Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Biodiversità: Laos e le foreste di gomma

 NEWS/NATURA/BIODIVERSITA’

Il territorio del Laos è ricoperto al 50% dalla foresta tropicale. Sebbene la bassa densità demografica del paese abbia consentito la conservazione dell'importante area forestale, è oggi in pericolo a causa dello sfruttamento eccessivo del legno.

 

 

 

Per quanto riguarda il regno animale, nel Laos si possono osservare specie pressoché sconosciute come il manzo Quang Vu, i buoi selvatici. Si trova inoltre tutta la fauna comune alla zona indocinese: orsi neri, rettili, primati, elefanti, pantere e tigri. Sfortunatamente la maggior parte di queste specie sono oggi diventate rare per via della deforestazione e della caccia intensiva.

Oltre la deforestazione per lo sfruttamento del legno, la crescita della domanda globale di gomma naturale ha scatenato il boom delle grandi piantagioni di gomma, con uno strascico di conflitti con le comunità locali. Nel Laos si stima che circa l'80% della popolazione fa affidamento sulla foresta per il sostentamento e per lo sviluppo culturale e spirituale.

Nel 2010 le piantagioni di gomma con finalità commerciali si estendevano in tutto il mondo su circa 9,8 milioni di ettari. Entro il 2018 si prevede che le piantagioni occuperanno circa 13,8 milioni di ettari. Circa il 90% della produzione di gomma è concentrata in Asia, e in particolare in Indonesia, Tailandia e Malesia, e si basa in genere sui piccoli proprietari. La produzione alimenta la produzione dei pneumatici, e quindi è legata a doppio filo al settore automobilistico, che in Asia fa perno sulla Cina. Negli ultimi anni le piantagioni su vasta scala si sono espanse a macchia d'olio nei paesi rivieraschi del Mekong, concentrandosi sul Laos.

Nel paese vivono oltre 60 diversi gruppi etnici. La maggior parte delle persone Laos vive nelle zone rurali sulle colline e sui monti. Le comunità rurali dipendono principalmente dalle foreste per il loro sostentamento, cos' come per mantenere la loro identità culturale. 

Dalla fine degli anni 1980 il governo del Laos ha aperto l'utilizzo dei suoli all''economia di mercato, e le comunità forestali hanno subito gli impatti dell'industria del legno.

Nel 1990, il paese ha adottato il piano d'azione per le foreste tropicali (TFAP), spinto dalla Banca Mondiale e dalla FAO. Una delle strategie proposte dal TFAP è l'investimento in piantagioni di alberi. E così dopo il la deforestazione, le piantagioni si fanno carico di trasformare le foreste in  beni d'investimento. Governo e imprese hanno promosso una rapida espansione delle piantagioni di alberi - che hanno invaso le terre delle comunità locali, privandole dei mezzi di sussistenza.

Mentre alcuni investimenti si basano su attività locali e su piccola scala, circa il 75% di tutte le piantagioni è su larga scala, ed è gestita da imprese transnazionali provenienti da Cina, Vietnam e Thailandia. Secondo il Ministero del Commercio del Laos, entro il 2007, 40 imprese controllano 182.900 ettari di piantagioni assegnati in concessione.

I primi impatti si vedono poco dopo la piantumazione degli alberi. Le aree occupate dalla piantagione sono per lo più aree forestali miste, utilizzate dalle comunità, per la raccolta dei funghi, del bambù o di altri prodotti forestali. Come se non bastasse, l'utilizzo dei pesticidi contamina l'ambiente, in particolare le risaie contigue alle piantagioni.

 Nel corso del prossimo decennio, il governo Laos progetta di espandere le piantagioni su ulteriori  300.000 ettari

 

 


 Se sei interessato a questo argomento, leggi anche:

Biodiversità: gli indigeni boliviani per salvare il Gran Chaco

Biodiversità: via al salvataggio della barriera corallina australiana

Biodiversità: il danno dei pesticidi

Joomla templates by a4joomla