Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

World Economic Forum - Global Risks 2019: aumento del livello dei mari

Le città sono in rapida crescita e molte persone saranno vulnerabili all'innalzamento del livello del mare.

 

 

Si prevede che due terzi della popolazione globale vivrà nelle città entro il 2050. In questo momento 800 milioni di persone vivono in più di 570 città costiere che vedranno un innalzamento del livello del mare di 0,5 metri entro il 2050.

Alcune città hanno iniziato ad inserire strategie allo scopo di affrontare l'aumento del livello del mare.

Innalzamento del livello del mare

Se il riscaldamento globale continua al ritmo attuale, il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) ritiene probabile che l'aumento della temperatura atmosferica raggiungerà 1,5°C entro i prossimi 35 anni. Prevenire questo richiederà un'azione senza precedenti per guidare la decarbonizzazione dell’agricoltura, energia, industria e trasporti. Sembra sempre più probabile che il mondo raggiunga anche il limite superiore di 2°C identificato dall'Accordo sul clima di Parigi. L'attuale traiettoria è verso un aumento di circa 3,2°C.

Con l'aumentare delle temperature globali, i livelli del mare sono aumentati ad un ritmo accelerato. Secondo l'IPCC, l'aumento medio del livello del mare tra il 1901 e il 2010 è stato di 1,7 millimetri all'anno. Tra il 1993 e il 2010 è stato di 3,2 mm/a. Il livello del mare globale continuerà ad aumentare nei prossimi anni a causa dell'aumento del riscaldamento oceanico e della perdita di ghiacciai e delle calotte glaciali. Secondo l'IPCC, un aumento di 2°C farà salire i livelli del mare tra 0,30 e 0,93 metri entro il 2100. Altre ricerche suggeriscono che tale aumento potrebbe arrivare fino a 2 metri anche con un riscaldamento al di sotto di 2°C. A questi ritmi, oltre il 2100, l’aumento del livello del mare potrebbe raggiungere i 6 metri. L'incertezza è dovuta alla natura complessa dell'interazione tra riscaldamento atmosferico, riscaldamento oceanico e perdita di ghiaccio delle calotte polari.

L'innalzamento del livello del mare varierà anche a livello regionale e locale: ad esempio, la perdita di ghiaccio nell'Antartico avrà un impatto sproporzionato nell'emisfero settentrionale.

Il relativo innalzamento del livello del mare sarà ancora più pronunciato nelle molte città che stanno affondando a causa di fattori che includono l'estrazione delle acque sotterranee e il peso crescente del sito urbano. Alcune città stanno affondando più velocemente di quanto il livello del mare stia aumentando: in alcune parti di Jakarta, ad esempio, il livello del suolo è diminuito di 2,5 metri nell'ultima decade. Inoltre, l'innalzamento del livello del mare amplifica l'impatto delle mareggiate.

 

Gli indicatori del cambiamento climatico: livello del mare

 

L'Asia sarà la regione sottoposta alla pressione maggiore a causa di una combinazione di idrologia, densità di popolazione, concentrazione di attività e popolazione.

La Banca Mondiale rileva che il 70% delle più grandi città europee ha aree vulnerabili all'innalzamento del livello del mare. L'Africa ha almeno 19 città costiere vulnerabili con una popolazione di oltre 1 milione di abitanti.

Negli Stati Uniti, città della costa orientale tra cui Norfolk, Baltimora, Charleston e Miami hanno già sperimentato inondazioni a causa dell'innalzamento del livello del mare.

Le città che si trovano sui delta dei fiumi sono maggiormente vulnerabili. Ad esempio è stato stimato che in Bangladesh un aumento di 0,5 metri comporterebbe una perdita di circa l'11% del paese provocando un esodo di 15 milioni di persone.

 

 

 

I danni potenziali

L'innalzamento del livello del mare provocherà gravi danni alle proprietà - non solo abitazioni e imprese ma anche beni pubblici e infrastrutture critiche.

Negli Stati Uniti, uno studio ha rilevato che tra il 2005 e il 2017 l’innalzamento del livello del mare ha cancellato 14,1 miliardi di dollari di proprietà privata in Connecticut, Florida, Georgia, New Jersey, New York, Carolina del Nord, Carolina del Sud e Virginia. Nei paesi in via di sviluppo, la minaccia alla proprietà è spesso aggravato dall'erosione costiera. Alcune comunità costiere dell'Africa subsahariana stanno perdendo fino a 30-35 metri di terra ogni anno, con migliaia di persone a rischio.

Uno studio del Centro oceanografico nazionale del Regno Unito proietta il costo globale dell'innalzamento del livello del mare a 1400 miliardi di dollari all'anno nel 2100.

 

 

 

Non agire ha un costo.

Varie forme di infrastrutture e attività economiche sono a rischio a causa dell'innalzamento del livello del mare. Alcuni esempi.

Strade: uno studio sulle strade costiere della costa orientale degli Stati Uniti stima che le inondazioni causate dall’alta marea causa 100 milioni di ore di ritardo ogni anno, che potrebbero arrivare a 3,4 miliardi di ore entro il 2100.

Ferrovie: i ricercatori prevedono che, nel caso di un innalzamento del mare di 0,55 m, per spostare un tratto di 4,5 chilometri di ferrovia costiera nel Regno Unito costerebbe centinaia di milioni di sterline.

Porti: la Banca Mondiale ha individuato 24 città portuali in Medio Oriente e 19 in Nord Africa che sono particolarmente a rischio nel caso di un aumento del livello del mare.

Internet: negli Stati Uniti, oltre 15.000 km di cavi in fibra ottica e 1.100 nodi finiranno sott'acqua entro 15 anni. A differenza dei cavi sottomarini per Internet, questi non sono progettati per essere impermeabile.

Servizi igienico-sanitari: uno studio del 2018 ha rilevato che negli Stati Uniti un aumento a livello del mare di soli 30 centimetri esporrà 60 impianti di trattamento delle acque reflue, che servono più di 4,1 milioni di persone.36 Gli impianti di trattamento dell'acqua in Benin e in altri paesi dell'Africa occidentale sono già minacciati da il mare.

Servizi igienico-sanitari: uno studio del 2018 ha rilevato che negli Stati Uniti un aumento del livello del mare di soli 30 centimetri esporrà 60 impianti di trattamento delle acque reflue, che servono più di 4,1 milioni di persone.

Acqua potabile: aumento dell'inquinamento delle falde acquifere causate dalla salinizzazione, entro il 2050 si prevede che oltre 650 milioni di persone in 500 città subiranno un calo nella disponibilità di acqua dolce.

Energia: l'iniziativa “C40 Cities” ha identificato 270 centrali elettriche vulnerabili ad un eventuale innalzamento del livello del mare di 0,5 metri; questi impianti forniscono energia a 450 milioni di persone soprattutto in Asia, Europa e nella costa orientale del Nord America.

Turismo: in molte città, le aree costiere sono una fonte di reddito da turismo e affari.

Agricoltura: l'innalzamento del livello del mare può portare ad un aumento della salinizzazione del suolo e delle risorse idriche utilizzate per l'irrigazione, in particolare nelle regioni del delta.

 

Nel 2017, 18,8 milioni di persone sono state evacuate a causa dei disastri meteorologici, tra cui inondazioni e tempeste costiere. L'aumento del livello del mare renderà molte terre inabitabili o economicamente non redditizie.

L’innalzamento del livello del mare porterà, molto probabilmente, alla migrazione della popolazione nell’entroterra. Un numero maggiore di persone sarà stipato in tratte restringenti di spazi urbani abitabili, e molto probabilmente si trasferiranno in altre città, sia a livello nazionale che in altri paesi.

Questi cambiamenti possono causare pressioni sociali, economiche e di sicurezza. Secondo la Banca Mondiale, i cambiamenti climatici potrebbero costringere 86 milioni di persone nell'Africa sub-sahariana, 40 milioni nell'Asia meridionale e 17 milioni nell'America latina a trasferirsi permanentemente entro il 2050.

 

 

 

Adattamento costiero

Le città che devono affrontare il rischio di danni causati dall'innalzamento del livello del mare possono adattarsi cercando di tenere fuori l'acqua o imparando a convivere con livelli più alti dell’acqua.

Ci sono tre possibili strategie principali. Il primo riguarda progetti di ingegneria che hanno lo scopo di mantenere l'acqua fuori dalle città, come le dighe, le barriere anti-tempesta, le pompe dell'acqua e le camere di troppopieno. Il secondo riguarda le difese naturali - ad esempio, la conservazione o il ripristino di mangrovie e paludi salmastre. La terza strategia coinvolge le persone, ad esempio spostando le famiglie e le imprese verso aree più sicure o investendo in capitale sociale per rendere le comunità a rischio di inondazione più resilienti.

 

 

 

 

Joomla templates by a4joomla