Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La vergogna della disinformazione

Per decenni l’industria dei combustibili fossili hanno fatto azioni di disinformazione.

 

 

Recentemente è uscito un dossier  che rivela tutta la politica di disinformazione fatta dalle grandi multinazionali.

In un recente post avevo già discusso il problema in seguito a continui commenti di disinformazione che si stavano diffondendo sui social network.

 

Riscaldamento globale si, riscaldamento globale no.

Il surriscaldamento del pianeta è veramente il problema principale?

 

La disinformazione in atto presso i cittadini ha permesso ad alcuni governi di fare scelte non propriamente sostenibili in termini di scelte energetiche. A conferma di questi atti di disinformazione è stato pubblicato in questi giorni un rapporto dalla Union of Concerned Scientists.

Per quasi tre decenni, molte delle maggiori aziende di combustibili fossili del mondo hanno consapevolmente lavorato per ingannare il pubblico sulla realtà e sui rischi dei cambiamenti climatici.

Le loro tattiche sono state evidenziate in questo gruppo di sette dossier dove si analizzano una serie di documenti provenienti dalle associazioni di categoria trapelate in seguito ad azioni legali ed attraverso richieste per la libertà di informazione.

La campagna di disinformazione è stata sottoscritta e coordinata dalle più grandi multinazionali dell’energia, quali ExxonMobil, Chevron, ConocoPhillips, BP, Shell, Peabody Energy, e gli altri membri del settore dei combustibili fossili.

 

Il documento rivela una serie di tattiche ingannevoli messo in atto dall'industria dei combustibili fossili. Questi includono lettere al Congresso, il finanziamento segreto di uno scienziato apparentemente indipendente, la creazione di false organizzazioni di base, più gli sforzi per produrre deliberatamente incertezza sulla scienza del clima, e altro ancora.

I documenti hanno dimostrano chiaramente che:

  • Aziende combustibili fossili hanno diffuso intenzionalmente disinformazione sul clima per decenni. 
  • Capi d’azienda dei combustibili fossili sapevano che i loro prodotti erano nocivi per le persone e per il pianeta, ma ancora hanno scelto di ingannare attivamente il pubblico e negare questo danno.
  • La campagna di inganno continua ancora oggi.

Già nel 1977, i rappresentanti di importanti aziende di combustibili fossili hanno partecipato a decine di audizioni del Congresso Americano in cui è stato discusso il contributo delle emissioni di carbonio per l'effetto serra.

Nel 1988, il problema si trasferisce al di là della comunità scientifica e sulla scena nazionale. James Hansen, uno dei principali climatologi della NASA, ha testimoniato davanti al Congresso che i dati scientifici hanno confermato che le attività industriali stavano causando i cambiamenti climatici. E 'stato anche nel 1988, che le Nazioni Unite formano il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici e il Congresso degli Stati Uniti ha introdotto la Energy Policy Act nazionale, nel tentativo di ridurre le emissioni di gas che intrappolano il calore.

E 'difficile immaginare che i dirigenti, i lobbisti, e gli scienziati delle grandi aziende fossili non fossero a conoscenza delle prove scientifiche sui rischi connessi con la continua combustione dei prodotti petroliferi.

In effetti, uno dei documenti chiave evidenziati nel fascicolo è una nota interna del 1995 scritto da un team guidato da uno scienziato della Mobil Corporation e distribuito a molte grandi aziende di combustibili fossili. Il rapporto interno avvertiva in modo inequivocabile che i prodotti prodotti dalle società sono la causa del cambiamento climatico.

In risposta le società hanno intrapreso una serie di campagne per ingannare deliberatamente il pubblico sulla realtà del cambiamento climatico e di bloccare qualsiasi azione che possa ridurre le emissioni di carbonio.

Il risultato? Più della metà di tutte le emissioni di carbonio industriali sono stati rilasciati dal 1988 e non vi è ancora alcuna politica federale globale degli Stati Uniti per affrontare il problema.

Anche se il rapporto è concentrato sull’opinione pubblica americana, molte di queste iniziative sono arrivate anche a noi: è sufficiente leggere sui social network quante sono le persone che sono convinte della NON dannosità delle emissioni provenienti dai combustibili fossili e dell’inutilità di uno sforzo verso le rinnovabili.

 


Leggi anche:

Sostenibilità è ….. non sprecare la conoscenza

Sostenibilità è ….. avere delle scuole sicure

Economia Circolare: l’Italia in ritardo su un nuovo modo di fare business?

Joomla templates by a4joomla