Raddoppio della perdita del ghiaccio antartico

 

NEWS/CAMBIAMENTO CLIMATICO/

Secondo le nuove osservazioni satellitari, l’Antartide sta spargendo 160 miliardi di tonnellate all'anno di ghiaccio nell'oceano, il doppio rispetto a qualche anno fa. Le misure si collegano all’annuncio dei giorni scorsi del collasso della calotta di ghiaccio dell’Antartide.

 

Il riscaldamento globale sta spingendo verso l'alto il livello del mare per lo scioglimento delle grandi calotte di ghiaccio del mondo con un conseguente riscaldamento e l'espansione delle acque degli oceani. 

La perdita di tutta la calotta di ghiaccio dell'Antartide occidentale alla fine causerebbe un innalzamento di 4 metri del livello del mare, devastando le zone costiere di tutto il mondo.

I nuovi dati, pubblicati dalla rivista Geophysical Research Letters , mostrano che la calotta di ghiaccio dell'Antartide occidentale si sta assottigliando.

Tre anni di osservazioni con il satellite CryoSat-2 dell'ESA mostrano che la calotta antartica sta perdendo 159 miliardi di tonnellate di ghiaccio ogni anno - due volte tanto quanto è stato determinato nella precedente indagine (fonte ESA). Le calotte polari sono un importante contributo per l'innalzamento del livello globale del mare, queste perdite sono sufficienti per aumentare il livello globale del mare di 0,45 millimetri ogni anno.

 

"L'aumento dell’assottigliamento che abbiamo rilevato nella zona ovest dell’Antartide è uno sviluppo preoccupante", ha detto il professor Andrew Shepherd, presso l'Università di Leeds e che ha condotto lo studio."Aggiunge una prova concreta dei cambiamenti drammatici che sono in corso in questa parte del nostro pianeta."

Il rapporto “ Advancing Global Food Supply in the Face of a Changing Climate” ha messo in evidenza inoltre, i rischi alimentari che ciò potrebbe provocare.

L’aumento dei livelli del mare provocherà uno spostamento di milioni di persone dalle aree costiere basse e spazzerà via le zone di coltivazione del riso in Asia.

 

"Questo innalzamento del livello del mare potrebbe prendere la metà del Bangladesh e soprattutto annientare le regioni produttive in Vietnam", ha detto Nelson The Guardian. "E avrebbe un effetto importante sulle aree agricole egiziane."

 

"Un aumento del livello del mare di 3 metri (10 piedi) nel corso dei prossimi 100 anni è molto più probabile ", dice il rapporto “ Advancing Global Food Supply in the Face of a Changing Climate”.

In termini di perdita di terreni in assoluto, la Cina sarebbe a rischio di perdere oltre 3 milioni di ettari (7,4 milioni di ettari). Vietnam, India, Bangladesh e Myanmar potrebbe perdere più di 1 milione di ettari (2,5 milioni di acri).

La potenziale perdita di terreni adibite a colture vitali sottolinea l'urgente necessità di nuove tecnologie innovative per aumentare la produttività agricola e per tenere il passo con la crescita della popolazione mondiale.

 


Leggi anche:

Ad aprile raggiunto il record dei livelli di CO2

Conseguenze dell’innalzamento del livello marino

Clima: la Commissione Ue fissa gli obiettivi per il 2030

 

Joomla templates by a4joomla