#CleanSeas, il Kenia vieta i sacchetti di plastica

 

I sacchetti di plastica sono un importante contributo per gli 8 milioni di tonnellate di plastica gettati in mare ogni anno

 

Il governo del Kenya ha annunciato il divieto di uso, produzione e importazione di tutti i sacchetti di plastica. Questo annuncio arriva appena tre settimane dopo che l'ONU ha dichiarato una "guerra alla plastica" attraverso la sua nuova iniziativa CleanSeas, che ha già ottenuto l’impegno ad affrontare l'inquinamento da plastica da parte di 10 governi.

 

 

Circa 100 milioni di sacchi di plastica sono distribuiti ogni anno in Kenya dai supermercati, questa abitudine è stata identificata come una delle principali cause di danno ambientale e problemi alla salute: uccidono uccelli, pesci e altri animali che li scambiano per cibo, provocano danno al terreno agricolo, inquinano siti turistici e forniscono terreno fertile per le zanzare che trasportano la malaria.

"Il Kenya sta prendendo misure decisive per rimuovere una brutta macchia sulla sua straordinaria bellezza naturale", ha detto Erik Solheim, Responsabile Ambiente delle Nazioni Unite. "I rifiuti di plastica provocano anche un danno incommensurabile per gli ecosistemi fragili - sia a terra che in mare - e questa decisione è un importante passo avanti nel nostro sforzo globale per invertire la tendenza.”

"Il Kenya dovrebbe essere lodato per la sua leadership ambientale. E' un grande esempio che spero possa ispirare gli altri, e contribuire alla campagna CleanSeas ".

I sacchetti di plastica sono la sfida numero uno per lo smaltimento dei rifiuti urbani in Kenya, in particolare nelle comunità più povere dove l'accesso ai sistemi di smaltimento e l'assistenza sanitaria è limitato.

Essi contribuiscono anche agli 8 milioni di tonnellate di plastica che fuoriescono nell'oceano ogni anno. Al ritmo attuale entro il 2050 ci sarà più di plastica negli oceani che pesce.

Kenya oggi è l'undicesimo paese ad intervenire a sostegno della campagna ambientale delle Nazioni Unite. In Africa, Ruanda e Marocco hanno già vietato i sacchetti di plastica e altri paesi sono impostati per annunciare misure nelle prossime settimane.

Più lontano, l'Indonesia si è impegnata a ridurre drasticamente i rifiuti marini del 70%, il Canada ha aggiunto le microsfere (minuscole particelle di plastica) alla sua lista di sostanze tossiche, e la Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti hanno annunciato il divieto dell'utilizzo delle microsfere nei cosmetici.

 

 

 

Torna all'indice "Detriti marini in plastica"

Torna alla pagina "sviluppo sostenibile"

Joomla templates by a4joomla