Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Quattordici anni di monossido di carbonio da MOPITT

 Secondo le misurazioni di inquinamento nella missione Troposfera (MOPITT), le concentrazioni di monossido di carbonio sono diminuite tra il 2000 e il 2014. Il calo è particolarmente evidente nell'emisfero settentrionale. 

 

 

Il monossido di carbonio è forse più noto per gli effetti letali che può avere nelle case con gli apparecchi difettosi e con la scarsa ventilazione. Negli Stati Uniti, il gas incolore e inodore uccide circa 430 persone ogni anno.

Tuttavia, l'importanza di monossido di carbonio (CO) si estende ben oltre l'ambiente interno. Al chiuso o all'aperto, il gas può interrompere il trasporto di ossigeno dal sangue, portando a problemi di cuore e di salute. CO contribuisce anche alla formazione di ozono troposferico , un altro inquinante dell'aria con effetti malsani. E anche se il monossido di carbonio non causa direttamente il cambiamento climatico, la sua presenza influisce sull'abbondanza di gas serra come il metano e l’anidride carbonica.

 

 

Il monossido di carbonio si forma quando i combustibili, tra cui il carbone, petrolio, gas naturale e legno vengono bruciati. Quindi molte attività umane e macchinari emettono ossido di carbonio, inclusi i motori a combustione di auto, camion, aerei, navi e altri veicoli; i fuochi accesi dagli agricoltori per cancellare le foreste o i campi; processi industriali che comportano la combustione di combustibili fossili. Inoltre, incendi e vulcani sono fonti naturali del gas.

Poco si sa circa la distribuzione globale del monossido di carbonio del lancio del satellite Terra nel 1999. Il satellite Terra utilizza delle sonde di misure dell'inquinamento nella troposfera (MOPITT), ossia è in grado di misurare il monossido di carbonio in modo coerente su scala globale.  MOPITT analizza l'intera atmosfera della Terra ogni tre giorni.

Poiché il monossido di carbonio ha una durata nella troposfera di circa un mese, persiste abbastanza a lungo per essere trasportato per lunghe distanze dal vento, ma non abbastanza a lungo per mescolarsi uniformemente nell'atmosfera. Di conseguenza, le mappe di MOPITT mostrano una significativa variabilità geografica e stagionale. 

Gli incendi sono la principale fonte di inquinamento da monossido di carbonio in Sud America e Australia. Negli Stati Uniti, in Europa e in Asia orientale, le più alte concentrazioni di monossido di carbonio si verificano nelle aree urbane e quindi provocate dagli scarichi dei veicoli e da emissioni industriali. Tuttavia, anche gli incendi nelle vaste zone del Nord America, Russia e Cina possono essere una fonte importante.

Le mappe rappresentano concentrazioni medie annuali di monossido di carbonio nella troposfera, ad un'altitudine di 3.700 metri. Le concentrazioni sono espresse in parti per miliardo in volume (ppbv). Una concentrazione di 1 ppbv significa che per ogni miliardo di molecole di gas in un volume misurato, uno di loro è una molecola di monossido di carbonio. Aree gialle hanno poco monossido di carbonio, mentre le concentrazioni progressivamente crescenti sono mostrati in arancione e rosso. I luoghi in cui i dati non sono disponibili sono grigi. I dati sono stati mediati per eliminare le variazioni stagionali.

 

 

Secondo MOPITT, le concentrazioni di monossido di carbonio sono diminuite dal 2000. Il calo è particolarmente evidente nell'emisfero settentrionale. La maggior parte degli esperti di qualità dell'aria attribuiscono il declino alle innovazioni tecnologiche ed alle normative. È interessante notare che, mentre MOPITT osservata una leggera diminuzione di monossido di carbonio in Cina e in India, gli altri inquinanti come il biossido di zolfo e biossido di azoto sono aumentati nello stesso periodo. Ad esempio in Cina il biossido di azoto è aumentato in corrispondenza all’aumento della domanda energetica.

Come illustrato dalle mappe, le notizie sono anche generalmente positivo per il Sud del mondo, dove la deforestazione e gli incendi agricoli sono la fonte primaria di monossido di carbonio. In Sud America, MOPITT osservata una lieve diminuzione del monossido di carbonio; altri satelliti hanno osservato una diminuzione del numero di piccoli incendi e delle aree bruciate, a suggerire un calo incendi dal 2005. Allo stesso modo, anche in Africa c’è stato un decremento degli incendi.

 

Immagini NASA Earth Observatory di Jesse Allen e Joshua Stevens, utilizzando i dati del National Center for Atmospheric Research (NCAR) e l'Università di Toronto  MOPITT squadre .

 Questo articolo è stato ripubblicato da Earth Observatory della NASA .

 


Leggi anche:

 COP21: gli USA sottopongono il piano d'azione per il clima

L'Europa non deve avere paura di condurre il mondo sulla normativa ambientale

Può l'economia mondiale sopravvivere senza combustibili fossili?

 

Joomla templates by a4joomla