Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L’impatto dei cambiamenti climatici in regione: ecosistemi terrestri

 

 

Il clima è uno dei fattori che influiscono maggiormente sui sistemi naturali, determinandone la composizione, la produttività, la struttura e la funzione. I cambiamenti climatici in atto stanno quindi influenzando in modo decisivo sia la biodiversità sia i processi ecosistemici degli ambienti terrestri.

Le specie possono rispondere alle variazioni climatiche sostanzialmente secondo tre modalità:

1) adattandosi alle nuove condizioni, ad esempio attraverso lo spostamento nel tempo delle fasi del ciclo vitale;

2) migrando, in altre parole spostandosi verso latitudini o quote dove le condizioni sono ancora adeguate o lo sono diventate;

3) quando invece il cambiamento ambientale è repentino e/o si prolunga nel tempo tanto da non permettere un adattamento o una migrazione, si può verificare l’estinzione locale o, nel caso di cambiamenti su tutto l’areale di distribuzione, l'estinzione globale della specie.

 

 

Gli effetti dei cambiamenti climatici a breve termine su specie ed comunità ecologiche sono generalmente catastrofiche in quanto si assiste ad una riduzione della biodiversità e il deterioramento o la perdita di interi habitat ed ecosistemi.

Un’altra relazione importante è quella tra cambiamenti climatici e diffusione delle specie provenienti da altre are geografiche, che possono mettere a rischio la presenza di specie native alterando gli ecosistemi.

I cambiamenti climatici e le emissioni di gas serra agiscono negativamente in sinergia con altri driver di cambiamento globale e locale, come la frammentazione e degradazione degli habitat, l’invasione di specie aliene, l’inquinamento e i cambiamenti di uso del suolo. Nell’insieme, queste saranno le principali cause della perdita della biodiversità in ambiente terrestre con importanti ricadute non solo in ambito ecologico, ma anche economico e sociale, a causa ad esempio del peggioramento della qualità delle acque, del declino degli impollinatori, dell’aumento del rischio idrogeologico e del degrado del suolo.

Le zone alpine e appenniniche di alta quota e la regione biogeografica mediterranea, sono le aree a maggior rischio di perdita di biodiversità che, ad oggi, hanno subito gli impatti più evidenti. I siti di alta quota, soprattutto nelle Alpi, sono caratterizzati da un ridotto impatto antropico, in questi ecosistemi le specie presentano adattamenti a condizioni estreme e risultano particolarmente sensibili all’effetto dei fattori climatici. Differente è invece la situazione per l’area mediterranea, dove da millenni l’ambiente è modellato e plasmato dall’attività antropica che concorre, quindi le modifiche saranno meno evidenti e con più difficoltà possono essere ricondotte a cause climatiche.

Il Friuli Venezia Giulia, collocandosi a cavallo delle due regioni biogeografiche mediterranea e alpina, è e sarà interessato in maniera rilevante dagli impatti dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi e sulla biodiversità. Data la grande varietà di climi locali, habitat, comunità e specie animali e vegetali la nostra regione avrà un maggiore stress climatico.

 

 


Torna all'indice