Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Foreste boreali: le minacce ambientali denunciate dal popolo Sami

NEWS/NATURA/FORESTE

 

"Stiamo lottando per avere un posto per la nostra cultura, in futuro," ha detto la Elisabeth Utsi Gaup. Il cambiamento climatico, l'estrazione mineraria e l'inquinamento sono tre delle più grandi minacce per i Sami, abitanti tradizionali delle gelide settentrionali ai confini tra Norvegia, Finlandia, Svezia e Russia. 

 

 

Gaup fa parte di una delegazione recatasi a Darwin, in Australia, per partecipare alla riunione della rete mondiale dei popoli indigeni, dove ha scoperto che gli indigeni delle steppe boreali non hanno problemi molti diversi da quelli che vivono in Africa, in Australia nel Pacifico o in Canada.

 

 

 

"Rischiamo ogni giorno di perdere le nostre terre. Siamo un popolo forte, abbiamo la nostra lingua, la nostra cultura, ma siamo così pochi."

 

I Sami hanno 300 parole per descrivere la neve nelle sue diverse condizioni. Il cambiamento climatico è una delle maggiori minacce alla sopravvivenza della loro cultura. La neve sta cambiando, e assieme alla neve, tutto il loro ambiente. e renne, su cui si basa l'economia tradizionale dei Sami, sprofondano negli acquitrini dove un tempo il suolo era freddo e compatto, e diventano facili prede dei lupi. Anche Berit Inga fa parte della delegazione Sami a Darwin e denunce le attività delle compagnie minerarie, che stanno poco a poco cambiando la vita Sami: offrono denaro per alcuni gruppi, ma cambiando inesorabilmente il paesaggio di tutti. (salva foreste)

 


 

Se sei interessato, leggi anche:

 

 

 

 

Joomla templates by a4joomla