Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L’economia circolare potrebbe portare il 70 per cento di riduzione delle emissioni di anidride carbonica entro il 2030

L'economia circolare offre opportunità per aumentare posti di lavoro e affrontare i cambiamenti climatici

 

L'economia di oggi si basa sul principio "fatturato veloce".Più velocemente sostituiamo i nostri gadget e meglio è - non solo i nostri telefoni, ma la maggior parte degli articoli che consumiamo.

Questo porta ad una inefficienza sconcertante nel modo in cui gestiamo le risorse della Terra, con un aumento dell’inquinamento, la perdita di ecosistemi e notevoli perdite di valore per ogni prodotto smaltito. Un nuovo studio mette in evidenza che il passaggio ad un'economia circolare utilizzando e riutilizzando, piuttosto che utilizzando e poi smaltire, produrrebbe molteplici benefici.

Esso analizza gli effetti delle tre strategie alla base di un'economia circolare: energie rinnovabili, efficienza energetica e efficienza dei materiali. Essa conclude che entro il 2030, le emissioni di carbonio potrebbero essere ridotte di quasi il 70% se vengono adottate una serie di misure politiche chiave dell'economia circolare. Un'economia più circolare porterebbe ad un aumento dei posti di lavoro riducendo la disoccupazione di oltre un terzo.

Gli attuali stili di vita, soprattutto nei paesi industrializzati, hanno causato il declino degli ecosistemi, ridotto la disponibilità delle risorse e reso un clima sempre più instabile. Nel frattempo, la popolazione mondiale è in crescita e la continua crescita dei paesi a basso reddito stanno mettendo ulteriore pressione sulle risorse.

La proposta legislativa UE che regolamentava l’economia circolare, presentata nel luglio 2014, è stata ritirata dalla Commissione Juncker all'inizio di quest'anno con il pretesto di introdurre un nuovo pacchetto più ambizioso. Dopo pesanti critiche e accuse di cedere alla Confederazione delle pressioni business europea, la Commissione ha promesso il rilancio del pacchetto.

Il pacchetto ritirato comprendeva un obiettivo di riciclaggio dell'80% per gli imballaggi entro il 2030 e il divieto di invio di materiali riciclabili in discarica entro il 2025 ed era stato messo insieme nel corso di un periodo di quattro anni.

La comunità imprenditoriale è spesso visto le politiche ambientali come una minaccia per la competitività - ma ci sono ragioni per visualizzare l'efficienza delle risorse, invece, come un'opportunità. Questo nuovo rapporto considera una serie di opzioni politiche e degli investimenti che avrebbero aiutato il passaggio in un'economia circolare e beneficio del mercato del clima e del lavoro. Questi includono:

1) Rafforzare le politiche esistenti nel campo dell'energia da fonti rinnovabili e di eco-design.

2)Stabilire obiettivi specifici di efficienza delle risorse per i materiali in cui la scarsità o l'impatto ambientale dell'estrazione è grave.

3)Il rafforzamento del riciclaggio e il loro riutilizzo per contribuire a ridurre i rifiuti. Ridurre la messa in discarica in Europa è una priorità ma non è sicuramente una soluzione aumentare gli inceneritori.

4)Utilizzando gli appalti pubblici come incentivo per i nuovi modelli di business, passando dalla vendita di prodotti alla vendita di prestazioni.

5)Rendere l'economia circolare una parte fondamentale delle politiche climatiche europee. La maggior parte delle strategie di mitigazione dei cambiamenti climatici sono settoriali e si concentrano principalmente sul consumo energetico. Lo studio dimostra che le emissioni di carbonio possono essere ridotti in modo significativo dal design intelligente, il riutilizzo e il riciclaggio.

6)Avvio di investimenti per sostenere l'economia circolare - sia a livello comunitario che nazionale.

7)Ripensare al fiscale: ridurre le tasse sul lavoro, l'aumento delle tasse sul consumo di risorse non rinnovabili e la rimozione di IVA da materiali riciclati. Anche se l’automazione richiede meno manodopera rispetto a prima tutti i servizi intorno ad un prodotto in un'economia circolare - dalla progettazione sostenibile, alla manutenzione, aggiornamento, riparazione e riutilizzo - richiedono più, e non meno, lavoro. Spostare le tasse  significa accelerare la transizione verso un'economia circolare e contribuire ad equilibrare la minaccia di perdere posti di lavoro in un'economia digitalizzata.

Anche se è prematuro trarre conclusioni a livello UE sulla base di una sola studio, i risultati svedesi indicano che un'economia circolare non è contraria al programma della Commissione Juncker per la competitività e la crescita. Piuttosto il contrario.

(fonte TheGuardian)

Joomla templates by a4joomla