Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Quali sono i possibili scenari futuri?

 

Manipolare il tempo

Gli strumenti di manipolazione meteorologica saranno utilizzati sempre più su vasta scala.

A parte le potenziali conseguenze ambientali, in un momento in cui aumentano le tensioni geopolitiche, anche una manipolazione meteorologica ben intenzionata potrebbe essere considerata ostile. Le percezioni sarebbero di primaria importanza: uno stato vicino potrebbe vedere come il furto di pioggia o il motivo di una siccità. Gli aerei utilizzati per la semina delle nuvole potrebbero essere visti come strumenti a duplice uso: climatico e di spionaggio.

Gli usi ostili sono proibiti, ma non possono essere esclusi: per esempio, gli strumenti di manipolazione meteorologica potrebbero essere utilizzati per interrompere l'agricoltura o la pianificazione militare di un vicino.

E se gli stati decidessero unilateralmente di utilizzare tecnologie di geoingegneria più radicali, potrebbero scatenare drammatiche interruzioni climatiche.

Man mano che le tecnologie evolvono e la distribuzione aumenta, è necessaria una maggiore trasparenza al fine di limitare ambiguità.

 

 

 

Le città in crisi

La geografia politica mondiale si sta trasformando a causa di una crescente migrazione dalle aree rurali a quelle urbane, mettendo a dura prova la rete di connessioni tra le due realtà. Le divergenze si stanno allargando su numerose dimensioni, come valori, età, istruzione, potere e prosperità. Cosa succede se si raggiunge un punto critico in cui il divario tra aree urbane e rurali diventa così acuto che l'unità degli Stati comincia a erodersi?

A livello nazionale, valori divergenti tra aree urbane e rurali stanno già alimentando la polarizzazione e la volatilità elettorale in molti paesi. Maggiore amarezza e rivalità potrebbero portare a scontri violenti.

I movimenti separatisti potrebbero sfondare nelle ricche città-regioni che risentono del dirottamento delle entrate verso le aree rurali più povere con le quali si sentono diminuire le affinità. Le città leader potrebbero cercare di aggirare le strutture nazionali e svolgere direttamente un ruolo internazionale. Economicamente, l'accelerazione della migrazione urbana potrebbe portare allo spopolamento rurale e al declino delle economie locali, con potenziali implicazioni sulla sicurezza alimentare in alcuni paesi.

Una migliore pianificazione a lungo termine, sia per le città in espansione che per quelle rurali a rischio di declino, potrebbe aiutare a mitigare questi pericoli. Collegamenti di trasporto e comunicazione più forti potrebbero contribuire ad attenuare il divario tra aree urbane e rurali. Saranno necessarie risorse che potrebbero richiedere maggiore entrate fiscali.

 

 

 

Emergenza alimentare

I cambiamenti climatici stanno mettendo a dura prova il sistema alimentare globale e le tensioni internazionali sono già aumentate. Il peggioramento delle guerre commerciali potrebbe tradursi in minacce ad alto rischio di interrompere il cibo o le forniture agricole.

Gli attori statali o non statali potrebbero bersagliare le colture di uno stato avversario, ad esempio con un attacco biologico clandestino.In queste circostanze, le dinamiche di ritorsione potrebbero prendere rapidamente piede.

Il diffuso rischio di carestia negli ultimi anni suggerisce che, nei paesi meno sviluppati, c’è un aumento del rischio di morti per denutrizione.

Un commercio più resiliente e le reti umanitarie potrebbero contribuire a limitare l'impatto delle interruzioni delle forniture alimentari. Ma se le guerre commerciali mettono a rischio le forniture alimentari, alcuni paesi potrebbero cercare una maggiore autosufficienza nella produzione alimentare e nell'agricoltura.

In alcune economie avanzate può essere richiesta la ricerca della diversificazione agricola e lo sviluppo di varianti colturali più produttive potrebbero rafforzare la sicurezza nazionale riducendo la vulnerabilità dei paesi.

 

 

 

Emergenza idrica

Una serie di fattori stanno spingendo le megalopoli verso un "giorno zero dell'acqua" che vede i rubinetti in secca. Questi includono crescita della popolazione, migrazione, industrializzazione, cambiamenti climatici, siccità, esaurimento delle acque sotterranee, infrastrutture deboli e scarsa pianificazione urbana. La politica a breve termine accentuerà ulteriormente questi pericoli.

Lo shock sociale di rimanere senza acqua potrebbe portare a direzioni molto diverse a seconda del contesto. Potrebbe aggravare le divisioni. I conflitti potrebbero esplodere per l'accesso a qualsiasi tipo di acqua fosse ancora disponibile, oppure i residenti più ricchi potrebbero iniziare a importare forniture private. Ma uno shock idrico potrebbe anche galvanizzare le comunità di fronte a una sfida esistenziale condivisa. In ogni caso, il danno sarebbe fatto. L'igiene ne risentirebbe, aumentando le tensioni sui sistemi sanitari.

Pianificare in tempo di abbondanza di acqua ridurrebbe il rischio di raggiungere il punto di "giorno zero dell'acqua, ad esempio con campagne di informazione pubblica e manutenzione delle infrastrutture esistenti, nonché regolamentare la quantità di acqua che le famiglie, le imprese e il governo possono utilizzare. Nuove fonti d'acqua potrebbero essere identificate.

 

 

 

Rischio proveniente dallo spazio

I satelliti sono centrali per il buon funzionamento delle tecnologie civili e militari, le attività commerciali e governative nello spazio sono aumentate. Lo spazio è un regno giuridicamente ambiguo che crea una potenziale confusione internazionale. I detriti spaziali proliferano: mezzo milione di pezzi si muovono in orbita alla velocità di un proiettile.

Le collisioni accidentali di detriti potrebbero causare interruzioni significative della connettività Internet e tutto ciò che si basa su di esso. Ma in un momento di intensificazione della competizione geopolitica, lo spazio potrebbe anche diventare un'arena per un conflitto attivo. Anche le mosse difensive per proteggere le risorse spaziali critiche potrebbero innescare una corsa agli armamenti destabilizzante. In futuro, man mano che lo spazio diventa più accessibile, potrebbero emergere nuove minacce di terrorismo spaziale.

Nuove regole o protocolli aggiornati fornirebbero maggiore chiarezza, in particolare sulla rapida espansione delle attività commerciali e militari.

 

 

 

La rottura emotiva

Sta aumentando l'intreccio tra tecnologia e vita umana. L'uso di algoritmi in grado di leggere le emozioni umane o predire le nostre risposte emotive diventa sempre più importante.

Le conseguenze negative, sia accidentali che intenzionali, potrebbero essere profonde.

Quale sarebbe l’effetto sulla popolazione di notizie false? Di interferenza elettorale o il micro-targeting della pubblicità? Si apriranno anche nuove possibilità di radicalizzazione, con l'apprendimento automatico utilizzato per identificare gli individui emotivamente ricettivi e i trigger specifici che potrebbero spingerli verso la violenza. I governi oppressi potrebbero utilizzare l'informatica affettiva per esercitare il controllo.

 

 

 

Populismo monetario

Cosa succederebbe se l'ondata protezionistica si espandesse per inghiottire le banche centrali nel cuore del sistema finanziario globale? In un contesto di escalation geo-economica, alcuni potrebbero voler "riprendere il controllo" della politica monetaria e usarla come arma in uno scontro diretto tra le economie mondiali.

Una sfida politica diretta all'indipendenza delle principali banche centrali potrebbe turbare i mercati finanziari. Gli investitori potrebbero mettere in discussione la solidità delle fondamenta istituzionali del sistema finanziario globale.

Con l'aumento del disagio, i mercati potrebbero iniziare a tremare e le valute oscillare. L'incertezza si diffonderebbe all'economia reale. La polarizzazione ostacolerebbe la risposta politica interna.