Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il pericolo del cambiamento climatico ed il caso Artico

 

 

Cambiamento climatico

Nel 2014 l'International Panel for Climate Change (IPCC) scriveva che, entro la metà del 21° secolo la ridistribuzione globale delle specie marine e la riduzione della biodiversità marina nelle regioni sensibili avranno un impatto negativo sulla produttività della pesca e su altri servizi eco sistemici. I mutamenti spaziali delle specie marine a causa del surriscaldamento causeranno invasioni ad alta latitudine e alti tassi di estinzione locale nei tropici e nei mari semi chiusi. I cambiamenti climatici si aggiungono alle minacce di pesca eccessiva e di altri fattori di stress non climatici, complicando così i regimi di gestione marittima.

In realtà il rapporto dell’IPCC, non trasmette pienamente la portata dei cambiamenti che stanno avvenendo nell’oceano. L'emissione annuale di gigatoni di carbonio nell'atmosfera ha portato a una moltitudine di cambiamenti fisici tra cui l’aumento della temperatura globale, la perturbazione delle condizioni meteorologiche regionali, l’innalzamento del livello del mare, cambiamento dei carichi di nutrienti e alterazione della circolazione oceanica. L'aumento dei livelli di CO2 atmosferica spinge più CO2 nell'oceano, portando a profondi cambiamenti nella chimica dell'oceano.

 


Leggi anche

La chimica dell’acidificazione degli oceani


 

 

L'oceano assorbe quasi la stessa quantità di CO2 di tutte le foreste e piante terrestri messe insieme e ha assorbito circa il 93% del calore aggiuntivo combinato immagazzinato da aria calda, mare, terra e ghiaccio fuso tra il 1971 e il 2010.

Tutti i bacini oceanici hanno registrato un riscaldamento significativo dal 1998, soprattutto negli oceani del sud. Con le onde, le maree e le correnti, le acque oceaniche  vengono mescolano costantemente ed il calore viene trasferito dalle latitudini più calde a quelle più fredde e ai livelli più profondi.

 

 

L'Artico

L'Artico sta rispondendo ai cambiamenti climatici più rapidamente, e probabilmente più severamente, che in qualsiasi altra parte della Terra. I mari polari sono particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici a causa della loro sensibilità alla ritirata del ghiaccio marino.

Le calotte glaciali su entrambi i poli hanno dimensioni e massa ridotte a causa dei cambiamenti climatici e questo, insieme allo scioglimento dei ghiacciai e all'espansione termica dell'acqua di mare, è portando ad un innalzamento del livello del mare al ritmo di circa 3 mm all'anno.

Nell'Artico, la calotta glaciale della Groenlandia si sta ritirando a un ritmo senza precedenti e sta contribuendo direttamente all'innalzamento del livello del mare. Le temperature estive nell'Oceano Artico sono ora 2–2 3 ° C più caldo rispetto alla media 1982–2010 e c'è stata una corrispondente riduzione dell'estensione del ghiaccio marino estivo di quasi il 50% dalla fine degli anni '70 al 2017.

Il declino dell'estensione e dello spessore del ghiaccio marino è aggravato da un circuito di retroazione. Il sistema polare è un sistema dinamico che si adatta alle modifiche. Nel caso dell’Artico se diminuisce la superficie del ghiaccio, diminuisce l'albedo globale, ossia meno calore viene riflesso dalla superficie, il che porta ad un maggiore riscaldamento della superficie terreste che a sua volta amplifica lo scongelamento del permafrost. Inoltre, il ghiaccio più sottile e meno compatto è più vulnerabile alla rottura.

Nel complesso si è verificato un cambiamento fondamentale nel regime del ghiaccio marino artico. Si è passati da un sistema dominato dallo spessore del ghiaccio pluriennale ad un sistema controllato dal ghiaccio annuale più sottile e più dinamico.

 

L’equilibrio tra le acque dell’Oceano Artico con l’Atlantico è influenzato anche dal gradiente di salinità. Si è rotto l’equilibrio tra acqua fredda salata e profonda e acque superficiali che stanno provocando uno scioglimento dei ghiacci dal basso.

Questa 'Atlantificazione' del bacino eurasiatico dell'Oceano Artico aiuta a spiegare la rapida decimazione del ghiaccio artico ed è anche suscettibile di causare sostanziali cambiamenti biogeochimici e geofisici che influenzeranno la vita nei mari di questa regione.

I cambiamenti sopra descritti, insieme ad altri problemi come un ridotto flusso di nutrienti da una maggiore stratificazione causata da un aumento delle acque dolci che entrano nell'Oceano Artico, causeranno tutti sconvolgimenti negli ecosistemi marini artici.

All'interno delle reti alimentari, i cambiamenti climatici stanno influenzando la produttività primaria e la distribuzione, l'abbondanza e le condizioni dei principali predatori.

 

Impatti dei cambiamenti climatici sui mammiferi marini dipendenti dal ghiaccio

I mammiferi marini dell'Artico che sono più strettamente associati al ghiaccio marino sono il narvalo, il beluga, la balena di prua, alcuni tipi di foche, il tricheco e il orso polare.

Per il momento non esistono dati certi e non è possibile prevedere come il cambiamento climatico modificherà la popolazione di questi mammiferi.

Le risposte dei mammiferi marini artici ai cambiamenti causati dal cambiamento climatico nel ghiaccio marino varieranno e potrebbero anche essere positive a breve termine per alcune specie se la produttività dell'ecosistema aumenta.

Ad esempio per le foche dipendenti dal ghiaccio, i tempi della rottura del ghiaccio marino sono fondamentali perché hanno bisogno del tempo sufficiente per svezzare i loro cuccioli prima che si rompano. Qualsiasi accorciamento del periodo di habitat adatto per i cuccioli può ridurre il tasso di sopravvivenza dei cuccioli.

Le foche dagli anelli possono fare le loro tane solo in condizioni specifiche su ghiaccio e neve. Il tricheco si nutre in acque poco profonde usando banchi di ghiaccio per riposare.

L'orso polare, che è elencato come vulnerabile nella Lista rossa delle specie minacciate dell'IUCN, dipende fortemente dal ghiaccio marino in quanto è utilizzato come piattaforma da cui cacciare, è luogo di accoppiamento e dove alleva i suoi cuccioli. In breve, il ghiaccio è una piattaforma per l'intero ciclo di vita dell'orso.

Per sopravvivere alle condizioni estreme della loro casa artica, gli orsi polari hanno elevate esigenze energetiche che sono soddisfatte dal consumo di prede ad alto contenuto di grassi come le foche. Tuttavia, il mutare delle condizioni del ghiaccio marino sta obbligando gli orsi ad investire più energia per trovare sufficienti prede. L'aumento degli investimenti sta influenzando il bilancio energetico di questa specie, con impatti a livello di popolazione. Ad esempio, il ritirarsi dei ghiacci nei mari di Beaufort e Chukchi sta costringendo gli orsi a compiere viaggi più lunghi, aumentando la mortalità dei cuccioli di orso polare e mettendo a dura prova gli adulti. È noto che una femmina di orso polare abbia nuotato per nove giorni consecutivi, attraversando 687 km di acqua.

In alcuni luoghi, alcuni orsi sembrano aver adeguato la propria ai cambiamenti delle condizioni ambientali e predare opportunisticamente su nidi di oca selvatica, edredone comune e gabbiano glauco. Gli orsi hanno imparato a predare i nidi prima che le uova si siano schiuse, distruggendo fino al 90% dei nidi.

Gli effetti a lungo termine di questo cambiamento nel comportamento alimentare non sono stati completamente compresi, ma l'esempio illustra un possibile effetto a cascata dell'ecosistema dai cambiamenti climatici.

 

Popolazioni di pesci in movimento

I molteplici cambiamenti ambientali che si verificano nell'Oceano Artico a causa dei cambiamenti climatici possono portare a cambiamenti significativi nella distribuzione di varie specie ittiche commercialmente importanti.

Un possibile effetto della diminuzione dei ghiacci nell'Oceano Artico è il potenziale di interscambio di specie ittiche tra il Pacifico e l'Atlantico, un meccanismo che fino ad ora è impedito dalle temperature fredde e dai bassi livelli di nutrienti nell'Oceano Artico.

I principali ingressi nell'Oceano Artico da parte di specie sub-artiche sono attraverso lo Stretto di Bering per gli organismi del Pacifico e attraverso il Mare di Norvegia e Barents per quelli dell'Atlantico.

 

 

 


Torna all'indice