Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il sughero: la corteccia (parte 2)

NEWS/NATURA/SUGHERO

Il sughero è costituito principalmente da suberina e da lignina. Gli altri costituenti organici sono polisaccaridi (cellulosa ed emicellulosa) e cere e tannini.

 

 

Questi componenti costituiscono le pareti cellulari del sughero e sono suddivisi in tre strati:

-       la sottile parete primaria interna ricca di lignina,

-       la parete secondaria che è una lamella di spessore di cera alternata e suberina, quest'ultima è il componente principale delle pareti cellulari del sughero

-       una sottile parete terziaria di polisaccaridi

 La composizione chimica del sughero può riflettere la qualità, l’origine geografica e la posizione morfologica sull'albero.

Studi scientifici hanno dimostrato che il contenuto di cere e tannini può cambiare in funzione della provenienza mentre il contenuto di suberina, lignina e polisaccaridi sono sostanzialmente confrontabili (Conde, E., et altri “Chemical characterization of reproduction cork from Spanish quercus suber”. Journal of Wood Chemistry and Technology 18 (4), 1998, 447)

Tuttavia, in un altro studio analogo sul sughero hanno dimostrato una grande variabilità nella suberina e nel  contenuto di polisaccaridi, mentre la lignina e polifenoli erano costanti. In questo studio, è stato possibile distinguere la qualità del sughero in funzione al contenuto di suberina e di lignina: contenuti suberina superiori corrispondevano a standard di qualità più elevati, mentre contenuti di lignina più elevati corrispondono ad una qualità inferiore (Lopes, M.H., et al., “Variability of cork from Portuguese quercus suber studied by solid-state 13 C-NMR and FTIR spectroscopies”. Biopolymers 62 (5), 2001, 268).

In realtà è necessario fare un’ulteriore differenzazione.

Le variazioni di composizione chimica delle varie strati della corteccia di sughero sono state studiate da Giove 'et al. (“Study of the variability in chemical composition of bark layers of Quercus suber L. from different production areas”. Bio Resources 6 (2),2011, 1806). In questo studio, le cortecce di sughero sono state separate in tre strati: corteccia, sughero (parte utilizzata per la produzione dei tappi di sughero) e pancia.
Sono state riscontrate differenze significative tra gli strati per contenuto di suberina e polisaccaridi.

 


 Se sei interessato a questo argomento, leggi anche:

Il sughero: la corteccia (parte 1)

Il sughero: la pianta

Il sughero

 

Joomla templates by a4joomla