Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il cambiamento climatico mette i pinguini imperatore a rischio di estinzione

 NEWS/NATURA/ANIMALI A RISCHIO DI ESTINZIONE

L'intera popolazione dei famosi pinguini imperatore dell'Antartide potrebbe diminuire di un terzo entro la fine del secolo a causa della scomparsa del ghiaccio marino, mettendoli a rischio di estinzione. Lo affermano gli autori che hanno pubblicato “Projected continent-wide declines of the emperor penguin under climate change” in Nature Climate Change.

 

 

 

 

 

 

La scoperta giustifica nuove azioni per proteggere i pinguini imperatore.

"La popolazione è in declino. Se non cambia qualcosa per fermare questo, la popolazione andrà  verso l’estinzione ", ha dichiarato Hal Caswell, scienziato senior presso Woods Hole Oceanographic Institute, e uno degli autori.

La principale minaccia alla sopravvivenza dei pinguini imperatore deriva dal cambiamento climatico che sta sciogliendo il ghiaccio marino.

La perdita di ghiaccio marino sta riducendo la fornitura di krill, i minuscoli crostacei che popolano l'Oceano Meridionale, e sono la principale fonte di cibo dei pinguini imperatore. I giovani di krill si nutrono di alghe che vivono nel ghiaccio marino. 

I cambiamenti nel ghiaccio intorno all'Antartide possono - a breve termine - potenziare alcune delle popolazioni, in particolare lungo il Mare di Ross, hanno detto i ricercatori. Il ghiaccio marino al largo della costa occidentale dell'Antartide è in aumento, a causa della rottura dei ghiacciai e dei venti. Ma entro il 2100, tutte le 45 colonie di pinguini imperatore dell'Antartide saranno in declino a causa della perdita di ghiaccio. 

"Implementare l’area marina protetta nel Mare di Ross potrebbe aiutare a guadagnare tempo per evitare l'estinzione e per mettere in atto la conservazione necessario e strategie di mitigazione dei gas serra," Stephanie Jenouvrier, autore principale e uno scienziato a Woods Hole, ha detto in una dichiarazione.

"Dato questa nuova ricerca, e quello che già sappiamo sul riscaldamento globale e il cambiamento climatico, una delle cose che dobbiamo fare subito è istituire una riserva marina in modo da evitare la pesca nelle aree dove i pinguini cercano cibo ", ha detto. "E 'un modo per eliminare un altro pericolo per i pinguini."

 fonte Nature Climate Change


Leggi anche:

Allarme per l'estinzione dell'orso marsicano

Tempi duri per i parenti dello Yeti

Indonesia, fatwa degli ulema per proteggere gli animali selvatici

 

Joomla templates by a4joomla