Dove vogliamo vivere? Sfida 2.

Da molto tempo sentiamo parlare di sostenibilità, smart city, economia circolare, biodiversità. Ma cosa desideriamo veramente?

 

 

La prima sfida ha visto un confronto tra avere un appartamento in un condominio oppure in un innovativo grattacielo verticale.

Se una persona deve vivere in città preferisce vivere in un edificio futuristico, moderno e soprattutto sostenibile.

 

Sempre più spesso gli architetti propongono edifici che sono dei “boschi verticali”.

Il Bosco Verticale è una nuova idea di grattacielo, in cui alberi e umani convivono. Un modo per arricchire la biodiversità vegetale e faunistica della città che lo accoglie. 

A Milano il Bosco Verticale sono due grattacieli alti rispettivamente 111 metri e 76 metri, costruiti tra il 2009 e il 2014 nel quartiere Isola. Il nome Bosco Verticale deriva dal fatto che durante i lavori di costruzione sulle ampie terrazze dei due grattacieli sono stati piantati oltre mille alberi, piccoli cespugli e piante da fiore. Piante, alberi e cespugli che negli ultimi mesi sono cresciuti e fioriti: il Bosco Verticale è stato progettato per ospitare tante piante quante ne ospiterebbero 7mila metri quadri di un normale bosco orizzontale.

Il Bosco Verticale di Milano, realizzato dallo studio di architettura Boeri ed eletto il grattacielo più bello del mondo, presto avrà un fratello gemello, in Svizzera. Il nuovo edificio verde sarà realizzato nel comune di Chavannes-Près-Renens e si chiamerà Torre dei Cedri.

 

Ma ora passiamo alla seconda sfida: villetta con giardino oppure villetta a schiera.

 

Joomla templates by a4joomla