Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Cambia il ciclo globale dell’azoto

 

 Un utilizzo inefficiente dei fertilizzanti sta portando a gravi situazioni di inquinamento

 

 

 

L'azoto è un nutriente essenziale per la crescita delle piante. Un secolo fa si scoprì un processo industriale in grado di trasformare l’ azoto nell'aria in ammoniaca rendendo possibile la produzione di fertilizzanti azotati. Questa scoperta è stata seguita da uno spettacolare aumento della produzione alimentare mondiale.

 

Al giorno d’oggi, azoto e altre sostanze nutritive sono utilizzate in modo inefficiente nella maggior parte dei sistemi agricoli del mondo. Utilizzare in modo inefficiente i fertilizzanti provoca una perdita inutile di queste sostanze nell’ambiente con impatti profondi che vanno da inquinamento dell'aria e dell'acqua con l'indebolimento degli ecosistemi. Tali impatti sono spesso più visibili nelle regioni sviluppate che in quelle in via di sviluppo.

 

Nell’ultimo secolo, il ciclo dell'azoto globale è stato profondamente modificato dall'attività umana. Attualmente la quantità di azoto 'reattivo' utilizzabile o prodotta dall'uomo (circa 190 milioni di tonnellate all'anno) è superiore alla quantità creata attraverso processi naturali (112 milioni di tonnellate all'anno). Oltre all'applicazione inefficiente di fertilizzanti azotati, le fonti di azoto in eccesso nell'ambiente provengono dai rifiuti umani e dalla combustione di combustibili fossili nel settore dei trasporti e nella produzione di energia.

 

All’interno del ciclo dell’azoto, quest’ultimo non si muove attraverso i sistemi ambientali alla stessa velocità. Ad esempio, suolo, foreste e prati accumulano azoto e quindi portano ad un rallentamento del ciclo, mentre l'aria trasferisce l'azoto più rapidamente. L’eccesso di azoto nell'ambiente contribuisce a molti problemi di salute e ambientali, tra cui:

• zone costiere morte a causa dell’ipossia derivante dal nitrato derivante dal ruscellamento del terreno

• La perdita di biodiversità nei sistemi idrici costieri a causa di eutrofizzazione e acidificazione terrestri, di acqua dolce e l'inquinamento delle acque sotterranee da nitrati

• l'inquinamento di acqua dolce a causa di eutrofizzazione e acidificazione

• impatti sulla salute umana derivanti dalla formazione di aerosol

• Riduzione della produttività delle colture, foreste e praterie dovuta alla deposizione di azoto e di un'eccessiva concimazione, così come l'esposizione all'ozono a livello del suolo

• Il cambiamento climatico globale e l'esaurimento dell'ozono stratosferico, che protegge la vita sulla Terra dai raggi ultravioletti dannosi raggi (UV)

 

(fonte UNEP)

Joomla templates by a4joomla