Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Salvare il pangolino

Che cosa è un pangolino?

 

I pangolini, conosciuti anche come formichieri squamosi, sono gli unici mammiferi viventi a rappresentare l'ordine dei Folidoti.

Questi animali hanno il corpo ricoperto da scaglie cornee costituite di cheratina che, sovrapponendosi l'una all'altra, formano una sorta di "corazza a piastre". Solo il ventre, la parte interna delle zampe, il muso e le parti laterali del capo sono scoperti. La corazza è costruita in modo da permettere all'animale di appallottolarsi se spaventato. Le scaglie sono affilate e possono essere usate (in particolare quelle della coda) come armi. I piccoli pangolini possiedono scaglie morbide, che si induriscono quando l'animale matura.

Le specie attuali vivono nelle zone tropicali dell'Asia meridionale e del sudest e dell'Africa subsahariana. Un tempo l'ordine era molto più diffuso: sono stati rinvenuti fossili di pangolini sia in Europa che in America settentrionale.

Oltre a essere a rischio per la perdita di habitat, è forse il mammifero più colpito dal traffico illegale: si calcola che negli ultimi dieci anni oltre un milione di pangolini siano stati commerciati illegalmente.

Spesso le destinazioni finali sono Cina e Vietnam, dove le scaglie sono impiegate nella medicina tradizionale perché ritenute efficaci contro un’ampia gamma di malattie, dai reumatismi agli eczemi fino al cancro e all’impotenza. Anche la carne è una prelibatezza. Date le ridotte dimensioni dell'animale, il traffico può avvenire "all'ingrosso": nell’ottobre 2015 i funzionari doganali del Guangdong, nel sud della Cina, hanno sequestrato un carico gigantesco: 414 scatole contenenti 2.764 carcasse congelate.

 

E’ necessario difendere questa specie animale. Non solo per il pangolino ma anche per difendere migliaia di altre specie minacciate di estinzione a causa del crescente fenomeno del bracconaggio.  

Elefanti, rinoceronti e tigri vengono uccisi a migliaia per il loro avorio, il corno oppure la loro pelle.Un enorme numero di pappagalli, altri uccelli e rettili sono illegalmente catturati e contrabbandate in tutto il mondo per la vendita come animali domestici.Altre specie minacciate sono oranghi, tartarughe marine, orchidee rare e alberi di palissandro.

l valore di questo business illecito è immenso: si stima che esso sia di 23 miliardi di dollari all'anno, alla pari del traffico di droga, armi ed esseri umani.

Questo tipo di criminalità sta erodendo la preziosa biodiversità del pianeta e la stabilità dei suoi ecosistemi.Si sta derubando i singoli paesi del loro patrimonio naturale, rubare i beni delle comunità locali che potrebbero utilizzare per costruire imprese turistiche.

Lacampagna di "Wild per la vita"ha lo scopo di costruire la consapevolezza del crimine sulla fauna selvatica e di incoraggiarne il contrasto.Ciò può significare fare uno shopping con attenzione per evitare i prodotti di provenienza illegale; non tenere gli animali domestici che sono stati prelevati illegalmente dall'ambiente naturale.

Nel settembre dello scorso anno, i paesi di tutto il mondo hanno deciso di riconoscere illegale il commercio internazionale di tutti pangolini provenienti dall'Africa in quanto una specie minacciata.

 

 

Fonte: UNEP Stories

 

Torna all'indice

Joomla templates by a4joomla