Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L’obiettivo 3 nel mondo, in Italia, in regione

 

 

Molte più persone oggi vivono una vita più sana rispetto agli ultimi dieci anni.  Tuttavia, le persone soffrono ancora inutilmente di malattie prevenibili e troppe persone muoiono prematuramente.  Il superamento di malattie e problemi di salute richiederà sforzi concertati e sostenuti, concentrandosi su gruppi di popolazione e regioni che sono stati trascurati.

 

Salute riproduttiva, materna, neonatale e infantile

Nel mondo, il tasso di mortalità materna è diminuito del 37% dal 2000. Tuttavia, nel 2015, 303.000 donne in tutto il mondo sono decedute a causa di complicazioni durante la gravidanza o il parto.  Nel periodo 2012-2017, quasi l'80% dei nati vivi nel mondo è avvenuto con l'assistenza di personale sanitario qualificato.

A livello globale, dal 2000 al 2016, il tasso di mortalità sotto i 5 anni è sceso del 47% e il tasso di mortalità neonatale è diminuito del 39%.  Nello stesso periodo, il numero totale di decessi sotto i 5 anni è sceso da 9,9 milioni a 5,6 milioni.

Anche nelle regioni che si trovano di fronte alle maggiori sfide per la salute, i progressi sono stati notevoli.  Dal 2000, il tasso di mortalità materna nell'Africa subsahariana è stato ridotto del 35% e il tasso di mortalità sotto i 5 anni è diminuito del 50%.

Nel 2018, il tasso di natalità adolescenziale globale è di 44 nascite ogni 1.000 donne tra i 15 ei 19 anni, rispetto ai 56 del 2000. Il tasso più alto (101) si trova nell'Africa sub-sahariana.

L’Italia ha da tempo raggiunto l’obiettivo definito dalle Nazioni Unite per la mortalità neonatale e per la mortalità sotto i 5 anni, collocandosi tra i Paesi con la più bassa mortalità infantile in Europa.

 

 

 

Malattie infettive e malattie non trasmissibili

Globalmente, tra il 2005 e il 2016 l'incidenza dell'HIV è diminuita da 0,40 a 0,26 per 1.000 persone non infette. Per le donne in età riproduttiva nell'Africa sub-sahariana, tuttavia, il tasso è molto più alto, a 2,58 per 1.000 persone non infettate.

Nel 2017, in Italia l’incidenza delle infezioni da HIV e scesa a 5,7 nuovi casi ogni 100.000 residenti, in calo rispetto ai 7 casi registrati nel 2012, ma con un andamento pressoché stabile dopo il 2015.

 

Nel 2016 sono stati segnalati 216 milioni di casi di malaria rispetto a 210 milioni di casi nel 2013. Ci sono stati 140 nuovi casi di tubercolosi ogni 100.000 persone nel 2016 rispetto a 173 casi su 100.000 nel 2000. La prevalenza di epatite B è diminuita tra i bambini sotto i 5 anni da 4,7 a centesimo nell'era dei pre-vaccini all'1,3 per cento nel 2015.

Nel 2016, 1,5 miliardi di persone sono state segnalate per richiedere trattamento di massa o individuale e cure per le malattie tropicali trascurate, in calo da 1,6 miliardi nel 2015 e 2 miliardi nel 2010.

L'acqua potabile non sicura, le misure igieniche non sicure e la mancanza di igiene continuano ad essere i maggiori responsabili della mortalità globale, provocando circa 870.000 morti nel 2016. Questi decessi sono principalmente causati da malattie diarroiche, ma anche da malnutrizione e infezioni da nematodi intestinali.

Globalmente, nel 2016 sono morte 32 milioni di persone a causa di malattie cardiovascolari, cancro, diabete o malattie respiratorie croniche.  La probabilità di morire per queste cause è stata del 18% circa nel 2016 per le persone tra i 30 ei 70 anni di età.

Nel 2016, l'inquinamento atmosferico domestico ed esterno ha provocato circa 7 milioni di morti in tutto il mondo.

 

In Italia riprende la diminuzione del tasso standardizzato di mortalità tra 30-69 anni per tumori maligni, diabete mellito, malattie cardiovascolari e malattie respiratorie croniche.

Nel 2017 tornano ad aumentare in Italia i decessi in incidente stradale, mentre si arresta la crescita del tasso di lesioni gravi in incidenti stradali.

Nel 2017 sono 58,7 gli anni attesi di vita in buona salute alla nascita nel nostro Paese. Nel 2017 circa un sesto delle persone di 15 anni e più ha assunto comportamenti a rischio nel consumo di alcol.

 

 

 

Sistemi sanitari e finanziamenti

Globalmente, quasi il 12% della popolazione mondiale (oltre 800 milioni di persone) ha speso almeno un decimo del proprio bilancio familiare per pagare i servizi sanitari nel 2010, rispetto al 9,7% nel 2000.

I dati disponibili dal 2005 al 2016 indicano che quasi il 45% di tutti i paesi e il 90% dei paesi meno sviluppati (LDC) hanno meno di un medico ogni 1.000 persone e oltre il 60% ha meno di tre infermieri o ostetriche ogni 1.000 persone.

 

 

Dati del Friuli Venezia Giulia

 

 

 

 

Confronti "Rip." rispetto alle regioni nord orientali e rispetto alla media nazionale. Verde migliore rispetto alla media, giallo peggiore rispetto alla media

 

 


Torna all'Indice