Il disgelo del permafrost una bomba climatica

Il disgelo del permafrost non provoca solo l’aumento del livello dei mari ma anche un rilascio di carbonio nell’atmosfera.

 

Due anni fa i ricercatori del NSIDC, studiando il disgelo del permafrost (o permagelo, è un terreno dove il suolo è perennemente ghiacciato da almeno due anni) avevano messo in evidenza la possibilità di un rilascio di grossi quantitativi di CO2 nell’atmosfera.

 

Il disgelo ed il marciume dell’artico.

 

Il permafrost è un suolo con temperature pari o inferiore a 0°C e tale condizione è presente da almeno due o più anni. Alcune aree di permafrost assorbono abbastanza calore in estate da lasciare lo strato superiore del suolo, chiamato strato attivo, scongelare temporaneamente consentendo alle piante di crescere e agli animali di trovare cibo. Sotto questo strato, il terreno rimane ghiacciato.

Con l'aumento delle temperature il permafrost si scioglie e il suolo diventa umido e paludoso. Il materiale organico presente in questi terreni marcisce e vengono rilasciate grosse quantità  di anidride carbonica nell’atmosfera. In queste condizioni climatiche vengono rilasciate anche grosse quantità di metano, un potente gas serra.

Un team franco-canadese ha esaminato lo scongelamento del terreno nella regione artica.

Il team ha studiato l’impatto che avrebbe lo scioglimento del permafrost che include milioni di chilometri quadrati di terreno congelato. Essi contengono enormi quantità di carbonio che potrebbe essere aggiunto alle emissioni globali di gas serra.

Alcuni studi stimano che il terreno ghiacciato dell'Artico contiene 1700 miliardi di tonnellate di carbonio, che la rende la più grande riserva continentale . 

Con il riscaldamento in atto dalla seconda metà del ventesimo secolo, il permafrost inizia a sciogliersi, e i batteri presenti nell’acqua sono in grado di confertire il carbonio in biossido di carbonio (CO2) e metano (CH4). Questi due gas possono aumentare il riscaldamento globale.

Uno dei problemi è che nessuno sa esattamente quanto carbonio può essere rilasciato nell'atmosfera dalla fusione del permafrost. Inoltre è necessario tener presente che i grandi modelli climatici utilizzati nel IPCC per valutare l'eventuale aumento della temperatura entro la fine di questo secolo non tengono conto dell'effetto permafrost.

Nel tentativo di ridurre l'incertezza circa la fusione del permafrost, Fondation BNP Paribas ha finanziato 800.000 dollari un programma di ricerca che sarà condotta dall’istituto di ricerca di Takuvik, dal CNRS e dalla cooperazione Laval University di Quebec City.

Il riscaldamento del permafrost è già iniziato intorno a Kuujjuarapik, 55 ° N in una zona del Quebec. Le aree congelate in modo  permanente persistono solo in alcuni punti isolati. Il disgelo è visibile anche quando l'area è coperta di neve, grazie alla presenza di piccole depressioni circolari, laghetti ghiacciati che punteggiano la tundra innevata.

(fonte Le Figaro

 


Leggi anche:

Parigi2015: Ue pronta a ridurre del 40% le emissioni entro il 2030

UE stabilisce i suoi obiettivi in previsione del Protocollo di Parigi

Perché così tanti record della temperatura globale?

Joomla templates by a4joomla