclusione sociale.

 


 

Se sei interessato a questi argomenti, leggi anche:

FVG: Lo sviluppo sostenibile investendo sulla rotaia

Lo sviluppo sostenibile salverà l’economia italiana

Agenda per lo sviluppo sostenibile 2015-2030 (3)

Joomla templates by a4joomla