Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Trump ed il disprezzo per i cambiamenti climatici

I parlamentari provenienti da tutto il mondo devono sollecitare il presidente degli Stati Uniti a confermare gli accordi di Parigi sui cambiamenti climatici

 

Nei suoi primi giorni da president, Trump ha già sostituito la pagina suicambiamenti climatici sul sito della Casa Bianca con una politica energetica basata sui combustibili fossili,

Trump ha definito il cambiamento climatico una BUFALA e STRONZATE, ha confezionato la sua amministrazione con negazionisti del cambiamento climatico.

Gli Stati Uniti sono il secondo emettitore mondiale di gas serra.

Caroline Lucas, un deputato dei Verdi, ha detto: "I primi giorni di Donald Trump come presidente hanno rivelato il suo disprezzo per la tutela dell'ambiente …".

Craig Bennett, direttore generale di Amici della Terra, ha dichiarato: "La guerra di Trump sul nostro ambiente è già iniziata. Il silenzio non è accettabile in quanto significa legittimare la negazione del clima del nuovo presidente ".

È fondamentale tenere sempre presente che le dichiarazioni di Trump non riflettono alcuna posizione scientifica, non si basano su nessuna ricerca, su nessun dato. Le parole di Trump non sono fondate sulla scienza ma sugli interessi delle compagnie petrolifere. Sono un chiaro tentativo di rimangiarsi gli accordi sul clima di Parigi, e molte altre nazioni saranno ora tentate di fare lo stesso.

La scorsa settimana Trump ha emesso ordini esecutivi per rilanciare progetti di oleodotti e ha detto ai produttori di auto che la regolamentazione ambientale è "fuori controllo

Trump ha inorridito gli attivisti del clima, minacciando di cancellare l'accordo di Parigi, che era in parte mediato da Obama. Nel 2012 Trump aveva descritto il cambiamento climatico come "creato da e per i cinesi al fine di rendere la produzione degli Stati Uniti non competitiva”

(fonte The Guardian)

Joomla templates by a4joomla