Le isole Marshall stanno scomparendo

L’aumento del livello del mare sta attaccando una nazione vulnerabile

 

Linber Anej, durante la bassa marea, trasporta blocchi di cemento e rottami metallici a riva per ricostruire il muro improvvisato davanti alla sua casa e che lo separa dal mare. La barriera temporanea è per difendere le proprie case dal mare.

Tony A. deBrum, il ministro degli esteri delle Isole Marshall, racconta le storie di uomini come il signor Anej per trasmettere ai politici più potenti del pericolo che incombe sulla sua nazione insulare nel Pacifico, come l’aumento del livello del mare.

Molte altre sono altrettanto minacciate dall'innalzamento del mare. In Bangladesh, circa il 17 per cento della terra potrebbe essere inondata entro il 2050, provocando lo spostamento di circa 18 milioni di persone. Ma le isole Marshall detiene una carta importante: dal 1986, a causa dei loro lunghi legami militari con Washington, i circa 70.000 residenti delle Isole Marshall sono liberi di emigrare negli Stati Uniti, un passaggio che diventerà sempre più allettante man mano che l'acqua sommerge le coste delle isole.

Il dibattito è molto importante in quanto l’obiettivo finale degli accordi di Parigi potrebbe richiedere ai paesi sviluppati, in primo luogo agli Stati Uniti, di dare miliardi di dollari per i paesi vulnerabili, come le Isole Marshall. 

Nella lotta globale per i cambiamenti climatici, i leader dei paesi più vulnerabili hanno a lungo cercato di attirare l'attenzione sulla loro situazione. Essi hanno organizzato eventi simbolici, come una riunione di gabinetto subacquea, lo sciopero della fame e consegnato dei discorsi angosciati alle Nazioni Unite. Questi sforzi hanno avuto uno scarso impatto sulle politiche economiche che dettano la risposta di governi ai cambiamenti climatici.

Per il signor deBrum, un pianeta in fase di riscaldamento non è un problema astratto. Come la combustione di combustibili fossili aumenta i gas che intrappolano il calore nell'atmosfera, il pianeta si riscalda, e la Groenlandia e strati di ghiaccio dell'Antartide si sciolgono negli oceani. Il livello del mare si innalza.

La maggior parte delle 1000 Isole Marshall, sparse in 29 stretti atolli corallini nel Sud del Pacifico, sono meno di sei piedi sopra il livello del mare - e pochi sono più di un miglio di larghezza. Per il Marshallese, il potere distruttivo dei mari in aumento è già una parte inevitabile della vita quotidiana. Il cambiamento degli alisei globali hanno innalzato il livello del mare nel Sud del Pacifico di un piede negli ultimi 30 anni, più veloce che altrove. Gli scienziati stanno studiando se tali mutamenti degli alisei hanno nulla a che fare con il cambiamento climatico.

Il futuro innalzamento del livello del mare, causato dai cambiamenti climatici, rendono le isole inadatte all'abitazione umana entro i prossimi decenni.

(fonte The New York Times)

 

 

 

 

 


Leggi anche:

Lo stress da calore: la prossima crisi globale della salute pubblica?

Anche i premi nobel contro i cambiamenti climatici: ridurre subito emissioni CO2

Diminuiscono le emissioni di CO2 nell’Unione Europea

Joomla templates by a4joomla