Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Parere del Comitato economico e sociale europeo sul tema «L'economia verde — Promuovere lo sviluppo sostenibile in Europa» (parere d'iniziativa) (2013/C 271/03)

NEWS/NORMATIVA

Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ritiene che lo sviluppo dell'economia verde inclusiva sia la sfida principale a cui l'Europa sarà posta di fronte nei prossimi anni se vuole continuare a essere una potenza economica a livello mondiale.

 

 

 

 

Nella conferenza Rio+20 l'UE ha puntato sull'economia verde come forma di sviluppo sostenibile ed è giunto il momento che l'UE agisca. A questo fine è necessario un modello di sviluppo economico che dia la priorità agli investimenti pubblici e definisca in modo adeguato gli incentivi per gli investimenti privati nelle infrastrutture e nelle attività di ricerca, sviluppo e innovazione (RSI) «verdi», al duplice scopo di aiutare l'attività produttiva ad uscire rapidamente dall'attuale situazione recessiva e di affrontare da posizioni di punta a livello economico e sociale la transizione verso questa terza rivoluzione industriale.

Il CESE sottolinea che con lo sviluppo dell'economia verde inclusiva le possibilità di creare occupazione aumenteranno. A questo proposito bisogna intendere come posti di lavoro «verdi» non solo quelli connessi ad alcuni dei nuovi settori emergenti, ma anche tutti quelli derivanti dalla «ecologizzazione» dei processi di produzione e dei prodotti in tutti i settori.

 

Il CESE ritiene necessario eliminare le sovvenzioni dannose per l'ambiente e rivolgere agli Stati membri raccomandazioni specifiche affinché aumentino la tassazione ambientale, oltre che le raccomandazioni in materia di gestione dei rifiuti e delle acque e per il miglioramento del riciclaggio. In questi settori gli Stati membri dovrebbero mostrare un'ambizione e degli obiettivi più vasti.

 

Il CESE esprime la propria preoccupazione per il fatto che il quadro finanziario pluriennale dell'Unione per il periodo 2014-2020 presenta una notevole contraddizione: i settori ecnomici con maggiori emissioni di CO2 (il settore abitativo, industriale, dell'energia e dei trasporti) non sono quelli che ricevono un volume maggiore di fondi UE allo scopo di facilitarne il processo di transizione verso un'economia verde. Per questo motivo è indispensabile aumentare in modo consistente i fondi destinati a questi settori e garantirne un'applicazione efficace ed efficiente.

 

Nel 2011 l'Organizzazione per la Cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente hanno elaborato relazioni esaurienti sull'economia verde. L'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) ha avviato il programma Posti di lavoro verdi e uno dei temi principali della conferenza Rio+20 del 2012 è stato L'economia verde nel quadro dello sviluppo sostenibile e dell'eliminazione della povertà.

 Nel 2006 è stata rinnovata la strategia di sviluppo sostenibile dell'UE e nel 2009 è stato lanciato il pacchetto di misure in materia di energia e cambiamenti climatici volto a ridurre del 20 % le emissioni di gas a effetto serra, ad aumentare al 20 % la quota di energie rinnovabili e a migliorare del 20 % l'efficienza energetica entro il 2020. L'UE deve compiere passi avanti nel ridurre ulteriormente le emissioni per il 2025 e il 2030.

L'economia verde inclusiva deve trovare un equilibrio tra la prosperità economica, una maggiore coesione sociale e una maggiore salvaguardia delle risorse naturali, il cui uso razionale preserva il nostro benessere e quello delle generazioni future.

Secondo l'OIL, i posti di lavoro «verdi» riducono l'impatto ambientale di imprese e settori economici fino al raggiungimento di livelli sostenibili, contribuiscono a ridurre il consumo di energia, di materie prime e dell'acqua, a «decarbonizzare» l'economia e a ridurre le emissioni di gas a effetto serra.

Negli ultimi anni sono diventati evidenti i limiti alla capacità della Terra, dal punto di vista sia delle risorse naturali disponibili per una domanda in crescita che della capacità del pianeta di assorbire i rifiuti e l'inquinamento.

 Non bisogna dimenticare gli effetti dei cambiamenti cli­matici sulla salute: la maggiore frequenza di fenomeni meteorologici estremi, l'aumento dei livelli di ozono e delle particelle in sospensione nell'atmosfera, oltre che della loro tossicità a causa di temperature più elevate, e l'arrivo sul continente europeo di malattie infettive che si credevano debellate.

Le trasformazioni della struttura di produzione e trasporto dell'energia delle principali economie sviluppate, oltre che di gran parte di quelle emergenti, si concentreranno nei prossimi anni nel passaggio da un'economia ad alte emissioni di carbonio a un altro tipo di economia – a basse emissioni di carbonio – in cui un ruolo significativo nella generazione di energia sarà svolto da fonti energetiche rinnovabili e pulite, vale a dire, quelle che non emettono gas a effetto serra né altri rifiuti pericolosi.

 

 scarica il documento:

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2013:271:0018:0022:IT:PDF

 


 

Leggi anche:

Legge nazionale 14 gennaio 2013, n. 10

DDL europea e direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica: l'ok del Parlamento Italiano

Sostenibilità ambientale delle costruzioni

Joomla templates by a4joomla