Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Agenda per lo sviluppo sostenibile 2015-2030 (1)

NEWS/SVILUPPO SOSTENIBILE

Le Nazioni Unite propongono un’agenda, con precisi obiettivi, per raggiungere entro il 2030 lo sviluppo sostenibile.

 

 

 

La portata della sfida dello sviluppo sostenibile globale è senza precedenti. La lotta contro la povertà estrema ha fatto grandi progressi sotto gli obiettivi di sviluppo del Millennio (MDG), ma più di 1 miliardo di persone continuano a vivere in condizioni di estrema povertà. Disuguaglianza ed esclusione sociale si stanno ampliando in molti paesi. Poiché la popolazione mondiale dovrebbe salire a 9 miliardi entro il 2050 e il PIL globale a più di US $ 200 miliardi di dollari, il mondo ha urgente bisogno di affrontare le sfide dello sviluppo sostenibile e di porre fine alla povertà, aumentando l'inclusione sociale, sostenere il pianeta.

Il Network Solutions mobilita competenze tecniche e scientifiche del mondo accademico, della società civile e il settore privato a sostegno di problemi di sviluppo sostenibile risolvere a livello locale, nazionale e mondiale. Questo Network Solutions accelera l'apprendimento comune e aiuta a superare la compartimentazione del lavoro tecnico e politico, promuovendo approcci integrati alle sfide economiche, sociali, ambientali e interconnesse che si presentano al mondo. Il SDSN lavora a stretto contatto con le agenzie delle Nazioni Unite, le istituzioni finanziarie multilaterali, nonché di altre organizzazioni internazionali.

La rete si articola in 12 gruppi tematici di esperti globali che lavorano per individuare soluzioni comuni e mettere in evidenza le migliori pratiche.

"Il segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon sta mobilitando l'azione globale intorno alla più grande sfida del nostro tempo: lo sviluppo sostenibile", ha detto Sachs "Non è più sufficiente per le economie di crescere. Dobbiamo anche mettere fine alla povertà estrema, un obiettivo a portata di mano nel 2030. L'economia deve proteggere piuttosto che distruggere l'ambiente. E dobbiamo promuovere una più equa distribuzione del benessere, piuttosto che una società divisa tra i molto ricchi e molto poveri ".

Con molte misure, il mondo è una lunga strada da uno sviluppo sostenibile. Molti paesi poveri non crescono adeguatamente, e l'estrema povertà rimane diffusa. L'umanità sta pericolosamente cambiando il clima, impoverendo di acqua dolce, e avvelenando l'aria e l'acqua. La maggior parte delle economie sono sempre meno eque e con un crescente divario tra ricchi e poveri. I conflitti restano considerevoli e le regioni più povere del mondo vulnerabili alle epidemie violente.

Per aiutare il pianeta, i governi del mondo hanno concordato l'anno scorso al Vertice di Rio +20 di adottare gli obiettivi di sviluppo sostenibile. I governi del mondo hanno chiesto al Segretario generale di coordinare la preparazione di questi obiettivi entro il 2015 per fare una transizione senza soluzione di continuità dagli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDG) agli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). Un incontro cruciale della Assemblea generale delle Nazioni Unite si terrà il 25 Settembre 2013 per questo scopo.

Nel suo rapporto, il SDSN ha identificato 10 sfide prioritarie di sviluppo sostenibile:

  • Fine alla povertà estrema e la fame
  • Realizzare lo sviluppo e la prosperità per tutti senza rovinare l'ambiente
  • Garantire l'apprendimento per tutti i bambini e i giovani
  • Raggiungere la parità di genere e ridurre le disuguaglianze
  • Raggiungere la salute e il benessere a tutte le età
  • Aumentare la produzione agricola in modo sostenibile per l'ambiente, per raggiungere la sicurezza alimentare e la prosperità rurale
  • Rendere le città produttiva e sostenibile per l'ambiente
  • Frenare il cambiamento climatico indotto dall'uomo con l'energia sostenibile
  • Proteggere gli ecosistemi e garantire una buona gestione delle risorse naturali
  • Migliorare la governance e allineare il comportamento delle imprese con tutti i gol

 

Parte I: Fine della povertà estrema tra cui la fame

L'eliminazione della povertà è la più grande sfida globale che ha il mondo di oggi ed è un requisito indispensabile per lo sviluppo sostenibile. Il mondo ha fatto grandi progressi nella riduzione della povertà estrema dopo l'adozione degli MDG (Millennium Development Goals). Ora ha la prospettiva di eliminare la povertà estrema in tutte le sue forme.

La fame cronica continua ad affliggere 870 milioni di persone. Inoltre, centinaia di milioni di persone hanno gravi carenze di micronutrienti. Si stima che circa 3 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono ogni anno a causa della malnutrizione. In molte regioni il cambiamento climatico, lo stress idrico, ed altre minacce ambientali (ad esempio, il degrado del suolo e la perdita di biodiversità) stanno danneggiando l'approvvigionamento alimentare, aumentando il rischio di fame. Inoltre, i mercati alimentari globali e locali sono soggetti ad ampie fluttuazioni dei prezzi.

Le strategie per affrontare la fame devono includere

(i)            aumentare la disponibilità e l'accessibilità del cibo, in particolare per le popolazioni vulnerabili,

(ii)           l’approvigionamento di acqua potabile e servizi igienici per ridurre le malattie diarroiche che causano la malnutrizione, soprattutto tra i bambini,

(iii)          programmi nutrizionali mirati per i bambini vulnerabili, donne incinte e in allattamento, tra cui la promozione dell'allattamento al seno

(iv)         le reti di sicurezza alimentare per le calamità naturali e le emergenze.

Si sottolinea l'urgenza e la complessità della lotta contro la fame che si collega alle sfide di uguaglianza, di salute e di sani comportamenti di genere, l'agricoltura sostenibile, la gestione dell'acqua e dei servizi igienici, il cambiamento climatico, e la gestione degli ecosistemi.

Le regioni più vulnerabili sono: il Corno d'Africa (più Yemen), il Sahel, la regione dei Grandi Laghi in Africa Centrale, e parti del Sud e in Asia centrale.

Molti di questi paesi sono troppo poveri, privi di risorse naturali e / o troppo gravati da altri problemi per soddisfare gli obiettivi di sostenibilità sviluppo per conto proprio.

Si stima che 1,5 miliardi di persone vivono in paesi colpiti da insicurezza cronica o di conflitto che è in parte sono responsabili della mancanza di sviluppo. Questi paesi e regioni vulnerabili hanno bisogno di particolare sostegno internazionale per rompere il circolo vizioso della mancanza di sviluppo economico, il degrado ambientale, la rapida crescita della popolazione.

Prevenire i conflitti e costruire la pace spesso richiede il supporto internazionale in forma di mediazione, mantenimento della pace e l'assistenza tempestiva per affrontare le crisi economiche e sociali. Naturalmente, tale sostegno esterno può essere efficace solo quando i governi nazionali svolgono anche la loro parte. Alcuni paesi vulnerabili hanno notevoli risorse naturali (minerali, idrocarburi e terrestri) che - se usati con cautela - possono essere un catalizzatore per la riduzione della povertà e lo sviluppo economico.


 

Se sei interessato a questo argomento, leggi anche:

Ecomafie, i dati diffusi da Legambiente

Sviluppo sostenibile: stilata un’agenda mondiale

 

Joomla templates by a4joomla