Rallentamento del riscaldamento globale? Nessun errore sistematico nei modelli climatici

CAMBIAMENTO CLIMATICO. La Terra continuerà a riscaldarsi

 

 

In un precedente post ho trattato la problematica dei dati scientifici che in alcuni casi possono non essere chiari ed in alcuni casi possono essere interpretativi.  Sposare l’idea che la società umana non influisce sugli equilibri delicati della nostra Terra è una soluzione di comodo per scrollarci di dosso la responsabilità di difendere l’ambiente in cui viviamo.

Riscaldamento globale si, riscaldamento globale no.

Recentemente è stato pubblicato un lavoro su NATURE che ha l’intento di rispondere alle obiezioni dei scettici che continuano a sostenere che il riscaldamento non è causato dall’uomo.

E’ vero che c'è stata una pausa nel riscaldamento, infatti, la superficie della Terra si è riscaldata molto meno rapidamente rispetto a quello che avevano previsto i modelli.

Tuttavia, il divario tra il riscaldamento calcolato e misurato non è a causa di errori sistematici dei modelli, come gli scettici avevano sospettato, ma perché ci sono sempre fluttuazioni casuali del clima della Terra. Recentemente, Jochem Marotzke, direttore dell'Istituto Max Planck per la meteorologia di Amburgo, e Piers M. Forster, professore presso l'Università di Leeds, nel Regno Unito, hanno chiaramente dimostrato questo attraverso una analisi statistica completa. Essi hanno inoltre mostrato chiaramente che i modelli in genere non sopravvalutano i cambiamenti climatici causati dall'uomo. 

Il clima è soggetto al caso ed al caos - che rende la vita difficile per i ricercatori del clima. Non c'è da stupirsi che questi due fattori climatici imprevedibili sono alla radice di un mistero che ha sconcertato gli scienziati dall'inizio del 21° secolo. Da allora, la temperatura della superficie terrestre è aumentata di solo circa 0,06°C - molto meno di quanto era stato previsto da tutte le 114 simulazioni considerate nella relazione sul clima dall'IPCC. Jochem Marotzke e Piers M. Forster hanno spiegato la pausa di riscaldamento in termini di fluttuazioni casuali derivanti da processi caotici nel sistema climatico. Ancora più importante per i due ricercatori: non hanno trovato alcun errore concettuale nei modelli

I ricercatori sottolineano, che nonostante non ci siano errori nei modelli utilizzati, non è possibile aumentare la precisione sulle previsioni. Ciò significa che se continuiamo come prima, la Terra continuerà a riscaldarsi - con le conseguenze note a tutti.

Fonte

 


Leggi anche:

SMAP, al via la missione che studierà le acque dallo Spazio

Il clima cambia, l’Italia rischia un clima ancora più caldo.

NASA e NOAA: il 2014 l’anno più caldo dell’età moderna

Joomla templates by a4joomla