Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Nuova norma per il calcolo dell’impronta climatica

NEWS/NORMATIVA/

Nei giorni scorsi ISO ha pubblicato la specifica tecnica ISO/TS 14067 “Greenhouse gases - Carbon footprint of products - Requirements and guidelines for quantification and Communication” (che attualmente sta svolgendo l’iter per l’adozione come norma nazionale UNI)

 

 

 

ISO / TS 14067:2013 specifica i principi, i requisiti e le linee guida per la quantificazione e la comunicazione delle emissioni di anidride carbonica di un prodotto (CFP), basati su Standard Internazionali di valutazione del ciclo di vita (ISO 14040 e ISO 14044) per la quantificazione e sulle etichette ambientali e dichiarazioni (ISO 14020, ISO 14024 e ISO 14025) per la comunicazione.

Sono anche previste Requisiti e linee guida per la quantificazione e la comunicazione delle emissioni di anidride carbonica parziale di un prodotto (parziale PCP).

Qualora i risultati di uno studio PCP sono riportati secondo la norma ISO / TS 14067:2013, le procedure sono previste per sostenere sia la trasparenza e la credibilità e anche per consentire scelte consapevoli.

Con il termine generico di “impronta climatica” (carbon footprint) si intende l’ammontare totale di gas ad effetto serra emessi direttamente o indirettamente da un’attività, un prodotto, un’azienda o una persona, ed è un indicatore dell’impatto che le attività umane hanno sui cambiamenti climatici.

Calcolare e comunicare l’impronta ambientale di un prodotto è la migliore risposta alla crescente consapevolezza dei consumatori circa il proprio ruolo nel percorso di riduzione delle emissioni globali: la trasparenza e credibilità dei dati “a norma” permetterà quindi scelte di acquisto più consapevoli.


 

Se sei interessato a questo argomento, leggi anche:

Il libro verde per le politiche energetiche e climatiche

La Direttiva 31/2010/UE

 

Joomla templates by a4joomla