Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Grandi incendi boschivi nei Territori del Nord Ovest del Canada

NEWS/NATURA/FORESTE

In queste ultime settimane, il tempo secco e caldo sta alimentato grandi incendi boschivi in tutti Territori del Nord Ovest del Canada. L'entità di tali incendi è ben al di sopra della media.

 

Dei 186 incendi nei Territori del Nordovest di quest'anno, 156 sono attualmente in atto. Secondo i dati del  Fire Center canadese Interagency Foresta, la quantità di ettari bruciati nei Territori del Nordovest è sei volte superiore alla media degli ultimi 25 anni.

Le foreste boreali, come quelli nei Territori del Nordovest,  stanno bruciando velocemente in quanto la parte settentrionale del globo si sta riscaldando al doppio della velocità rispetto alle zone più vicine all'equatore, e tali condizioni più calde stanno contribuendo alla diffusione degli incendi.

Le foreste boreali presenti in Canada, Europa, Russia e Alaska, rappresentano il 30 per cento del carbonio del mondo memorizzata in terra. Gli incendi boschivi, come quelli che attualmente infuriano nei Territori del Nordovest, così come quelli di 2012 e 2013 in Russia, che possono rilasciare una notevole quantità di carbonio immagazzinato nell’atmosfera e contribuire al riscaldamento globale. Temperature più calde possono a loro volta facilitare l’innesco di nuovi incendi. Il gruppo di esperti intergovernativo sui cambiamenti climatici sostengono che per ogni aumento della temperatura di 1,8 ° C provocano un raddoppio del rischio di incendi.

Inoltre, la fuliggine proveniente dagli incendi boschivi può anche oscurare il ghiaccio nell'Artico e provocare uno scioglimento più velocemente. Gli incendi del 2012 in Siberia ha prodotto una notevole quantità di fuliggine che ha provocato una scioccante fusione  del ghiaccio della Groelandia. Nel corso di un paio di settimane nel mese di luglio dello stesso anno, si è sciolto il 95 per cento della superficie. 

Fonte Climate Centre

 


Leggi anche:

L'Amazzonia inquinata dall’estrazione del petrolio

Il Gargano lo sperone d'Italia

IL CUCULO E I CROCHI SELVATICI

 

Joomla templates by a4joomla